Liberi in Volo

Si terrà a Tassignano (Lucca), il 7 e 8 ottobre, l’“Open Day Liberi in Volo”, evento organizzato dall’Associazione Aeroclub Volovelistico Toscano, per favorire l’ingresso delle persone con disabilità (e in particolare di quelle con una disabilità motoria agli arti inferiori) nel mondo del volo a vela da diporto e sportivo. Per l’Associazione l’attenzione alle persone con disabilità non è un’attività occasionale, giacché essa organizza corsi per consentire anche a loro di conseguire la licenza di pilota di aliante, utilizzando alianti con comandi adattati alla guida

Volo a vela e disabilità

Un collage di immagini che mostra vari piloti con e senza disabilità sull’aliante o accanto ad esso

L’Aeroclub Volovelistico Toscano, Associazione senza fine di lucro che ha sede a Tassignano (Lucca), ha organizzato per sabato 7 e domenica 8 ottobre l’evento denominato Open Day Liberi in Volo, per favorire l’ingresso delle persone con disabilità (e in particolare di quelle con una disabilità motoria agli arti inferiori) nel mondo del volo a vela da diporto e sportivo. L’iniziativa può essere realizzata grazie ad un contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.
L’evento si svolgerà dalle 9 alle 17 e si aprirà con una breve sessione teorica nella quale gli istruttori illustreranno le basi del funzionamento dei comandi e delle strumentazioni, nonché le tecniche di base del pilotaggio dell’aliante. Alla sessione teorica seguirà la parte pratica, che darà modo ai/alle partecipanti di sperimentare in volo quanto illustrato nel momento introduttivo.

Va per altro osservato che per l’Aeroclub Volovelistico Toscano l’attenzione alle persone con disabilità non è un’attività occasionale. Infatti l’Associazione, che si propone di divulgare e promuovere la pratica del volo a vela in tutta la Toscana, ha tra i propri scopi istituzionali anche quello di favorire l’avvicinamento a questo sport di coloro che hanno una disabilità motoria agli arti inferiori offrendo loro specifici corsi per imparare a volare. «In volo siamo tutti disabili… perché per poter volare abbiamo bisogno di due protesi… visto che per natura non siamo dotati di un paio d’ali», è la frase del Comandante Pietro Filippini che campeggia nella pagina web dedicata alla Scuola di Volo Disabili.

Già dai primi Anni Novanta l’Associazione ha iniziato ad organizzare eventi divulgativi e a finanziare borse di studio per promuovere la partecipazione delle persone con disabilità. In quei tempi per loro era difficile ottenere i certificati medici di idoneità al volo, e questo si configurava come un limite legale e burocratico. Oltre a tali questioni, vi era anche la necessità tecnica di introdurre delle modifiche ai comandi di volo per permettere il pilotaggio da parte dei piloti con disabilità. Con impegno e dedizione tutti questi problemi vennero superati, e nel 1996 un primo allievo con disabilità, sotto la guida del già citato istruttore di volo comandante Filippini, poté frequentare il corso e conseguire la licenza di pilota di aliante, divenendo così il primo pilota paraplegico di volo a vela in Italia.
Egli fu solo il primo di diversi altri piloti con disabilità che hanno potuto competere alla pari con altri piloti senza disabilità nelle gare di acrobazia in aliante utilizzando l’aliante modificato.

Tutte queste attività sono rese possibili anche grazie alla collaborazione dell’Aeroclub Volovelistico Toscano con altre Associazioni del territorio impegnate nella promozione dello sport delle persone con disabilità (Lucca Senza Barriere e I Timonieri Sbandati), nonché con il club spagnolo Las Sillas Voladoras’ (“Le sedie volanti”).
Attualmente fanno parte dell’Associazione i piloti acrobatici Igor Macera, Stefano Zuccarini e Iwan Piccioni. L’Associazione è disponibile ad accettare ai corsi fino a dieci ragazzi e ragazze con disabilità motoria agli arti inferiori (purché stabilizzata e non evolutiva), che volessero provare a lanciarsi in quest’avventura (il referente del progetto è Roberto Diciotti, errerd66@gmail.com). (Simona Lancioni)

Per ulteriori informazioni: segreteria@voloavelalucca.it.
Il presente contributo è già apparso nel sito di Informare un’h-Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli di Peccioli (Pisa) e viene qui ripreso – con minimi riadattamenti al diverso contenitore – per gentile concessione.

Stampa questo articolo