- Superando.it - https://www.superando.it -

Nuovi giochi e giostrine accessibili a tutti stanno per arrivare in Sicilia

Altalena "a nido"

Una delle altalene “a nido” donate dalla UILDM, nell’àmbito del progetto “A scuola di inclusione: giocando si impara”

Prosegue senza intoppi il progetto A scuola di inclusione: giocando si impara, di cui più volte ci siamo già occupati nel nostro giornale, con cui la UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) punta ad installare giostrine e giochi accessibili che permettano ai bambini e alle bambine con disabilità di divertirsi come tutti e insieme a tutti.
Si tratta di un’iniziativa, ricordiamo ancora una volta, risultata vincitrice della seconda edizione del “Bando Unico” previsto dalla Riforma del Terzo Settore e finanziata anche dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociale, cui tutti potranno ancora contribuire fino al 30 novembre, e che già da tempo si articola su varie azioni di sensibilizzazione nelle scuole e di riqualificazione in ottica inclusiva di parchi e aree verdi, in ben sedici Regioni italiane e nella Provincia Autonoma di Bolzano, in collaborazione con le Amministrazioni Locali.

Dopo quindi l’inaugurazione di alcuni giochi e giostrine a Monfalcone (Gorizia), di cui abbiamo ampiamente riferito, nonché del successivo concerto, sempre nella città friulana, dei Ladri di Carrozzelle, le cui esibizioni costituiscono una delle fasi di sviluppo del progetto, con l’obiettivo di sensibilizzare tutta la comunità sui temi della disabilità e dell’inclusione, il nuovo appuntamento in programma è quello di dopodomani, 25 giugno, quando anche nel Parco Malfatti di Paternò (Catania), è previsto il momento inaugurale relativo all’installazione di un’altalena “a nido”, di un pannello ludico-sensoriale e di una giostra Carosello, donati dalla UILDM. Per l’occasione parteciperanno0 i rappresentanti delle Autorità locali e degli Istituti Comprensivi locali coinvolti nel progetto, nonché gli esponenti della UILDM di Catania, che ha seguito il progetto a livello locale.

«Il Parco Malfatti – spiegano dalla UILDM Nazionale – prende il nome dal libro I cinque malfatti di Beatrice Alemagna, uno dei testi utilizzati durante gli incontri di sensibilizzazione da noi promossi nelle scuole. I protagonisti sono cinque personaggi “strani”, “imperfetti” e il nome è stato scelto dal gruppo di lavoro della nostra Sezione di Catania».

Detto che a Paternò il progetto ha visto la partecipazione di ben 410 alunni e alunne delle scuole primarie e secondarie di primo grado dell’Istituto Comprensivo Marconi, dell’Istituto Comprensivo Nicolosi, del Primo Circolo Didattico Lombardo Radice e del Terzo Circolo Didattico, non resta che ricordare che dopo l’inaugurazione dei giochi in mattinata, il pomeriggio del 25 giugno sarà all’insegna della festa, nel Parco Giovanni XXIII (Parco del Sole), insieme alla musica dei Ladri di Carrozzelle, un appuntamento gratuito e aperto a tutti, durante il quale i volontari della UILDM offriranno un servizio di animazione e intrattenimento per tutti i bambini e le bambine. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uildmcomunicazione@uildm.it.