Autonomia

Un corso di make-up per donne non vedenti

Un corso di make-up per donne non vedenti

«C’è chi ritiene che truccarsi sia impossibile per una persona cieca. E invece, pur non essendo semplicissimo, si può ed è importante, anche perché il modo in cui ci presentiamo agli altri non è irrilevante»: così Nunziata “Titti” Panzarea, vicepresidente e responsabile del Comitato Pari Opportunità dell’UICI di Torino (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), presenta il corso di trucco proposto da tale Associazione e rivolto alle proprie socie non vedenti, per valorizzarne la femminilità

In Abruzzo sbloccati i fondi per le barriere abbattute negli edifici privati

In Abruzzo sbloccati i fondi per le barriere abbattute negli edifici privati

Dopo anni di proteste, che hanno visto in prima fila l’Associazione Carrozzine Determinate, la Regione Abruzzo ha formalmente annunciato di avere sbloccato 1.800.000 euro per i lavori di abbattimento delle barriere eseguiti in edifici privati e che essi verranno erogati a tutte le persone con disabilità abruzzesi e alle loro famiglie, che sin dal 2008 avevano incominciato a presentare le relative domanda, ai sensi della Legge 13/89. A questo punto, dopo l’annuncio, si attende il concreto provvedimento di liquidazione

Taxi accessibili, per smettere di andare in giro con le ambulanze!

Nell'immagine fornita dalla testata «Pisa Today», i nuovi taxi accessibili anche alle persone con disabilità motoria che si spostano con carrozzine non pieghevoli

Un servizio di trasporto inclusivo, attivabile con gli stessi costi e gli stessi strumenti utilizzati da tutti gli utenti: è il nuovo servizio taxi inaugurato recentemente a Pisa, che prevede l’impiego di cinque nuove vetture accessibili anche alle persone con disabilità motoria che si spostano con carrozzine non pieghevoli. Perché, come ha osservato la Presidente di una elle Associazioni componenti il Tavolo Comunale per l’Accessibilità, «dovremmo anche smettere di andare in giro con l’ambulanza!»

Tornare al mare per un bagno: il sogno diventato realtà

Sandra Pratali mentre fa il bagno in mare a Tirrenia (Pisa), con il supporto delle persone dell'Associazione Team Deri SLA

Il sogno di Sandra Pratali, cinquantaseienne toscana, donna malata di SLA (sclerosi laterale amiotrofica), era quello di tornare a fare il bagno in mare e nel giorno del suo compleanno, grazie all’impegno del Team Deri SLA, piccola Associazione della provincia di Pisa, quel sogno si è realizzato, in condizioni di sicurezza, permettendo a lei e a coloro che l’hanno supportata di vivere un momento a dir poco emozionante

Da San Marino al Nepal, per l’autonomia delle persone con disabilità

Persone nepalesi (molti i ragazzi e i giovani) con disabilità

Secondo le Agenzie dell’ONU, nel Nepal – piccolo Paese asiatico posto fra la Cina e l’India – non meno del 10% degli abitanti (in totale 28 milioni), sono persone con disabilità, e la tendenza è a crescere, perché dopo disastri naturali come il terremoto del 2015, le persone bisognose di cure aumentano e chi già aveva una disabilità vede peggiorare la propria condizione. Senza poi contare il peso di pregiudizi assai duri a morire. E tuttavia qualcosa pian piano sembra cambiare, grazie anche a iniziative come il progetto “Adotta una carrozzina”, partito dalla Repubblica di San Marino

Fare la spesa da soli: una piccola grande conquista di autonomia

Fare la spesa da soli: una piccola grande conquista di autonomia

A Fontanellato (Parma), mentre si fa la spesa in alcuni negozi, è facile incontrare clienti con disabilità cognitiva intenti a fare acquisti in modo autonomo: sono ospiti del Centro Riabilitativo Cardinal Ferrari Santo Stefano, che si occupa di gravi cerebrolesioni acquisite o congenite. «È un conforto – scrive Anna Maria Gioria – constatare che oggi anche in Italia esistono strutture capaci di affermare il rispetto delle persone con disabilità e della loro libertà. Le “campane di vetro”, infatti, non servono, se non ad alimentare sentimenti iperprotettivi e alla fine pietistici»

