- Superando.it - https://www.superando.it -

Doppio appuntamento per “Happy Hand in Tour”, nel Veneto e in Lombardia

Maggio 2016, San Donà di Piave: "Happy Hand in Tour"

Un’accesa partita di calcio balilla, durante la prima uscita a San Donà di Piave di “Happy Hand in Tour”, nel maggio 2016

Tra sport, danza, musica e tanta buona informazione, sarà un doppio appuntamento, quello che contraddistinguerà il prossimo fine settimana di Happy Hand in Tour, il ciclo di eventi costantemente seguito anche dal nostro giornale, che tramite lo sport e l’espressione creativo-artistica, cerca di trasmettere una nuova cultura sulla disabilità, durante una serie di tappe nei centri commerciali del nostro Paese. Il tutto per volontà della Società IGD (Immobiliare Grande Distribuzione), della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e del CIP (Comitato Italiano Paralimpico), oltreché dell’Associazione WTKG (Willy the King Group) e – da questa seconda edizione – di due nuovi partner, ovvero l’UISP (Unione Italiana Sport per Tutti) e il CSI (Centro Sportivo Italiano).
Accadrà domani, sabato 17, e domenica 18 marzo, rispettivamente al Centro Commerciale Piave di San Donà di Piave (Venezia) e al Centro Commerciale Sarca di Sesto San Giovanni, nell’hinterland di Milano, due sedi che già nel 2016 fa avevano riservato una calda accoglienza alla manifestazione (se ne legga a questo e a quest’altro link), in occasione della prima edizione della stessa (nel box in calce il dettaglio sui programmi).

Sesto San Giovanni (Milano), Aprile 2016, "Happy Hand in Tour"

Un’immagine di “Happy Hand in Tour” al Centro Sarca di Sesto San Giovanni (Milano), nell’aprile 2016

Durante la prima stagione di Happy Handy in Tour, è sempre opportuno ricordare, sono state ben 154 le iniziative in 11 Regioni italiane, con il coinvolgimento di 500 volontari, 200 tra associazioni e gruppi sportivi, culturali e musicali e migliaia di persone ad incuriosirsi e ad appassionarsi. Un grande successo popolare, che ha colto appieno il messaggio culturale basato innanzitutto sul principio che la disabilità non è dipendenza, né malattia, ma un fatto strettamente connesso all’ambiente, alla cultura e ai pregiudizi. Un successo, inoltre, che sta via via crescendo anche in questa seconda stagione.
Questo è stato possibile, come detto, innanzitutto grazie alla Società Immobiliare Grande Distribuzione (IGD), uno dei principali player in Italia nel settore immobiliare della grande distribuzione organizzata, con quotazione in borsa, che sviluppa e gestisce Centri Commerciali su tutto il territorio nazionale. E al fianco di IGD la FISH, Federazione che raggruppa decine di Associazioni di persone con disabilità e delle loro famiglie, il CIP (Comitato Italiano Paralimpico), e l’Associazione WTKG (Willy the King Group), fondata da William “Willy” Boselli, persona con tetraplegia, vero e proprio “veterano” di questo tipo di eventi. Ma anche due nuovi partner come l’UISP (Unione Italiana Sport per Tutti) e il CSI (Centro Sportivo Italiano). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: presidenza@fishonlus.it (Segreteria Nazionale FISH).
Per San Donà di Piave: uildmve@uildmve.it (Camilla Calandrini).
Per Sesto San Giovanni: francesco.villabruna@gmail.com (Francesco Villabruna).

