Società

Aiuta le nostre Associazioni a non scomparire per sempre

L'elaborazione grafica curata dal CoorDown, per la campagna lanciata in occasione della Giornata Nazionale delle Persone con Sindrome di Down dell'11 ottobre

«A causa della pandemia e del lockdown, rischiano di essere vanificati in pochi mesi i passi avanti fatti nella costruzione di opportunità, di percorsi di vita autonoma e indipendente e di inserimento lavorativo per le persone con sindrome di Down»: partendo da questo presupposto, il CoorDown (Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down), in occasione della Giornata Nazionale delle Persone con Sindrome di Down dell’11 ottobre prossimo, ha lanciato la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi denominata “Aiuta le nostre Associazioni a non scomparire per sempre”

Tutte le vie per l’emancipazione delle donne con disabilità

Tutte le vie per l’emancipazione delle donne con disabilità

Con la sua vocazione interdisciplinare e il suo orientamento inclusivo, la Pedagogia Speciale può svolgere un ruolo fondamentale nell’individuare percorsi educativi che supportino le donne con disabilità nell’espressione di tutte le dimensioni della propria identità: su tale idea portante si regge “Come fenici. Donne con disabilità e vie per l’emancipazione”, libro pubblicato dalla ricercatrice Arianna Taddei, lavoro notevole, innovativo e concreto nel costante tentativo di tenere insieme teoria e prassi. Ne abbiamo parlato con la stessa Taddei

Dislessia: dieci anni dalla Legge 170 tra luci, ombre e prospettive future

Dislessia: dieci anni dalla Legge 170 tra luci, ombre e prospettive future

Tutti online, e anche il convegno nazionale del 10 ottobre, ruoteranno intorno al decennale della Legge 170/10, che ha regolato i DSA nella scuola (disturbi specifici dell’apprendimento), i vari eventi della Settimana Nazionale della Dislessia, che ha preso il via oggi, 5 ottobre, a cura dell’AID (Associazione Italiana Dislessia), L’obiettivo è quello di riflettere sui cambiamenti avvenuti dal 2010 a oggi, ma anche sulle iniziative da intraprendere per una piena applicazione della norma su tutto il territorio nazionale, con uno sguardo verso l’estensione delle tutele al mondo degli adulti

Anche in quest’anno così complicato, ti aspettano le mele dell’AISM

Anche in quest’anno così complicato, ti aspettano le mele dell’AISM

È tornata oggi e si protrarrà fino a domenica 4, in coincidenza con il Giorno del Dono, la tradizionale iniziativa “La mela di AISM”, che pur dovendo tenere conto delle norme legate all’emergenza coronavirus, dà la possibilità di sostenere in vari modi i progetti di ricerca volti a trovare la causa e la cura della sclerosi multipla, oltreché ad ampliare i servizi dedicati ai giovani, che sono i più colpiti dalla malattia. E anche quest’anno a fianco dell’AISM vi sono decine di personaggi dello spettacolo, dello sport, della musica e del giornalismo

Una “scivolata” nello stigma verso le persone con autismo

Una “scivolata” nello stigma verso le persone con autismo

Il titolo di quell’articolo dello psichiatra e scrittore Paolo Crepet (“Da Colleferro a Lecce, la nostra gioventù affetta da ‘autismo emotivo’”) è diventato successivamente “Da Colleferro a Lecce, la nostra gioventù affetta dall’indifferenza”, pur mantenendo i termini “autismo emotivo” all’interno del testo. Sono inoltre arrivate le scuse da parte dell’Autore. E tuttavia Roberto Speziale, presidente dell’ANFFAS, esprime ugualmente una dura presa di posizione sui rischi di «alimentare ancora una volta stigma e pregiudizio nei confronti delle persone con autismo»

I silenzi pieni di rumore delle persone sorde

I silenzi pieni di rumore delle persone sorde

Riuscire a raccontare il mondo della sordità attraverso la fotografia è abbastanza complesso, eppure c’è chi è riuscito a farlo. Il sito del settimanale «L’Espresso», infatti, ospita alcuni scatti di Valerio Bispuri, che ha dato vita a un progetto volto appunto a raccontare il mondo delle persone sorde. Per realizzarlo, il fotografo ha provato ad affrontare il silenzio assoluto ricreandolo nella propria persona. I suoi scatti in bianco e nero restituiscono l’espressività e la vitalità di una bellezza spontanea

