- Superando.it - https://www.superando.it -

Tutti lettori alla pari al “FuoriFestival” di Milano

Vari libri accessibili in esposizione

Vari libri accessibili in esposizione

Nel presentare in altra parte del giornale il quarto Festival delle Abilità di Milano, promosso dalla Fondazione Mantovani Castorina,di cui «Superando.it» è media partner, ci siamo soffermati anche sul ricco “antipasto” del FuoriFestival, avviato già dal 16 settembre con una serie di iniziative.
Tra di esse segnaliamo oggi FuoriFestival – Lettori alla Pari che si svolge in collaborazione con il team della rete Hai visto un re?, gruppo consolidato di librerie indipendenti del territorio, riunite nell’Associazione LIM (Librerie Indipendenti Milano), che hanno a cuore l’educazione alla lettura e insieme progettano e organizzano l’evento come occasione di relazione, divertimento e formazione, in collaborazione con gli editori coinvolti e il Sistema Bibliotecario di Milano, rivolgendosi a tutti i bambini e ragazzi, ai loro genitori e a coloro che vogliano trovare il piacere di scegliere i libri e leggerli insieme. È prevista la diretta streaming dalla pagina Facebook del Festival, con servizio di trascrizione automatica.

Rientrano dunque nel FuoriFestival una serie di incontri laboratoriali di in-formazione sui libri accessibili, che si tengono anch’essi presso la Biblioteca della Chiesa Rossa di Milano. Il primo di essi, intitolato Mille e un modo di leggere, si è già tenuto ieri, 20 settembre (chi volesse può vederne la registrazione a questo link), mentre gli altri sono previsti per oggi, domani e dopodomani, 21, 22, e 23 settembre.

In particolare oggi, a partire dalle 17.30, è in programma Happy Ruh e libri con la Lingua dei Segni, la lettura animata del libro creato e illustrato da un gruppo di alunni dell’Istituto Comprensivo Statale Perasso di Milano, con Francesco Riccò, assistente alla comunicazione, Silvia Arnone e Andrea Fiorino, insegnanti della scuola secondaria di primo grado, coordinati da Domenica Patron Tironi, insegnante coordinatrice per l’inclusione. Alla lettura seguirà una presentazione di libri in Lingua dei Segni a cura di Sara Adobati, insegnante e interprete LIS (Lingua dei Segni Italiana).
Domani, invece, 22 settembre, sempre alle 17.30, ci sarà La grammatica dei silent book, un incontro laboratoriale sulla grammatica dei “libri senza parole”, con Gabriella Marinaccio, referente per l’Area Bambini e Ragazzi del Sistema Bibliotecario di Milano e Paola Formica, illustratrice e autrice di libri senza parole, tra cui Orizzonti, pubblicato da Carthusia. Seguirà un laboratorio creativo per bambini e adulti su come progettare e realizzare un piccolo silent book.

L’ultimo appuntamento, come detto, è previsto per dopodomani, 23 settembre, e si intitolerà Il potere dei libri in CAA (Comunicazione Aumentativa Alternativa). Esso consisterà in un laboratorio di CAA di L’Arche Arcobaleno di Granarolo (Bologna), con Patrizia Frassanito, editrice di Storie Cucite, Chiara Errani, Sara Forgiarini e Luca Errani, e Nina Busi autrice dell’inbook Sei uno spettacolo nonno. Grazie alla collaborazione con Fabiana Barlafante e Martina Biasin, il racconto sarà accessibile in LIS, con bambini e adulti che saranno spettatori di un reading molto speciale a metà tra lettura e teatro.

Sempre sul tema dei libri accessibili, infine, un altro interessante evento è previsto nell’àmbito del Festival delle Abilità per il pomeriggio del 24 settembre (ore 18), ovvero l’incontro nel quale Gholam Najafi, autore dell’opera autobiografica Il mio Afghanistan pubblicata dalle Edizioni la meridiana nel 2016, e recentemente tradotta dalla stessa Editrice nei simboli della CAA (se ne legga anche sulle nostre pagine), dialogherà con Elvira Zaccagnino di Edizioni la meridiana) e con Francesca Frediani della Grande Fabbrica delle Parole. (S.L.) 

Per ulteriori informazioni: festivaldelleabilita@gmail.com.
Il presente contributo costituisce un estratto, con modifiche e integrazioni, di un testo già apparso nel sito di Informare un’h-Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli di Peccioli (Pisa). Per gentile concessione.