Risultati della ricerca

Stai visualizzando i risultati della ricerca di "ponte di Calatrava"

Sgarbi, la disabilità e le “capre ignoranti”

Vittorio Sgarbi

Secondo Franco Bomprezzi, «lo stigma e il pregiudizio nei confronti di soluzioni che rispondano alle esigenze di un’utenza universale, in nome della salvaguardia elitaria e aristocratica della bellezza, sono sicuramente assai più diffusi di quanto possa apparire, e sono il sottofondo culturale che consente a uno “showman dell’arte e della politica”, come Vittorio Sgarbi, di urlare frasi grevi, insultanti e razziste nei confronti della disabilità»

Per una svolta nelle politiche sociali del Veneto

Una manifestazione di protesta promossa a Venezia dalla FISH Veneto

«Le nostre proposte per il Bilancio Preventivo 2014 della Regione Veneto, più volte presentate ai responsabili istituzionali, sono semplici e chiare: chiediamo cioè al Consiglio Regionale di approvare un bilancio in grado di dare risposte certe alle persone in difficoltà e di incrementare quindi in modo significativo lo stanziamento relativo al Fondo Sociale e a […]

Un cambiamento culturale forte

Particolare della "Pietà Rondanini" di Michelangelo, nel Museo del Castello Sforzesco di Milano

«A Milano – scrive Franco Bomprezzi, commentando la soluzione trovata nel Museo del Castello Sforzesco, per garantire a tutti la visibilità della “Pietà Rondanini” di Michelangelo – non ci si è limitati a immaginare una soluzione pasticciata, ma si è invece totalmente ripensata la collocazione del capolavoro». E questo è decisamente il segno di un cambiamento culturale forte, dall’alto valore simbolico

La FISH investe sui giovani con disabilità

Un’iniziativa incentrata sui giovani con disabilità, nella prospettiva di un loro coinvolgimento nella società civile e nelle associazioni, come attivi sostenitori del concreto rispetto dei diritti delle persone con disabilità e di una cultura inclusiva: è il Lab.Giovani della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), stage che fino al 16 settembre vedrà impegnati attraverso l’Italia una trentina di giovani con disabilità in seminari, incontri, attività di laboratorio, visite a città e a luoghi significativi