“Hasta la vista” e una nuova Agenzia per la Vita Indipendente

Quale migliore occasione per presentare pubblicamente la nuova Agenzia per la Vita Indipendente Nord Milano, che punta ad accompagnare le persone con disabilità fisica e intellettiva nella realizzazione di un percorso di vita indipendente, se non la proiezione di un film pluripremiato come “Hasta la vista”, che racconta la storia di tre amici con disabilità in viaggio “on the road”, per superare i limiti imposti dalla loro condizione fisica, grazie al sostegno reciproco, alla complicità e all’amicizia? È quanto accadrà nella serata del 15 luglio al Cinema Beltrade di Milano

Locandina di "Hasta la vista", Milano, 15 luglio 2021 e Agenzia L-incCome avevamo segnalato anche sulle nostre pagine, il progetto lombardo L-inc (Laboratorio-inclusione sociale disabilità), di cui spesso ci siamo occupati in questi anni (se ne legga anche nel box in calce), si è recentemente trasformato nell’Agenzia per la Vita Indipendente Nord Milano, voluta allo scopo di accompagnare le persone con disabilità fisica e intellettiva tra i 18 e i 64 anni nella realizzazione di un percorso di vita indipendente, in base a quanto previsto dall’articolo 19 (Vita indipendente ed inclusione nella società) della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità.
Attivo nei quattro Comuni dell’Ambito di Cinisello Balsamo (Milano) con due punti di accoglienza, a Cinisello Balsamo e a Bresso, questo progetto si propone in sostanza di rendere la persona con disabilità protagonista del proprio percorso di vita ed è per tale motivo che è stato pensato come un laboratorio volto a sperimentare diverse attività e iniziative sul territorio di Bresso, Cinisello, Cormano e Cusano Milanino (Città Metropolitana di Milano), mettendo appunto al centro la persona con disabilità.

Quale migliore occasione, dunque, per presentare pubblicamente l’iniziativa, se non la proiezione di un film come Hasta la vista, pluripremiata pellicola diretta nel 2011 dal regista belga Geoffrey Enthoven, che racconta la storia di tre amici con disabilità in viaggio On the Road, per superare i limiti imposti dalla loro condizione fisica, grazie al sostegno reciproco, alla complicità e all’amicizia?
Ed è infatti quanto accadrà nella serata di dopodomani, giovedì 15 luglio (ore 21.30) al Cinema Beltrade di Milano, quando, dopo il film, è previsto un incontro con Monica Pozzi dell’ANFFAS Nord Milano e con Veronica Salerio, operatrice della Cooperativa Sociale Il Torpedone, ovvero due tra le numerose realtà che hanno contribuito alla nascita della nuova Agenzia.

Hasta la vista, ricordiamo, è un’opera tratta dalla storia vera di Asta Philpot, persona affetta fin dalla nascita da artrogriposi multipla congenita. «Ho voluto raccontare una storia sull’amore, l’amicizia e il desiderio – aveva spiegato a suo tempo il regista Enthoven -, dove l’umorismo è l’unico modo di superare situazioni tragiche e irrisolvibili. Un film sulla vera essenza dell’amicizia, quella senza filtri che può prendere in giro senza ferire e che è sempre di conforto nei momenti più bui e tristi facendo vivere con gioia ogni attimo». (S.B.)

La nuova Agenzia per la Vita Indipendente Nord Milano è attiva sul proprio territorio con due sedi, una delle quali a Cinisello Balsamo, l’altra a Bresso. Per ogni ulteriore informazione: ufficiostampa@laboratoriolinc.it (Daniela Mezzela).

L-inc (Laboratorio-inclusione sociale disabilità)
Questo progetto si è proposto di rendere la persona con disabilità protagonista del proprio percorso di vita. Per questo è stato pensato come un laboratorio volto a sperimentare diverse attività e iniziative sul territorio di Bresso, Cinisello, Cormano e Cusano Milanino (Città Metropolitana di Milano), mettendo apponto al centro la persona con disabilità.
L-inc è nato dal Progetto Inclusione sociale e disabilità: percorsi di sperimentazione del Budget di Salute, realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo, nell’àmbito della terza edizione del Bando Welfare in azione e innovazione sociale. È stato promosso dall’ANFFAS Lombardia (Associazione Nazionale di Famiglie e Persone con Disabilità Intellettiva e Disturbi del Neurosviluppo, ente capofila), dalla LEDHA (Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità, componente lombarda della FISH-Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), da IPIS-Insieme per il sociale, dalle Cooperative Sociali Arcipelago, Solaris e Il Torpedone, dall’Università di Milano (Dipartimento di Diritto Pubblico e Sovranazionale), dall’Università di Milano Bicocca (Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale) e dall’UICI Lombardia (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti).
Suggeriamo ai Lettori e alle Lettrici anche la consultazione dell’approfondimento da noi pubblicato con il titolo Come ripensare alle misure di sostegno per le persone con disabilità, a firma di Marco Bollani, responsabile di L-inc (a questo link).

Stampa questo articolo