Happy Hand in Tour, 17-18 marzo
San Donà di Piave (Venezia), Centro Commerciale Piave (Via Iseo, 1)
Nella località veneta si incomincerà nella mattinata di sabato, in compagnia di Samuele Fabian ed Elia Vettore, atleti dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Orange Bowl di Maserà di Padova, la prima e finora unica organizzazione a praticare nel Veneto la boccia paralimpica a livello agonistico. Tutti dunque, persone con e senza disabilità, potranno conoscere questa bella disciplina, rivolta in particolare a persone con disabilità grave e gravissima.
Successivamente, e anche nel pomeriggio, sarà il CIP Veneto (Comitato Italiano Paralimpico), alla presenza del suo stesso presidente Ruggero Vilnai, a proporre dimostrazioni di calcio balilla e tennis tavolo, che incontreranno certamente il favore di grandi e piccoli, presenti al Centro Piave.
La chiusura della giornata sarà insieme a Matteo Ardit, persona ipovedente, campione e istruttore di judo.
Quella di domenica, invece, sarà una giornata con grande spazio dedicato alla danza, portata a San Donà di Piave dall’Associazione Sportiva Dilettantistica In.Da.Co. (Integrazione Danza Comunicazione) di Ferrara, che promuove la cultura dell’inclusione proprio attraverso quest’arte.
L’attività di danza integrata, prevista sia in mattinata che nel pomeriggio, si articolerà su balli in gruppo o in coppia, in carrozzina o in piedi, con deambulatore o da seduti. A condurre il tutto sarà Donata Rodi, maestro di danza paralimpica della FIDS (Federazione Italiana Danza Sportiva), supportata dagli istruttori Mario Montalbano e Michele Piattella.
In parallelo non mancherà il divertimento, con una dimostrazione di freccette, aperta a tutti, a cura della FIGF (Federazione Italiana Gioco Freccette), dalle 10.30 in poi, sino al pomeriggio inoltrato.
In entrambe le giornate verranno allestite varie postazioni, con la distribuzione di materiale informativo sui progetti e le attività svolte, anche con la proiezione di videofilmati. A curarle, insieme a tutte le organizzazioni finora citate, vi saranno anche la UILDM di Venezia (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) e la FISH.

Sesto San Giovanni (Milano), Centro Commerciale Sarca (Via Milanese)
Ad avviare le varie iniziative nella località lombarda, sarà, sin dal pomeriggio di sabato, l’UISP, che garantirà poi la sua costante presenza anche domenica, con dimostrazioni di judo, ginnastica ritmica e calcio.
Altre organizzazioni si presenteranno quindi al pubblico, sempre nel pomeriggio di sabato, a partire dall’Associazione Sportiva Sporting 4E, nata per aggregare atleti con diverse disabilità, affiliata al CONI attraverso la FISDIR (Federazione Italiana Sportiva Disabili Intellettivi Relazionali) e dal 2003 aderente anche al Programma Special Olympics, il movimento internazionale dello sport praticato da persone con disabilità intellettiva.
Sarà un’esibizione di calcio, quella condotta da Sporting 4E, mentre la Polisportiva Milanese 1979 Sport Disabili, Associazione tra le più “antiche” d’Italia nel proprio settore, importante riferimento regionale per il CIP (Comitato Italiano Paralimpico), centrerà la propria partecipazione sul tennis tavolo e sul rugby in carrozzina (domenica pomeriggio).
A completare infine il programma sportivo, la lezione ed esibizione di karate, domenica mattina, a cura dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Kiai Shotokan Karate.
Per quanto riguarda invece la danza e la musica, nel pomeriggio di sabato l’Associazione Artistico-Culturale Il Cortile presenterà un’esibizione di danceability, genere di danza aperto a persone di qualsiasi età, con qualunque livello i esperienza e anche con diverse disabilità.
E a chiudere la due giorni, nel pomeriggio di domenica, è prevista la preziosa esibizione musicale dell’Orchestra AllegroModerato: composta da persone con e senza disabilità, quest’ultima è nata all’interno della “storica” Cooperativa omonima, impegnata da molti anni a dimostrare che l’educazione musicale può attivare e sviluppare energie e competenze emotive, cognitive e relazionali, capaci di valorizzare la qualità della vita delle persone con fragilità psichiche, mentali e fisiche.
Detto che altre Associazioni potrebbero all’ultima ora aggiungersi ulteriormente al programma dell’iniziativa, va ricordato che anche al Centro Sarca verranno allestite in entrambe le giornate varie postazioni, con la distribuzione di materiale informativo sui progetti e le attività svolte, anche con la proiezione di videofilmati. A curarle, insieme alle organizzazioni citate, vi sarà anche la LEDHA, ovvero la Lega per i Diritti delle persone con Disabilità, che costituisce la componente lombarda della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).
Da segnalare infine anche la preziosa collaborazione, per la riuscita dell’evento, di COOP Lombardia.