Diritti

Jusabili, prezioso strumento di democrazia e tutela dei diritti

Lo staff di Jusabili (in primo piano il responsabile Vitaliano Ferrajolo), subito dopo la premiazione al Forum PA di Roma

Ha ricevuto un “Premio di eccellenza”, classificandosi tra i migliori cento progetti in Italia, nell’àmbito del Forum PA (Pubblica Amministrazione) di Roma, il Progetto Jusabili.org, portale web avviato nel 2010 dall’Associazione LPH di Caserta, nel quale viene raccolta e organizzata la giurisprudenza delle Magistrature italiane che hanno deciso in materia di disabilità, ma che è nato anche come strumento di democrazia digitale e di semplificazione, nella prospettiva di difendere i diritti umani delle persone con disabilità

Uno spazio aperto, per segnalare problemi al voto

Uno spazio aperto, per segnalare problemi al voto

Con la consapevolezza che molti cittadini con disabilità dell’Unione Europea non potranno esprimere il loro voto alle imminenti consultazioni continentali o che quanto meno potrebbero incontrare difficoltà a farlo, l’EDF, il Forum Europeo sulla Disabilità, ha deciso di raccogliere tutte le possibile segnalazioni sui problemi che gli elettori con disabilità potranno incontrare. Lo si potrà fare tramite tre diverse semplici modalità

I rinvii e l’immobilismo del Comune di Napoli

Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli

«Il Comune di Napoli non può tenere in ostaggio le tante persone con disabilità che ad oggi aspettano ancora una risposta. Chiederemo pertanto alla Regione Campania di fare chiarezza su questo immobilismo, che crea disagi alle persone con disabilità e alle loro famiglie»: a dirlo è Daniele Romano, presidente della FISH Campania (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), denunciando la sospensione dell’assistenza domiciliare alle persone con disabilità in due quartieri della città, problema che l’Amministrazione Comunale non sembra avere fretta di risolvere

Rispetto per l’ambiente e diritto all’accessibilità devono marciare insieme

Un giovane non vedente e un giovane con disabilità motoria in carrozzina percorrono un sentiero turistico insieme ad altre persone

Favorire l’accessibilità all’ambiente naturale e ai sentieri di montagna rappresenta un obbligo normativo ineludibile: per questo la Federazione lombarda LEDHA e Legambiente Lombardia hanno chiesto alla propria Regione che di fronte ad ogni opposizione strumentale, venga realizzato in Val di Mello quel progetto volto a migliorare l’accessibilità di un sentiero già esistente, ribadendo in tal modo il proprio impegno a salvaguardare l’ambiente naturale, senza che questo divenga motivo di esclusione delle persone con disabilità

Come discriminare le persone con disabilità ultrasessantacinquenni

Come discriminare le persone con disabilità ultrasessantacinquenni

«A partire dalla Convenzione ONU – dichiara Roberto Speziale, presidente dell’ANFFAS – fino alla Legge 112/16, al Piano di Indirizzo sulla Riabilitazione, ad alcuni provvedimenti amministrativi e agli stessi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza Sanitaria), da nessuna parte è stabilito che alle persone con disabilità di 65 anni vengano negate prestazioni, servizi e interventi sociosanitari assicurati fino al giorno prima. Va contrastata tale assurda prassi, posta in essere in alcuni territori al solo scopo di risparmiare risorse a discapito dei diritti delle persone con disabilità anziane»

Pescara e la disabilità: “bocciati” i candidati a Sindaco

Pescara e la disabilità: “bocciati” i candidati a Sindaco

Nelle scorse settimane, l’Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo aveva inviato una serie di quesiti sulla disabilità a tutti i candidati a Sindaco della città di Pescara, in vista delle prossime Elezioni Amministrative del 26 maggio. Quanto mai vari i temi trattati, dalle barriere architettoniche al lavoro, dalla scuola all’assistenza domiciliare e altri ancora. Qual è stato l’esito dell’iniziativa? Nullo o deludente, come riferisce la stessa Associazione abruzzese, tra risposte mancate o risposte in “politichese”

Al via l’Osservatorio Nazionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità

Al via l’Osservatorio Nazionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità

