Supportare fratelli e sorelle di persone con disabilità

Fornire un quadro generale della condizione dei fratelli e sorelle di persone con disabilità, con le esperienze più tipiche e le sfide che essi si trovano ad affrontare nella loro vita, offrire una lettura psicologica di tipo preventivo delle dinamiche sottostanti a tali relazioni e proporre i possibili modelli di intervento e di supporto: saranno questi gli obiettivi dell’incontro online “Supportare i siblings, fratelli e sorelle di persone con disabilità”, promosso per il 22 gennaio dal Gruppo Psicologi UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare)

Copertina di Andrea Dondi, "Siblings"

Il libro “Siblings. Crescere fratelli e sorelle di persone con disabilità” di Andrea Dondi, che parteciperà all’incontro online del 22 gennaio, promosso dal Gruppo Psicologi UILDM

Fornire da un lato un quadro generale della condizione dei fratelli e sorelle di persone con disabilità, con le esperienze più tipiche e le sfide che essi si trovano ad affrontare nella loro vita, dall’altro lato offrire una lettura psicologica di tipo preventivo delle dinamiche sottostanti la relazione fraterna, quando è presente una disabilità, proponendo i possibili modelli di intervento e di supporto: sono gli obiettivi dell’incontro online intitolato Supportare i siblings, fratelli e sorelle di persone con disabilità – ove siblings, com’è noto, è il termine che identifica questi familiari – iniziativa promossa per la mattinata di sabato 22 gennaio (ore 9-13) dal Gruppo Psicologi UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), con l’obiettivo di essere sempre più al servizio delle famiglie anche su questo versante.

La prima parte dell’incontro, dedicata agli psicologi sulla pratica clinica, sarà curata da Andrea Dondi, psicologo e psicoterapeuta, già autore della guida Siblings. Crescere fratelli e sorelle di bambini con disabilità, presentata a suo tempo anche su queste pagine, mentre nella seconda parte verrà dato ampio spazio ai Soci della UILDM, con domande e riflessioni sul tema. (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: uildmcomunicazione@uildm.it.

Stampa questo articolo