La sensazione che a Franco e a Grazia questa iniziativa sarebbe piaciuta

Franco Bomprezzi (1952-2014)

«Ognuno di noi ha avuto chiara la sensazione, ripensando alla giornata finale, che questa iniziativa a Franco e Grazia sarebbe piaciuto» lo hanno detto gli organizzatori del secondo Premio Bomprezzi sulla buona comunicazione in àmbito di disabilità, dedicato a chi fu direttore responsabile di «Superando.it» fino alla sua scomparsa, commentando l’evento conclusivo dell’iniziativa stessa, che ha previsto anche un riconoscimento dedicato alla giornalista Maria Grazia Capulli, oltre alla presentazione di due ricerche sulla percezione della disabilità e sulla mobilità

Contro la carenza di farmaci per ogni grave e cronica patologia

Da sinistra: Giovanni Battista Pesce, presidente dell'AICE (Associazione Italiana Contro l'Epilessia), la figlia Ninfa Maria e Nicola Magrini, direttore generale dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco)

Merita piena evidenza un risultato che è il frutto di un ottimo esempio di positiva collaborazione tra le Istituzioni e il mondo del Volontariato e che si rifletterà molto positivamente per tutte le gravi e croniche condizioni patologiche. Si tratta dell’applicazione (app) “AIFA Medicinali”, liberamente scaricabile nel web, che insieme ad altre opportunità, segnala anche l’eventuale entrata in carenza di un farmaco, fornendo le indicazioni utili a superare tale criticità

Spezzare il legame tra povertà, malattia e disabilità

Spezzare il legame tra povertà, malattia e disabilità

“Spezza il legame tra povertà, malattia e disabilità”: è il titolo del manifesto diffuso dall’Associazione AIFO, organizzazione di cooperazione sociosanitaria internazionale che è tra i fondatori della RIDS (Rete Italiana Disabilità e Sviluppo) e che in vari Paesi del mondo contrasta le cause della disabilità, a partire dalla povertà e dalla mancanza di accesso alla salute, che aggravano la stessa condizione di disabilità di una persona. «Perché la disabilità non è una malattia – sottolineano dalla stessa AIFO -, ma una relazione con l’ambiente circostante. E tutti ne siamo responsabili!»

La nuova Giunta Nazionale della Federazione FISH

Una parte dei componenti della nuova Giunta Nazionale della FISH

Mario Alberto Battaglia, Roberto Speziale, Maria Cristina Dieci, Daniele Romano, Antonio Cotura, Maria Rosaria Duraccio, Annunziata “Nunzia” Coppedé, Stefania Leone, Michele Adamo, Marco Espa, Giovanni Marino e Alessandro Manfredi: sono i componenti della nuova Giunta Nazionale della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), insieme a Vincenzo Falabella, riconfermato alla Presidenza. La Giunta stessa durerà in carica per i prossimi quattro anni

Il metodo Braille, un’invenzione resiliente come poche altre

Particolare di un busto dedicato a Louis Braille (4 gennaio 1809-6 gennaio 1852)

Il metodo Braille, che consente alle persone non vedenti di leggere e scrivere, è un’invenzione resiliente come poche altre. Nato nell’Ottocento, ha attraversato quasi duecento anni, modificandosi per seguire le mutate esigenze delle persone che ne usufruiscono, andando a braccetto con le tecnologie più avanzate. Vediamo dunque le novità più promettenti dei giorni nostri, con un salto finale a Napoli, per scoprire l’installazione di un artista, un’esperienza sensoriale aperta a tutti che sarebbe piaciuta molto anche a Louis Braille

In scena nelle scuole uno spettacolo ispirato alla Convenzione ONU

In scena nelle scuole uno spettacolo ispirato alla Convenzione ONU

Rinnovando una collaborazione avviata per far conoscere nelle scuole la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, CBM Italia e SON (Speranza Oltre Noi) hanno organizzato il 2 dicembre, alla vigilia della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, un incontro presso un Istituto Comprensivo di Milano, durante il quale circa 200 bambini e bambine delle interclassi quarte e quinte hanno potuto assistere allo spettacolo teatrale “Solo due passi”, messo in scena dall’Associazione Culturale ATA Taumastica e ispirato proprio ai valori della Convenzione ONU

A Cremona c’è la valigia archeologica multisensoriale

La valigia archeologica multisensoriale

Riproduzioni tattili, trascrizioni per le tracce audio, materiale in linguaggio facile da leggere e da capire, oltreché in CAA (Comunicazione Aumentativa Alternativa): sono i contenuti della valigia archeologica multisensoriale, elaborata dalle persone con disabilità della Cooperativa Ventaglio Blu e dell’ANFFAS di Cremona, che verrà presentata domani, 6 dicembre, presso il Museo Archeologico San Lorenzo della città lombarda, rafforzando ulteriormente la collaborazione tra i musei cittadini e le stesse ANFFAS Cremona e Ventaglio Blu nella resa accessibile dei luoghi locali della cultura