E’ ripartita l’attività dell’Osservatorio Nazionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità, organo attivo presso il Ministero per la Famiglia e le Disabilità, che vede la partecipazione di numerose organizzazioni impegnate in questo àmbito. La Federazione FISH, che ne fa parte, ha apprezzato la volontà espressa dal ministro Fontana, rispetto all’effettiva applicazione del “Secondo Programma di Azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità”. «Ora alle parole seguano i fatti», commenta il presidente della FISH Vincenzo Falabella

Prime condanne a quel processo per maltrattamenti

Prime condanne a quel processo per maltrattamenti

Altri rinvii a giudizio e prime condanne per quello che a suo tempo avevamo definito come il più grande processo finora svoltosi in Italia per maltrattamenti a persone con disabilità, riguardante quanto accaduto in una struttura per persone con disabilità intellettiva grave di Montalto di Fauglia (Pisa). «Che le condanne siano di monito per tutti – commenta Nazaro Pagano, presidente dell’Associazione ANMIC, costituitasi parte civile nel dibattimento – perché questi atti discriminatori e violenti nei confronti delle persone più fragili non sono degni di un Paese civile»

Ho la sindrome di Down: permettetemi di votare!

Una delle persone con sindrome di Down avviate a un tirocinio lavorativo tramite il Progetto "WOW!", iniziativa che ha tra i suoi principali promotori l'AGPD (Associazione Genitori e Persone con Sindrome di Down)

«Aiutare le persone con sindrome di Down ad esprimere il proprio voto è l’ultimo passo di un percorso che inizia dalla scelta di cosa prendere al bar, per arrivare appunto a chi e come votare. È un modo per riconoscerli adulti e cittadini, ma ancora molti di loro e delle loro famiglie non sanno che è un loro diritto!»: a dirlo è Anna Contardi, coordinatrice dell’AIPD (Associazione Italiana Persone Down), presentando la “Guida alle Elezioni Europee 2019”, scritta in “alta comprensibilità”, realizzata dalla stessa AIPD, che ha anche rilanciato la campagna e il messaggio “Il tuo voto conta!”

Più parchi gioco inclusivi e sport per tutti

«Manca una legge che renda effettivo il diritto al gioco e allo sport per tutte le persone di minore età, quelle con disabilità comprese»: lo ha dichiarato Filomena Albano, Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza, presentando a Roma il documento di studio e proposta “Il diritto al gioco e allo sport dei bambini e dei ragazzi con disabilità”, dal quale emerge tra l’altro che in Italia sono solo 234 i parchi gioco inclusivi, concentrati prevalentemente al Centro Nord e spesso non accessibili ai ragazzi con disabilità intellettiva o con disturbi dello spettro autistico

Lombardia: due atti normativi sulle barriere e per un Fondo Unico

«Una volta tradotti in atti normativi concreti, questi due provvedimenti potranno determinare importanti benefìci per le persone con disabilità. Uniformare infatti gli interventi per l’abbattimento delle barriere e creare un Fondo Unico per la Disabilità rappresentano due passi importanti verso una gestione coordinata delle azioni a favore delle persone con disabilità»: lo dichiara Alessandro Manfredi, presidente della Federazione LEDHA, commentando due recenti atti normativi approvati dal Consiglio Regionale della Lombardia, che impegnano la Giunta Regionale ad agire nel senso indicato

La mia vita… in quale luogo? Ovvero, come definire una struttura segregante?

«Nonostante tutto, nel nostro Paese vi sono ancora tanti “manicomi nascosti”, dove migliaia di persone con disabilità vivono separate ed escluse dal resto della società»: a dirlo è Giovanni Merlo, curatore insieme a Ciro Tarantino del libro “La segregazione delle persone con disabilità. I manicomi nascosti in Italia”, che accende i riflettori su una realtà di cui si parla ancora troppo poco. Come auspicato anche dal nostro giornale, sono sempre di più gli eventi centrati su tale pubblicazione, come quelli dell’11 maggio in Lombardia, a Vimercate (Monza-Brianza) e a Lodi

Il diritto al gioco e allo sport dei bambini e dei ragazzi con disabilità

Organismo istituito per assicurare a livello nazionale l’attuazione e la tutela dei diritti dei bambini e degli adolescenti, secondo le disposizioni della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, l’AGIA (Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza) presenterà nella mattinata del 9 maggio a Roma il documento intitolato “Il diritto al gioco e allo sport dei bambini e dei ragazzi con disabilità”, frutto del lavoro di una Consulta di associazioni e organizzazioni, presieduta dalla stessa Autorità Garante

