Chiediamo di porre in primo piano i problemi delle persone con disabilità

Lo si legge in un appello inviato a tutti i partiti politici che parteciperanno alle prossime Elezioni Regionali dell’Emilia Romagna, in programma per il 26 gennaio del nuovo anno, da parte delle componenti regionali di FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle Persone con Disabilità) e FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap). «In particolare – vi si legge ancora – chiediamo attenzione sui temi dell’istruzione, del lavoro, dell’assistenza sanitaria e sociale, della mobilità e della qualità della vita, dell’inclusione sociale e dei diritti»

Mappa dell'Emilia Romagna con le Proovince e i loghi delle varie disabilità«Le persone con disabilità e le loro famiglie rappresentano una vasta fascia della popolazione, che ogni giorno si confronta con mille difficoltà della quotidianità, che non si risolvono con articoli o citazioni: occorre infatti un quadro legislativo trasparente con meno burocrazia, che sancisca i diritti delle persone con disabilità stessa».
Lo si legge in un appello inviato a tutti i partiti politici che parteciperanno alle prossime Elezioni Regionali dell’Emilia Romagna, in programma per il 26 gennaio del nuovo anno, da parte delle componenti regionali di FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle Persone con Disabilità) e FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), a firma dei rispettivi presidenti Andrea Prantoni e Giuliana Gaspari Servadei.

«Chiediamo dunque – si legge nell’appello – di porre in primo piano i problemi delle persone con disabilità, in particolare sui seguenti temi:  istruzione; lavoro; assistenza sanitaria e sociale; mobilità e qualità della vita; inclusione sociale e diritti. E facendo riferimento a quanto sancito dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, che è stata ratificata e resa esecutiva in Italia con la Legge 18 del 2009 , sollecitiamo tutti i partiti ad includere nelle liste dei candidati persone sensibili alle tematiche sopra citate».

E da ultimo, ma non certo ultimo, FAND e FISH dell’Emilia Romagna chiedono anche «l’impegno affinché, nella prossima Legislatura, il Consiglio Regionale ratifichi la Convenzione ONU». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti:
fandregionale.emiliaromagna@gmail.com; fish.emiliaromagna@gmail.com.

Stampa questo articolo