- Superando.it - https://www.superando.it -

Persone con disabilità e persone LGBTQIA+: discriminazioni che “si incrociano”

Binari del treno che si incrociano

Paralleli per definizione, i binari di un treno non dovrebbero incrociarsi mai, ma in realtà non è così

Proprio in questi giorni  il cosiddetto “Disegno di Legge Zan” (Disegno di Legge S. 2005, avente ad oggetto Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità) è andato in discussione al Senato e c’è ancora molta incertezza circa il fatto che vi siano i numeri per l’approvazione di esso.
Gran parte della discussione pubblica sul Disegno stesso si è incentrata sull’omotransfobia che colpisce persone appartenenti alla comunità LGBTQIA+ (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transessuali, Queer, Intersessuali e Asessuali), e solo in ritardo, e comunque in proporzione minore, si è discusso pubblicamente di abilismo, la discriminazione che colpisce le persone con disabilità.
Riguardo alla posizione di queste ultime rispetto al Disegno di Legge, va precisato che esso è sostenuto da una parte importante dell’associazionismo delle persone con disabilità: basti citare, solo a titolo esemplificativo, l’adesione espressa dalla FISH, la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap, in più occasioni (si vedano, a tal proposito, il primo comunicato di adesione al “DDL Zan” da parte della FISH, e la sottoscrizione, sempre da parte della Federazione, di un appello congiunto con l’ASGI (Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione) e la Rete Lenford (Avvocatura per i diritti LGBTI+), volto a sollecitare l’approvazione del Disegno di Legge in questione. Quest’ultimo è avversato invece dai partiti conservatori, da una parte minoritaria dei femminismi, da un’altra parte, anche questa minoritaria, della comunità LGBTQIA+ e dalla Chiesa cattolica.
Coloro che avversano il testo difficilmente si esprimono in modo esplicito contro le tutele volte a contrastare la discriminazione e la violenza contro le persone con disabilità. Le argomentazioni più comuni consistono nel sostenere che le tutele per loro ci sono già, e citano in tal senso la Legge 67/06 (Misure per la tutela giudiziaria delle persone con disabilità vittime di discriminazioni) e l’articolo 36 della Legge 104/92, che prevede un aggravio di pena da un terzo alla metà per alcuni reati compiuti ai danni delle persone con disabilità. Nessuna di queste norme, tuttavia, prevede una sanzione penale specifica per i crimini d’odio, quelli commessi nei confronti di un essere umano in ragione di una sua caratteristica personale, che invece il “Disegno di Legge Zan” vorrebbe introdurre.
Le altre argomentazioni poste per giustificare l’avversione al testo sono che le motivazioni alla base delle discriminazioni e delle violenze cui sono soggette le persone con disabilità e quelle LGBTQIA+ sono diverse, e dunque andrebbero trattate in modo disgiunto; e ancora, che le persone con disabilità si starebbero facendo strumentalizzare dai promotori della cosiddetta “teoria del gender” (teoria che, a differenza degli studi di genere, in realtà non esiste, come spiegava in modo molto chiaro già diversi anni fa la bioeticista Chiara Lalli sulla rivista «Internazionale»: Tutti pazzi per il gender, 31 marzo 2015); e infine, che il “vero problema” delle persone con disabilità sarebbero la possibilità di accedere ai suicidi assistiti (con riferimento al testo unificato del Disegno di Legge denominato Disposizioni in materia di morte volontaria medicalmente assistita, approvato dalle Commissioni Giustizia e Affari Sociali della Camera: se ne legga a questo link) e l’aborto terapeutico di cui alla Legge 194/78 (argomentazioni, queste, sostenute nei giorni scorsi da Enrico Negrotti sul quotidiano di ispirazione cattolica «Avvenire»: se ne legga anche su queste pagine).
Qui va per altro notato che la mancanza di un divieto esplicito all’aborto legale è stato il motivo addotto dallo Stato Vaticano per non ratificare la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, sebbene l’aborto non sia un tema trattato nella Convenzione stessa (e neppure nel “Disegno di Legge Zan”).