Giornata Nazionale UILDM: da “portatori di handicap” a portatori di possibilità

Giornata Nazionale UILDM: da “portatori di handicap” a portatori di possibilità

«Siamo passati da “portatori di handicap”, come si diceva in passato, a portatori di possibilità. Oggi vogliamo ribadire che la nostra fragilità non ci ferma, che l’isolamento si può superare e che fuori c’è la vita»: così Marco Rasconi, presidente della UILDM, presenta la nuova Giornata Nazionale dell’Associazione, che dal 5 all’11 ottobre si baserà sullo slogan “Vogliamo continuare insieme a te”, messaggio forte per far sì che le Sezioni UILDM continuino ad essere un punto di riferimento per le persone con malattie neuromuscolari, scongiurando il rischio della loro chiusura

Il Festival delle Abilità, ovvero la libertà di vivere come tutti

Da sinistra: Antonio Giuseppe Malafarina, Federica Millefiorini dell'Università Cattolica e l'attrice Lella Costa al Festival delle Abilità 2020 (foto di Silvia Calderone)

«Tu chiamale emozioni!»: così Antonio Giuseppe Malafarina racconta la seconda edizione del Festival delle Abilità di Milano, presentato come «una festa-festival dei talenti d’arte, musica e poesia, per riscrivere l’immaginario della cultura contemporanea, per farci dimenticare il prefisso “dis” dalla parola disabili e promuovere una cultura dell’abilità». Il tutto all’insegna delle parole che Franco Bomprezzi aveva fatto proprie dal fondatore della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) Federico Milcovich, il quale sosteneva «l’importanza di essere liberi di vivere come tutti»

Federazione Psicologi per i Popoli: un progetto su “Vulnerabilità ed emergenze”

Messa in sicurezza di una donna con disabilità motoria, in uno scenario di emergenza, da parte dei Vigili del Fuoco

Il tema riguardante le persone con disabilità di fronte alle emergenze (incidenti di vario tipo, calamità naturali o causate dall’uomo) ha trovato per la prima volta visibilità internazionale nel 2015, alla Terza Conferenza Mondiale dell’ONU sulla riduzione del rischio di catastrofi, e sta suscitando un crescente interesse anche in Italia, specie grazie alle iniziative avviate dai Vigili del Fuoco. Guardiamo dunque con attenzione al progetto della Federazione Psicologi per i Popoli su “Vulnerabilità ed emergenze”, basato su un questionario online, degno di ampia diffusione

Rallentano le donazioni degli italiani al Terzo Settore

«Il 2019 ha visto un trend in calo o stabile su tutti i fronti delle pratiche di dono al Terzo Settore, con l’inserimento, poi, di una situazione di emergenza sanitaria e sociale che ha generato una mobilitazione forte anche in termini di donazioni, ma riferibili alla sola emergenza e che pongono molte incognite sui prossimi mesi»: così Cinzia Di Stasio, segretario generale dell’IID (Istituto Italiano della Donazione), commenta i dati emergenti dallo studio “Noi doniamo – Edizione 2020”, che lo stesso IID presenterà il 2 ottobre, in vista del Giorno del Dono del 4 ottobre

Violenza nei confronti delle donne con disabilità: la nuova indagine della FISH

«Sei una ragazza o una donna con disabilità? Allora ti chiediamo di compilare il nostro questionario dedicando 15 minuti del tuo tempo al tema delle violenze e degli abusi sulle donne. Che tu abbia subito o meno piccole o grandi violenze, le tue esperienze e i tuoi pensieri sono importanti»: viene lanciata così, dalla Federazione FISH, l’iniziativa “VERA 2”, nuova edizione aggiornata di un’indagine degna della maggiore attenzione possibile, che rientra nell’àmbito del progetto “Disabilità: la discriminazione non si somma, si moltiplica”

Il bignami dei cruciverba disabili

«Tante definizioni da cruciverba, fornite da noi stessi disabili, per dare un aiuto agli enigmisti normodotati»: consiste in questo la nuova “incursione” di Gianni Minasso nella rubrica “A 32 denti (Sorridere è lecito, approvare è cortesia)”, fatta, come sempre, di pungente ironia, di grottesco e talora della comicità più o meno involontaria che, come ogni altra faccenda umana, può riguardare anche il mondo della disabilità. Un esempio di definizione? «Esiste come il 30 febbraio (10 lettere): inclusione»! «Certo – scrive Minasso – un po’ si ride, anche se in alcuni casi verrebbe da piangere…»