Prima le Persone, tutte con gli stessi Diritti

«Abbiamo deciso di aderire per ribadire che anche le persone con disabilità e le loro famiglie hanno pari diritti e invece subiscono discriminazioni quotidiane»: così Daniele Romano spiega perché una delegazione della FISH Campania (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) parteciperà il 4 maggio a Napoli alla manifestazione denominata “#PRIMAlePERSONE”, cui prenderanno parte esponenti della società civile, rappresentanti di organizzazioni sindacali, associazioni e molti altri, per rilanciare l’attenzione dell’opinione pubblica sul tema dei diritti per tutti

“Legge sul Durante e Dopo di Noi”: manca la relazione del 2018

«La seconda relazione al Parlamento sullo stato di applicazione della Legge avrebbe dovuto essere presentata entro il mese di giugno 2018, ma così non è stato; ciò appare grave anche alla luce del fatto che l’attuazione della legge su base regionale sembra, però, procedere a velocità diversa da Regione a Regione»: lo si legge in un Atto di Sindacato Ispettivo, ovvero in un’Interrogazione Parlamentare, presentata da numerosi Senatori a proposito della Legge 112/16, meglio nota come “Legge sul Dopo di Noi” o sul “Durante e Dopo di Noi”

Unione Europea e Stati Arabi al lavoro insieme, per rafforzare i diritti

«Bisogna uscire dal solo concetto di protezione verso le persone con disabilità, per puntare sulla promozione di quanto offrono le abilità residue di ognuno»: lo ha dichiarato a Malta Vincenzo Zoccano, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con Delega alla Famiglia e alle Disabilità, durante il primo incontro Arabo/Europeo di alto livello sui diritti delle persone con disabilità. L’importante riunione è stata voluta soprattutto per gettare le basi di uno strumento duraturo di cooperazione tra l’Unione Europea e il Mondo Arabo, nel campo dei diritti delle persone con disabilità

Vogliamo continuare a vivere in un ambiente familiare!

«Siamo oltre 4 milioni di famiglie di persone con disabilità. Con amore e cura, tra mille difficoltà, garantiamo che ognuno di loro possa sorridere e vivere una vita dignitosa nella propria casa. Ma quando non ci saremo più, cosa sarà dei nostri figli?»: inizia così “Tornando a casa”, spot di notevole efficacia e impatto, realizzato dalle Associazioni romane Oltre lo sguardo e Hermes, per lanciare una campagna volta a rafforzare e a rendere più concreti i princìpi fondanti della Legge 112/16, meglio nota come “Legge sul Dopo di Noi” o “sul Durante e Dopo di Noi”

La Direttiva Europea sull’accessibilità: il puzzle è tutt’altro che completo

Il Parlamento Europeo ha approvato l’“European Accessibility Act” (“Direttiva Europea sull’Accessibilità”), che unificherà le diverse disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati Membri, in materia di accessibilità dei prodotti e dei servizi. E tuttavia, in attesa dell’approvazione formale del Consiglio d’Europa, il Forum Europeo sulla Disabilità, battutosi a lungo per il miglior testo possibile, sottolinea ora che a fianco di alcuni aspetti positivi, restano gravi carenze e l’esclusione di aree essenziali, come i trasporti, l’ambiente edilizio e gli elettrodomestici

Autismo: abbiamo chiesto più investimenti e interventi concreti

«Tutte e tre quelle Risoluzioni sollecitano il Governo a incrementare il fondo per l’autismo. Altrimenti non può essere applicata la Legge 134 del 2015, che viene attuata solo in relazione alle possibilità finanziarie delle ASL»: lo ha dichiarato Benedetta Demartis, presidente dell’ANGSA, a margine di un’Audizione presso la XII Commissione Affari Sociali della Camera, in rappresentanza anche dell’ANFFAS e insieme all’Associazione Spazio Asperger, nell’àmbito della discussione di tre Risoluzioni presentate da altrettanti Deputati, in materia di disturbi dello spettro autistico