Ma le situazioni delle persone con disabilità e quelle delle persone LGBTQIA+ sono davvero così diverse? Anche se c’è chi ha interesse a far credere trattarsi di “due binari” che non si incontrano mai, i realtà questi “due binari” si incontrano molto più spesso di quanto si possa ipotizzare.
Innanzitutto stiamo parlando di due gruppi marginalizzati che sono stati entrambi vittime dell’Olocausto compiuto dal nazismo e dal fascismo durante la seconda guerra mondiale, e già questo è un tratto comune che dovrebbe indurre questi gruppi a riconoscersi a sostenersi a vicenda.
In secondo lungo questi due gruppi presentano delle aree di intersezione: infatti anche le persone con disabilità hanno un’identità sessuale e un orientamento sessuale, e non è affatto scontato che si identifichino col sesso attribuito alla nascita (cisgender), né che siano eterosessuali, ossia le due caratteristiche socialmente accettate, cosicché, quando non si ritrovano in queste caratteristiche, vi sono i requisiti per identificarsi con entrambi i gruppi in questione (ad esempio, da un recente studio realizzato da un gruppo australiano dell’Università di Deakin, è emerso che tra le donne con autismo vi è una probabilità maggiore di identificare un’identità di genere transgender e un orientamento sessuale non eterosessuale rispetto alle altre donne).
A ciò si aggiunga che anche le persone LGBTQIA+ possono divenire disabili nel corso della loro vita e ritrovarsi nell’area di intersezione dei due gruppi: interessante, a tal proposito, è lo studio condotto dalla sociologa Mara Pieri sulle esperienze di giovani adulti che si identificano come LGBTQ+ e che hanno una malattia cronica, se ne legga su queste stesse pagine.
Un ulteriore aspetto in comune è costituito dal fatto che la disabilità, l’identità di genere, l’orientamento sessuale sono frutto di una libera scelta dell’individuo: essi, infatti, sono caratteristiche delle persone, e vanno riconosciute e rispettate in quanto tali.

In un recente incontro pubblico tenutosi a Milano proprio sul contrasto all’abilismo nel “Disegno di Legge Zan” (se ne legga ampiamente su queste pagine), Sofia Righetti, filosofa e specializzata nei Disability studies, ha osservato che le persone con disabilità e le persone LGBTQIA+ subiscono discriminazioni molto simili: entrambe, infatti, sono esposte a quei processi di medicalizzazione nei quali la medicina decide cosa è patologico e cosa è normale, entrambe traggono vantaggio dal passing, secondo il quale tanto più passi per “non disabile” e “cis-etero”, tanto più sei accettato e preso in considerazione dalla società. Entrambe, in sostanza, sono esposte all’invisibilizzazione.

Molto interessanti sono anche le osservazioni di Maria Chiara Paolini, formatrice e blogger sulla giustizia sociale applicata alla disabilità, pubblicate sul blog Witty Wheels, in un articolo intitolato Persone disabili e persone trans: discriminazioni comuni del 22 dicembre 2018.
Secondo Paolini le persone con disabilità e le persone trans, pur vivendo percorsi diversi e discriminazioni diverse, hanno tuttavia molte esperienze simili, e individua le seguenti: entrambe hanno difficoltà a trovare lavoro; entrambe subiscono sguardi e commenti molesti da parte di persone più o meno estranee quando sono per strada; entrambe sono rappresentate con una narrazione scorretta, «composta di informazioni errate, semplicemente non vere oppure distorte»; entrambe sono spesso ignorate anche negli ambienti “progressisti”, come il femminismo o gli stessi circoli di giustizia sociale; a entrambe viene attribuita una presunta sessualità deviante; ancora oggi nei media le persone con disabilità e le persone trans sono presentate come una “vergogna” e un “peso” per la famiglia, con una narrazione focalizzata sullo “sguardo dei genitori” e non su quello delle stesse persone con disabilità e delle persone trans.

Un altro elemento che può aiutare a comprendere che quando si parla di discriminazione e di violenza è necessario fare fronte comune è offerto dall’impostazione della Convenzione di Istanbul, la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, approvata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa l’11 maggio 2011, e ratificata dall’Italia con la Legge 77/13.
Ebbene, il terzo comma dell’articolo 4 di tale Convenzione stabilisce che l’attuazione della stessa «deve essere garantita senza alcuna discriminazione fondata sul sesso, sul genere, sulla razza, sul colore, sulla lingua, sulla religione, sulle opinioni politiche o di qualsiasi altro tipo, sull’origine nazionale o sociale, sull’appartenenza a una minoranza nazionale, sul censo, sulla nascita, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere, sull’età, sulle condizioni di salute, sulla disabilità, sullo status matrimoniale, sullo status di migrante o di rifugiato o su qualunque altra condizione» (grassetti di chi scrive nella presente citazione e in quelle successive).
Come si può  notare, nella Convenzione di Istanbul tutti i motivi di discriminazione sono posti sullo stesso piano e ugualmente vietati. Riguardo alle persone che incarnano su di sé delle caratteristiche che le espongono ad una particolare vulnerabilità – tra le quali possiamo annoverare, tra le altre, anche le persone con disabilità e le persone LGBTQIA+ vista l’ampia letteratura che documenta la loro maggiore esposizione alle discriminazioni e alla violenza – è previsto che gli Stati aderenti prendano in considerazione e soddisfino i loro bisogni specifici, e si concentrino sui diritti umani di tutte le vittime. Tale disposizione è espressamente indicata sia in materia di prevenzione (articolo 12, comma 3), che di protezione e sostegno (articolo 13, comma 3). C’è poi l’articolo 46, in tema di circostanze aggravanti, che sancisce come, nel determinare la pena per i reati stabiliti in conformità alla Convenzione, debba considerarsi circostanza aggravante, tra le altre, quella in cui «il reato è stato commesso contro una persona in circostanze di particolare vulnerabilità».

