Tanti libri donati alle scuole, per far crescere la cultura dell’inclusione

L’Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo ha aderito ad “#IOLEGGOPERCHÉ”, grande iniziativa nazionale a favore delle biblioteche scolastiche, che si svolge in questi giorni, donando a trentuno scuole della propria Regione altrettanti libri sui temi della disabilità, dell’inclusione, della diversità e dell’accoglienza. «La cultura dell’inclusione – spiega infatti Claudio Ferrante, presidente dell’Associazione – deve nascere ed essere praticata dentro le scuole anche in questo periodo di emergenza, in cui i ragazzi e le ragazze “fragili” rischiano di pagare un prezzo maggiore degli altri»

Libro aperto e sullo sfondo vari disegniniAnche l’Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo ha deciso di aderire ad #IOLEGGOPERCHÉ, la grande iniziativa nazionale a favore delle biblioteche scolastiche, in corso di svolgimento in questi giorni, donando a trentuno scuole della propria Regione altrettanti libri sui temi della disabilità, dell’inclusione, della diversità e dell’accoglienza.

«In questo momento in cui è difficile entrare con i nostri progetti all’interno delle scuole – spiega Claudio Ferrante, presidente dell’Associazione Carrozzine Determinate – abbiamo voluto far sentire la nostra voce attraverso la lettura, invitando i ragazzi e i professori ad affrontare i temi per cui quotidianamente ci battiamo. La cultura dell’inclusione, infatti, deve nascere ed essere praticata dentro le scuole anche in questo periodo di emergenza, in cui i ragazzi e le ragazze “fragili” rischiano di pagare un prezzo maggiore degli altri».

«Un nostro plauso – aggiunge Ferrante – va poi a tutte quelle scuole che con enorme difficoltà hanno dato attuazione alla norma del Decreto del Presidente del Consiglio, la quale, a scuole chiuse, prevede le presenza per i ragazzi e le ragazze fragili, garantendo la frequenza unitamente agli altri compagni che volontariamente, grazie alla propria sensibilità e a quella delle proprie famiglie, hanno compreso il vero senso della parola inclusione». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: carrozzinedeterminate@hotmail.it.

Stampa questo articolo