- Superando.it - https://www.superando.it -

Lavorare in azienda con un deficit della vista

Cieco davanti al computer

Una persona con disabilità visiva al lavoro con il computer

«Indicare percorsi che, mettendo organizzazione e tecnologie al servizio della persona con disabilità che lavora in azienda, ne favoriscano l’autonomia, le relazioni e la partecipazione alla vita d’impresa»: avevamo presentato così, nell’ottobre dello scorso anno, il ciclo di cinque seminari organizzato dalla Fondazione ASPHI (Avviamento e Sviluppo di Progetti per ridurre l’Handicap mediante l’Informatica), sul tema Persone con disabilità in azienda: fattori organizzativi e tecnologici per un rapporto positivo e duraturo.
«In particolare – era stato ulteriormente sottolineato dall’ASPHI – intendiamo approfondire le tecnologie e gli adattamenti utili per migliorare l’accessibilità, la fruibilità e la funzionalità delle postazioni di lavoro delle persone con disabilità, con riferimento al concetto di “funzionamento” proposto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Sono previsti anche spazi dimostrativi e di prova di alcune tecnologie. I temi trattati costituiranno un utile strumento di lavoro per le figure professionali che nelle imprese ogni giorno lavorano “sul campo”, per rispondere sempre meglio all’esigenza di costruire percorsi di inclusione dei lavoratori con disabilità. E costituiranno anche un’opportunità di aggiornamento per gli operatori e le istituzioni del territorio».

Dopo quindi i primi due incontri, dedicati rispettivamente ai Lavoratori con deficit uditivi e ai Lavoratori con deficit intellettivi, il terzo appuntamento, in programma per mercoledì 20 gennaio a Bologna, presso l’Aula Magna di Unindustria (Via San Domenico, 4, ore 14.30-17.30), riguarderà i Lavoratori con deficit della vista.
Introdotto da Tiziana Ferrari, dirigente generale di Unindustria Bologna, il seminario prevede la partecipazione di Gabriele Gamberi della Fondazione ASPHI, Matteo Stefani, atleta di paraclimbing, Gabriele Battaglia, membro dell’ASCI (Associazione Scacchisti Ciechi Italiani), Lucia Baracco, presidente dell’Associazione Lettura Agevolata, Marina Vriz della Fondazione ASPHI, Consuelo Battistelli di IBM, Vera Arma, presidente dell’Associazione CulturAbile, Sebastiano Presti, tecnico dell’educazione e della riabilitazione in orientamento e Serenella Sandri.
Prima dell’inizio sarà inoltre possibile visitare alcune postazioni di tecnologie e ausili predisposte da RP Emilia Romagna (Associazione Retinite Pigmentosa e Malattie Rare in Oftalmologia), dal Centro Internazionale del Libro Parlato, dall’Istituto dei Ciechi Cavazza di Bologna e da altre organizzazioni che aderiranno.

Patrocinato dall’Associazione GLIC (Rete Italiana dei Centri di Consulenza sugli Ausili Informatici ed Elettronici per Disabili) e dalla Regione Emilia Romagna, il seminario si avvarrà della collaborazione dell’AIDP (Associazione Italiana per la Direzione del Personale) e dell’AIF (Associazione Italiana Formatori). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@asphi.it.