Un innovativo servizio antiviolenza rivolto alle donne con disabilità

È stato inaugurato a Bologna, nel maggio scorso, un nuovo servizio di supporto per donne con disabilità vittime di discriminazione e/o violenza, frutto della collaborazione tra l’Associazione MondoDonna (capofila del progetto) e l’AIAS di Bologna, e che mette a disposizione lo “Sportello CHIAMA chiAMA”. Si tratta di una realtà molto interessante che mette insieme approccio di prossimità, flessibilità, accessibilità, multidisciplinarietà, innovazione e lavoro di rete. Ne abbiamo parlato direttamente con le operatici coinvolte nell’iniziativa

L’Accademia dei Lincei premia l’Associazione Italiana Persone Down

«L’Associazione Italiana Persone Down svolge una meritoria opera di tutela dei diritti delle persone con sindrome di Down, per favorirne il completo sviluppo fisico e intellettuale e, con esso, il loro inserimento, sociale e lavorativo»: lo si legge nella motivazione con cui l’Accademia dei Lincei assegnerà all’AIPD domani, 25 settembre, il “Premio Nazionale Cataldo Agostinelli e Angiola Gili Agostinelli”, sottolineando anche «un’impostazione consistente nel fornire non una semplice opera di assistenza, ma nel coinvolgere direttamente le persone con questa sindrome e le famiglie»

“Uno sguardo raro”, ovvero un modo diverso di vedere le cose

Progetto culturale nato per raccontare la diversità e mostrare cosa significhi vivere con una Malattia Rara o una Disabilità, all’insegna di «un modo diverso di vedere le cose», “Uno sguardo raro”, l’unico Festival Internazionale di Cinema dedicato al tema della Malattie Rare, si avvia a vivere la fase conclusiva della propria quinta edizione, con la cerimonia di premiazione del 28 settembre, preceduta da una serie di eventi, sia a distanza che in presenza, a partire da domani, 18 settembre

La disabilità in un Paese dell’Africa, tra Covid, crisi economica e stigma

In Italia il Covid ha lasciato segni graffianti sulla società con disabilità, come la carenza di operatori socio sanitari a domicilio conseguente l’afflusso verso le residenze. In Africa è successo qualcosa di particolare. Nel nostro immaginario di povertà e denutrizione si può pensare a una vera e propria falcidia di persone con disabilità, invece le dinamiche possono essere tutt’altre. Vediamo cos’è successo ad esempio in Sudan, parlandone con Vincenzo Racalbuto, titolare nel Paese africano della sede dell’AICS (Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo)

Come fenici. Donne con disabilità e vie per l’emancipazione

«Come l’Araba Fenice può risorgere luminosa dalle proprie ceneri dopo aver incontrato la morte, allo stesso modo le donne con disabilità affrontano percorsi connotati da ricorsive discriminazioni e possibili rinascite liberatorie. L’autrice ritesse la trama pedagogica di alcune di queste donne»: è quanto si legge nella presentazione editoriale di “Come fenici. Donne con disabilità e vie per l’emancipazione”, libro recentemente pubblicato da Arianna Taddei, ricercatrice che vi percorre sentieri di studio ancora ben poco battuti, per lo meno nel nostro Paese

Il Festival delle Abilità: arte, musica e poesia per una nuova cultura

Animato da una ventina di artisti e gruppi, tra scultori, poeti, pittori, attori, musicisti e maghi dei giochi di ombre, si terrà il 19 e 20 settembre a Milano, a cura della Fondazione Mantovani Castorina, la seconda edizione del Festival delle Abilità, presentato come «una festa-festival dei talenti d’arte, musica e poesia, per riscrivere l’immaginario della cultura contemporanea, per farci dimenticare il prefisso dis dalla parola disabili e promuovere una cultura dell’abilità»

La scomparsa di una guerriera dei diritti umani delle persone con disabilità

Con la scomparsa di Rachel Kachaje, il movimento mondiale che si batte per i diritti delle persone con disabilità perde una delle sue figure più illustri, una donna «che ha dedicato la vita – come è stato scritto – a promuovere i diritti umani delle persone con disabilità, vivendo saldamente nel presente e combattendo per il futuro». Già Ministra per gli Affari della Disabilità e della Terza Età nel Malawi, il proprio Paese dell’Africa, Kachaje, che ha anche fondato il DIWA (Disabled Women in Africa), era divenuta nel 2015 presidente mondiale di DPI (Disabled Peoples’ International)