Rallentano le donazioni degli italiani al Terzo Settore

«Il 2019 ha visto un trend in calo o stabile su tutti i fronti delle pratiche di dono al Terzo Settore, con l’inserimento, poi, di una situazione di emergenza sanitaria e sociale che ha generato una mobilitazione forte anche in termini di donazioni, ma riferibili alla sola emergenza e che pongono molte incognite sui prossimi mesi»: così Cinzia Di Stasio, segretario generale dell’IID (Istituto Italiano della Donazione), commenta i dati emergenti dallo studio “Noi doniamo – Edizione 2020”, che lo stesso IID presenterà il 2 ottobre, in vista del Giorno del Dono del 4 ottobre

Logo del Giorno del Dono«Il 2019 ha visto un trend in calo o stabile su tutti i fronti del dono indagati, un trend inaspettato visti i segnali positivi degli anni precedenti. In questo si è inserita una situazione di emergenza sanitaria e sociale che ha generato una mobilitazione forte anche in termini di donazioni, ma riferibili alla sola emergenza e che pongono molte incognite sui prossimi mesi. Per questo occorre sostenere e facilitare il lavoro del Terzo Settore perché senza il dono degli italiani, tutto il mondo della solidarietà si ferma e il nostro Paese non può permettersi di fare a meno del Terzo Settore»: a dirlo è Cinzia Di Stasio, segretario generale dell’IID (Istituto Italiano della Donazione), nel commentare il trend in leggero rallentamento delle pratiche di dono da parte degli italiani nel 2019, dato emergente dallo studio Noi doniamo – Edizione 2020, che lo stesso IID presenterà venerdì 2 ottobre, nel corso di un convegno diffuso in streaming, in vista del Giorno del Dono del 4 ottobre.

In realtà, l’analisi dell’IID prende sì le mosse dalle donazioni dell’anno 2019, ma apre segnatamente anche una finestra sulla lettura del 2020 e sull’impatto della pandemia rispetto a tali pratiche.
«Forniremo un’analisi – precisa in tal senso Stefano Tabò, presidente dell’IID – che permetterà di avere uno “stato dell’arte” utile a tutti coloro che operano nel mondo del Terzo Settore e non solo. Il focus di questo rapporto sono gli italiani, la loro disponibilità economica ad aiutare gli altri, il loro impegno diretto nel volontariato, la loro volontà di donare sangue, organi e tessuti per aiutare chi sta male. Mettendo insieme autorevoli dati, riusciamo a dare una panoramica rappresentativa della situazione e a leggere meglio la società in cui opera il Terzo Settore».

Da ricordare, infine, che sarà sempre l’IID a coordinare la campagna nazionale per il Giorno del Dono, che coinvolgerà migliaia di realtà nelle settimane intorno al 4 ottobre. (S.B.)

L’incontro del 2 ottobre durante il quale verrà presentato lo studio dell’IID Noi doniamo – Edizione 2020 (a questo link il programma completo) verrà diffuso in diretta streaming sulla pagina Facebook e sul canale YouTube dell’Istituto. Per un approfondimento, invece, sulla Giornata del Dono 2020, accedere a questo link. Per ulteriori informazioni: comunicazione@istitutoitalianodonazione.it.

Stampa questo articolo