Le cinque parole-chiave della UILDM, per vivere questo Natale 2020

Sostegno, famiglia, sostenibilità, solidarietà e futuro: all’insegna di queste parole-chiave, la UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) proporrà dal 30 novembre al 4 dicembre cinque dirette Facebook, con la partecipazione di ospiti appartenenti al mondo del volontariato e dello spettacolo, per vivere questo Natale 2020, così diverso dagli altri, allo scopo di non far mancare il proprio abbraccio alle persone con una distrofia o un’altra malattia neuromuscolare e far sentire loro che l’Associazione non smette di lavorare per costruire inclusione e non lasciare nessuno indietro

Andrea Bosca

L’attore Andrea Bosca sarà uno degli ospiti delle dirette Facebook promosse per i prossimi giorni dalla UILDM

A partire da lunedì 30 novembre, la UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) proporrà in diretta Facebook il format A Natale sei, contando sulla partecipazione di cinque ospiti che contribuiranno a declinare altrettante parole-chiave per vivere questo Natale 2020, «un Natale – spiegano dall’Associazione – per molti versi differente dagli altri, perché segnato dalla pandemia, che ha avuto forti ripercussioni sulla vita di tutti, in particolare sulle persone che combattono ogni giorno contro una malattia neuromuscolare. Sarà pertanto un Natale in cui non faremo mancare il nostro abbraccio alle persone con una malattia neuromuscolare, per far sentire loro che la nostra Associazione non smette di lavorare per costruire inclusione e non lasciare nessuno indietro».

Sono dunque in programma cinque successive dirette quotidiane, per “bere un caffè” con  persone appartenenti al mondo del volontariato e dello spettacolo, trasmettendo il messaggio che basta appunto un gesto semplice come bere un caffè per fare del bene e aiutare chi ha una distrofia o un’altra malattia neuromuscolare.
Sostegno, famiglia, sostenibilità, solidarietà e futuro: sono queste le parole scelte dalla UILDM per fare da filo conduttore alle cinque puntate, attraverso le quali il racconto si trasformerà in servizi fondamentali, quali il trasporto, la consulenza medica e la riabilitazione.

Come detto, dunque, si incomincerà lunedì 30 novembre (ore 14), con Stefania Pedroni, vicepresidente nazionale della UILDM, che dialogherà con Giovanna Cortiana del Gruppo Psicologi UILDM, sul tema del sostegno psicologico alle persone con disabilità causata da una malattia neuromuscolare e sull’importanza di avere cura di sé anche in isolamento.

Martedì 1° dicembre, quindi (ore 14), ancora Stefania Pedroni, insieme all’altro consigliere nazionale UILDM Michele Adamo, si concentreranno sulla parola famiglia, per raccontare l’esperienza delle sessantasei Sezioni UILDM in tutta Italia le quali, per rispondere all’emergenza sanitaria, si sono riorganizzate e hanno trovato nuovi modi per rimanere in contatto con i propri soci e utenti.

Mercoledì 2 e giovedì 3 dicembre (ore 18) sarà invece la volta di due ospiti del mondo dello spettacolo. Dapprima la conduttrice TV Tessa Gelisio esplorerà la parola sostenibilità insieme a Marco Rasconi, presidente nazionale della UILDM. Attualmente impegnata nelle trasmissioni Cotto e mangiato e In forma sulle reti Mediaset, Gelisio è esperta in particolare di temi ambientali.
Il giorno successivo, invece, in coincidenza con la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, Rasconi incontrerà Andrea Bosca, attore che spazia dal cinema al teatro, passando per le fiction televisive.

E infine, venerdì 4 dicembre (ore 14), si guarderà al futuro con Stefania Pedroni e Marta Migliosi, consigliera nazionale UILDM, che racconterà l’esperienza del Gruppo Giovani UILDM e l’importanza di progettare per l’autonomia.

Le dirette dei prossimi giorni saranno anche l’occasione per presentare il “caffè solidale di UILDM”, miscela per moka 100% arabica di Chicco D’Oro (se ne legga a questo link), «un caffè che fa bene – sottolineano dall’Associazione – perché diventa un aiuto concreto verso le nostre Sezioni, impegnate ogni giorno per garantire servizi e costruire inclusione». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uildmcomunicazione@uildm.it (Alessandra Piva).

Stampa questo articolo