Musicoterapia Orchestrale a Metodo Esagramma®: i colloqui di Presa in Carico

Sono aperti i colloqui di Presa in Carico per l’inserimento degli allievi nei gruppi 2021-2022 di Musicoterapia Orchestrale a Metodo Esagramma®, iniziativa di Esagramma – Ente di cui il nostro giornale ha spesso occasione di occuparsi – che coincide con la Fondazione Sequeri Esagramma, Centro di Clinica, Ricerca e Formazione nato nel 1983 a Milano, per riabilitare il disagio psicofisico e sociale tramite le potenzialità della musica e che oggi conta su numerosi “Centri Satellite”, totalmente autonomi, che operano seguendo le medesime metodologie

Collage di immagini sulle attività di Esagramma

Un collage di immagini sulle attività di Esagramma

Sono aperti i colloqui di Presa in Carico per l’inserimento degli allievi nei gruppi 2021-2022 di Musicoterapia Orchestrale a Metodo Esagramma®, iniziativa di Esagramma – Ente di cui il nostro giornale ha spesso occasione di occuparsi – che coincide con la Fondazione Sequeri Esagramma, Centro di Clinica, Ricerca e Formazione nato nel 1983 a Milano, per riabilitare il disagio psicofisico e sociale tramite le potenzialità della musica e che oggi conta su numerosi “Centri Satellite”, totalmente autonomi, che operano seguendo le medesime metodologie.
Il colloquio di Presa in Carico costituisce il primo momento di incontro fra gli esperti di Esagramma e ogni allievo interessato con la sua famiglia. In tale sede, alla presenza di un musicista e di uno psicologo, si succedono il colloquio musicale, in cui l’allievo entra per la prima volta in sala musica, può provare tutti gli strumenti dell’orchestra insieme al musicista e familiarizzare con il contesto in cui si lavorerà con il gruppo, seguito dal colloquio psicologico con la famiglia, in cui si approfondiscono motivazioni e aspettative rispetto al percorso, oltre che la storia, le passioni, le relazioni e le difficoltà dell’allievo.
Il colloquio è gratuito e non vincolante per l’iscrizione. (S.B.)

Per informazioni: coordinamento1@esagramma.net (Giulia Cordaro).

Stampa questo articolo