Il mare e l’arte che abbattono le barriere

Lo skipper con disabilità motoria Sante Ghirardi, fondatore dell'Associazione Marinando di Ravenna

Sarà una festa dell’accessibilità e della condivisione, quella che in settembre porterà in barca a vela da Ravenna ad Ancona “la strana coppia del mare”, costituita da Sante Ghirardi, skipper con disabilità motoria e Felice Tagliaferri, il noto scultore non vedente, che daranno vita al progetto denominato “In onda con Sante e Felice, il mare è come l’arte: entrambi possono abbattere le barriere”

Tecnologie e disabilità visiva: come individuare le migliori soluzioni

Tramite il proprio smartphone, un ragazzo con disabilità visiva utilizza le nuove tecnologie

A questo punta – e non solo – il progetto “InclusiveWEB”, frutto di una felice forma di unione tra diverse competenze ed esperienze, quella informatica dell’Associazione Sloweb, quella psicologico-relazionale dell’Associazione Il Nodo Group e quella sulla disabilità visiva dell’APRI (Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti), il tutto reso possibile dai fondi dell’8 per mille della Chiesa Valdese

Per la Vita Indipendente di tutte le persone con disabilità delle Marche

Un'immagine dell'incontro tra gli esponenti del Comitato Marchigiano per la Vita Indipendente delle Persone con Disabilità e i rappresentanti istituzionali della Regione Marche. Subito dopo è stata annunciata la nascita dell’Associazione Vita Indipendente delle Persone con Disabilità Marche, o più semplicemente AviMarche

Subito dopo un incontro avuto con i rappresentanti istituzionali della propria Regione, alcuni membri del Direttivo del Comitato Marchigiano per la Vita Indipendente delle Persone con Disabilità hanno annunciato la nascita dell’Associazione Vita Indipendente delle Persone con Disabilità Marche, o più semplicemente AviMarche, che si propone di operare in maniera sempre più efficace nella direzione del riconoscimento del diritto alla Vita Indipendente per tutte le persone con disabilità marchigiane. Ne abbiamo parlato con il presidente Angelo Larocca

10 cose che ogni persona con sindrome di Down vorrebbe che tu sapessi

Si intitola così il libro uscito qualche giorno fa, curato da Anna Contardi, coordinatrice nazionale dell’AIPD (Associazione Italiana Persone Down), ricco di utili informazioni, ma anche di preziose testimonianze, «per conoscere più da vicino questi nostri compagni di viaggio», come è stato scritto, il tutto a comporre un vero e proprio “decalogo”, del quale alcuni punti si possono sintetizzare così: «Prima di tutto siamo persone», «Non siamo tutti uguali», «Diventare autonomi si può», «Anche noi diventiamo grandi» e «Vogliamo andare a vivere da soli»

“Anche a Nettuno piace giallo”: molto più di una semplice vacanza

«Una vacanza in barca a vela con disabili? Forse, ma sarà anche un’esperienza indimenticabile in cui tutti ci nutriremo di bellezza e delle nostre diversità, e da cui torneremo più ricchi che mai»: lo dicono dall’Associazione modenese NoisyVision, alla vigilia dell’avvio di “Anche a Nettuno piace giallo”, iniziativa che da domani, 24 agosto, fino al 31 del mese, vedrà un equipaggio integrato di persone ipovedenti, non vedenti e vedenti solcare il Tirreno da Napoli all’Isola d’Elba, a bordo di “Adriatica”, il natante dei noti “Velisti per caso” Syusy Blady e Patrizio Roversi

L’accessibilità dei supermercati e l’abitudine di spesa degli ipovedenti

È stato presentato presso la sede dell’IRIFOR Emilia Romagna e dell’UICI della medesima Regione, il “Progetto di ricerca sull’accessibilità dei supermercati e sulle abitudini di spesa degli ipovedenti”, iniziativa proposta da Monica Simone, dottoranda dell’Università di Bologna, con l’obiettivo di approfondire un’attività quotidiana importante nella vita di ognuno, quale il fare la spesa, analizzandone le componenti, dall’orientarsi nello spazio del supermercato al leggere prezzi ed etichette, in termini di accessibilità

