Ben venga quel nuovo sportello di consulenza sull’accessibilità

Frutto di una convenzione tra l’AAS 5 Friuli Occidentale, la Consulta Regionale delle Associazioni di Persone Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia e la Cooperativa Iris, lo sportello di consulenza sull’accessibilità che sorgerà a Cordenons (Pordenone) sarà un punto di riferimento per famiglie, associazioni, privati e anche enti pubblici, interessati ad approfondire o a risolvere questioni legate all’accessibilità e all’abbattimento delle barriere architettoniche. A curarlo saranno gli esperti del CRIBA FVG (Centro Regionale di Informazione sulle Barriere Architettoniche)

Disegno di Dino Aloi per «DM», giornale della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare)

Disegno di Dino Aloi, realizzato in esclusiva per «DM», giornale della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare). Per gentile concessione

Sarà un nuovo punto di riferimento per famiglie, associazioni e privati – ma anche per enti pubblici – dell’area di Pordenone, interessati ad approfondire o a risolvere questioni legate all’accessibilità e all’abbattimento delle barriere architettoniche.
Si tratta di un nuovo sportello di consulenza sull’accessibilità, che nascerà grazie a una convenzione stipulata tra l’AAS 5 Friuli Occidentale (Azienda per l’Assistenza Sanitaria), la Consulta Regionale delle Associazioni di Persone Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia e la Cooperativa Sociale Iris di Cordenons (Pordenone), con l’obiettivo di portare avanti attività congiunte di collaborazione e informazione per le persone con disabilità e le loro famiglie.

Tale accordo scadrà alla fine del 2020, ma potrà essere rinnovato anche per gli anni successivi. Esso prevede in sostanza l’organizzazione di spazi e personale all’interno della sede della Cooperativa Iris, dove gli esperti del CRIBA FVG – il Centro Regionale di Informazione sulle Barriere Architettoniche ufficialmente riconosciuto dalla Legge Regionale del Friuli Venezia Giulia 10/18 (Principi generali e disposizioni attuative in materia di accessibilità), quale unico riferimento regionale per l’accessibilità – effettueranno appunto un servizio di consulenza.

«Si tratta di una convenzione molto importante – commentano dalla Consulta Regionale -, che metterà a disposizione del territorio un supporto non indifferente. La Cooperativa Iris, oltre a fornire gli spazi, raccoglierà le istanze e le richieste relative alle barriere architettoniche da parte di soggetti pubblici e privati, e poi, in giornate da concordare e organizzare in base alle richieste stesse, il personale del CRIBA si recherà a Cordenons per le consulenze».

Per quanto riguarda i contenuti del supporto e delle informazioni fornite dal CRIBA, essi potranno riguardare vari àmbiti, da quello edilizio a quello urbano, da quello turistico a quello dei trasporti, proponendo suggerimenti di carattere progettuale, ma anche su normative, giurisprudenza, agevolazioni fiscali e contributi pubblici legati all’abbattimento delle barriere. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: segreteria@consultadisabili.fvg.it.

Stampa questo articolo