Per tutte queste ragioni, dunque, tutti i gruppi marginalizzati dovrebbero riconoscersi e sostenersi a vicenda nel contrasto alla discriminazione e alla violenza. Non solo le minoranze, come le persone con disabilità e le persone LGBTQIA+, ma anche i gruppi maggioritari, come le donne, che pur essendo una maggioranza, continuano a subire discriminazioni e violenze, e anche chiunque voglia una società giusta, equa e rispettosa dei diritti umani.
Se durante la seconda guerra mondiale è stato possibile porre in atto l’Olocausto delle persone con disabilità, di quelle omosessuali e di quelle ebree, ciò è potuto accadere anche per il silenzio connivente di chi non era disabile, non era omosessuale e non era ebreo/a. Questo ci fa capire che le istanze di giustizia sociale e il rispetto dei diritti umani non possono essere una responsabilità esclusiva dei cosiddetti “gruppi bersaglio”, che potrebbero non avere la forza di farsi valere.
Vivere una società più giusta, più equa e libera da discriminazioni e violenze è interesse di tutti e tutte… non foss’altro perché prima o poi una qualche differenza che potrebbe trasformarci in bersaglio la incarniamo tutti e tutte.

Responsabile di Informare un’H-Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (Pisa), nel cui sito il presente approfondimento è già apparso. Viene qui ripreso, con alcuni riadattamenti al diverso contenitore, per gentile concessione.

Per approfondire ulteriormente i temi trattati nel presente contributo:
° Maria Chiara Paolini, Persone disabili e persone trans: discriminazioni comuni, in Witty Wheels, 22 dicembre 2018.
° Simona Lancioni, Identità di genere, orientamento sessuale e sessualità nelle donne autistiche, in «Superando.it», 3 febbraio 2021.
° Simona Lancioni, I crimini d’odio nei confronti delle persone con disabilità, in «Superando.it», 4 febbraio 2021.
° Stefano Borgato, Reati e crimini ispirati dall’odio nei confronti delle persone con disabilità, in «Superando.it», 16 aprile 2021.
° Simona Lancioni, Quel Disegno di Legge che protegge il diritto di vivere liberamente, in «Superando.it», 26 aprile 2021.
° Simona Lancioni, Quel Disegno di Legge e le responsabilità di tutti nelle vite degli altri, in «Superando.it», 6 maggio 2021.
° Stefano Borgato, Discriminazione e disabilità: bene quel Disegno di Legge per cambiare la cultura, in «Superando.it», 24 maggio 2021.
° Simona Lancioni, Quale rapporto tra disabilità e identità LGBTQ+? Tra abilismo e deumanizzazione, in «Superando.it», 25 giugno 2021.
° Simona Lancioni, Abilismo = atteggiamento discriminatorio verso le persone con disabilità, in «Superando.it», 1° luglio 2021.
° Stefano Borgato, O è uguaglianza per tutti e tutte oppure non lo è, in «Superando.it», 5 luglio 2021.
° Salvatore Nocera e Simona Lancioni, Le persone con disabilità sanno perfettamente valutare quale sia il loro bene, in «Superando.it», 12 luglio 2021.
° Silvia Cutrera, Tra l’inizio e il fine vita scorre l’esistenza di ogni persona, in «Superando.it», 13 luglio 2021.
° La multidiscriminazione delle donne con disabilità: kit informativo curato dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), rivolto a donne con disabilità, famiglie, associazioni, operatrici e operatori di settore (anche in linguaggio facile da leggere e da capire).
° I diritti escono dall’armadio: kit informativo curato dalla FISH, rivolto a persone con disabilità LGBTQ+, famiglie, associazioni, operatrici e operatori di settore.
Nello specifico dei temi dedicati alle donne con disabilità, oltre a ricordare il lungo elenco di testi da noi pubblicati, presente a questo link, nella colonnina a destra dell’articolo Voci di donne ancora sovrastate, se non zittite, segnaliamo le seguenti Sezioni nel sito di Informare un’H-Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (Pisa): La violenza nei confronti delle donne con disabilità e Donne con disabilità.