Ingresso ridotto a teatro per più di 1.500 persone con disabilità

«Questi numeri ci dicono che quando ci sono le condizioni adeguate per farlo, le persone con disabilità partecipano attivamente alla vita culturale e sociale della città»: così i Presidenti delle Federazioni LEDHA (componente lombarda della FISH) e FAND Lombardia commentano i risultati del protocollo siglato tra le due organizzazioni, l’AGIS Lombardia e l’Associazione Teatri per Milano, che ha uniformato le agevolazioni riservate alle persone con disabilità in tutti i teatri lombardi aderenti all’iniziativa

I diritti delle donne con disabilità in Comunicazione Aumentativa Alternativa

Il presupposto del “Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea” è che l’essere donne e contemporaneamente disabili esponga a una discriminazione multipla. Un testo scritto da donne con disabilità che approfondisca questi temi può renderle più consapevoli e determinate nel rivendicare i propri diritti. Tale risulta la versione in Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA) del “Secondo Manifesto”, curata con Stefania Costantini da Simona Lancioni, che già aveva proposto la traduzione italiana e la versione facile da leggere del documento

L’esperienza degli anziani al servizio dei giovani con disabilità

Persone anziane, che hanno ancora tanto da dare e che mettono a frutto le loro conoscenze, insegnando a un gruppo di giovani con disabilità intellettive, che esperienza non ne hanno, ma hanno tanta voglia di imparare e di mettersi in gioco, come lavorare nell’orto e con gli animali: non è una favola, ma una realtà in costante crescita, ovvero un bel progetto di agricoltura sociale avviato da alcuni anni tra le colline senesi, nella zona dove si produce il Chianti

Ben venga quel nuovo sportello di consulenza sull’accessibilità

Frutto di una convenzione tra l’AAS 5 Friuli Occidentale, la Consulta Regionale delle Associazioni di Persone Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia e la Cooperativa Iris, lo sportello di consulenza sull’accessibilità che sorgerà a Cordenons (Pordenone) sarà un punto di riferimento per famiglie, associazioni, privati e anche enti pubblici, interessati ad approfondire o a risolvere questioni legate all’accessibilità e all’abbattimento delle barriere architettoniche. A curarlo saranno gli esperti del CRIBA FVG (Centro Regionale di Informazione sulle Barriere Architettoniche)

“Noi speriamo che ce la caviamo da soli…”

Fare la spesa, cucinare, mangiare assieme attorno a un tavolo, oppure sul lungomare, partire per qualche giorno in montagna, o anche calcare il palco di un teatro: tanti momenti di vita quotidiana che ognuno ha il diritto di vivere. E sono le azioni che ormai da un anno, e sempre con maggiore consapevolezza, animano “Noi speriamo che ce la caviamo da soli…”, progetto voluto allo scopo di costruire percorsi di graduale autonomia per persone con disabilità intellettiva o fisica, coinvolgendo tredici Associazioni impegnate sul fronte della disabilità in dodici Regioni del nostro Paese

Una nuova App per testare la fruibilità dei luoghi

Persona con disabilità motoria, Wlliam Del Negro ha ideato il progetto “Will Easy”, con la relativa App, consistente in una piattaforma che permette la mappatura dei vari luoghi, verificandone la compatibilità in base alle esigenze delle persone, di tutte le persone, e non solo di quelle con disabilità. E oltre all’indubbia utilità oggettiva dell’iniziativa, Del Negro vuole diffondere un concetto fondamentale, ovvero far capire che un ambiente fruibile da parte di una persona con disabilità è più fruibile per tutti e può anche arrecare notevoli vantaggi economici alle attività produttive

Autonomie e cooperazione per giovani con disabilità visiva

In questi giorni e fino al 21 luglio, l’UICI di Caserta e l’IRIFOR della città campana (Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione dell’UICI stessa) sono impegnate all’interno dell’Oasi WWF Bosco di San Silvestro nel campo estivo denominato “Autonomie e cooperazione”, seconda edizione di un progetto sperimentale e innovativo che in pieno stile scout, impegna giovani con disabilità visiva in attività sensoriali, cognitive e di fatica, per migliorare la propria condizione di autonomia personale