Dall’inoccupabilità alla “produttività operosa” delle persone con disabilità

Dall’inoccupabilità alla “produttività operosa” delle persone con disabilità

«L’unica possibilità di cambiare il sistema riguardante il lavoro delle persone con disabilità può nascere solo dalla volontà politica di riformarlo, rendendolo più aderente alla nuova concezione della persona con disabilità, non come “oggetto di assistenza”, ma di “soggettività operosa”»: lo dicono dalla Fondazione OPIMM di Bologna, presentando il convegno di domani, 6 dicembre, “Un lavoro dignitoso per Tutti e Tutte. Dall’inoccupabilità alla “produttività operosa” delle Persone con disabilità”, promosso in ricordo di Andrea Canevaro e che verrà anche diffuso in diretta streaming

Buona comunicazione sulla disabilità: chi vincerà il secondo Premio Bomprezzi?

Franco Bomprezzi (1° agosto 1952-18 dicembre 2014), che fu direttore responsabile del nostro giornale «Superando.it» dall’avvio delle pubblicazioni fino al giorno della sua scomparsa

La seconda edizione del Premio Bomprezzi sulla comunicazione in àmbito di disabilità – dedicata a colui che fu direttore responsabile di «Superando.it» fino alla sua scomparsa – vivrà il proprio evento conclusivo oggi, 5 dicembre, a Roma. Quest’anno è previsto anche un premio audiovisivo dedicato alla memoria della giornalista Maria Grazia Capulli e nel corso dell’incontro di Roma vi sarà spazio anche per il secondo rapporto nazionale dell’Osservatorio Cittadini e Disabilità, realizzato in collaborazione con SWG, nonché per la ricerca su “Disabilità e Mobilità”, curata da AutoScout24

Sclerosi laterale amiotrofica: i numeri, le persone, le storie

Fulvia Massimelli, presidente nazionale dell'AISLA, insieme a Michele La Pusata, persona affetta da SLA, in una foto dell'estate scorsa

«Nel nostro cammino portiamo insieme la responsabilità del pensare che dietro i numeri ci siano sempre le persone e le loro storie»: a dirlo è Fulvia Massimelli, presidente dell’AISLA, commentando gli eccellenti risultati ottenuti sia con la propria “Operazione Sollievo”, sia con la recente contribuzione straordinaria, volta ad alleviare le conseguenze del “caro energia” per i propri soci e socie con la SLA. Proprio oggi, 2 dicembre, alla vigilia della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, l’AISLA presenta tra l’altro un nuovo importante progetto di ricerca tecnologica

Non lasciare indietro nessuna persona sordocieca!

Francesco Mercurio, presidente del Comitato delle Persone Sordocieche della Lega del Filo d’Oro

«Siamo di fronte ad uno stallo normativo – dichiarano dalla Lega del Filo d’Oro, alla vigilia del 3 Dicembre – riguardante l’inadeguatezza della Legge del 2010 che riconobbe i diritti delle persone sordocieche, senza però una tutela giuridica collettiva capace di includere tutte le persone con disabilità aggiuntive. Per questo vogliamo riaccendere l’attenzione su questa disabilità specifica e complessa, impegnandoci a fondo per la revisione e la piena applicazione di quella norma, dando voce alle migliaia di famiglie che chiedono soluzioni concrete per il futuro dei propri figli»

Le nuove tavole multisensoriali alla Galleria Borghese di Roma

Impegnata da tempo nel Museo Galleria Borghese di Roma, ove offre servizi di visite guidate gratuite a persone con disabilità motorie, cognitive e sensoriali, l’Associazione capitolina VAMI (Volontari Associati Musei Italiani) amplierà la propria offerta didattica domani, 3 dicembre, presentando un’importante novità, ovvero cinque tavole multisensoriali di capolavori pittorici della stessa Galleria Borghese, realizzate con il supporto dell’Associazione Tactile Vision, per comunicare le opere in modo semplice e inclusivo, rivolgendosi a un pubblico il più ampio possibile, per età e abilità

Al fianco di Gabriele, chiediamo vita indipendente per le persone con disabilità

«Siamo al fianco di Gabriele e delle Associazioni Hermes e AVI, nell’esprimere la nostra indignazione verso l’ASL Roma 2 che al termine del progetto riabilitativo di Gabriele stesso, ha chiesto l’intervento del Tribunale per estromettere di fatto lui e la sua famiglia dalla facoltà di scegliere»: lo dicono dalla Federazione FISH Lazio, che insieme alle stesse Hermes e AVI, chiede che venga riconosciuto il Progetto di vita indipendente, il diritto di autodeterminarsi per la persona con disabilità, il diritto di parola della persona con disabilità e quello del caregiver familiare

Capire che nel lavoro le persone con disabilità sono spesso un valore aggiunto

«È tempo di imparare, una volta per tutte, che le persone con disabilità inserite nel mondo del lavoro molto spesso sono un valore aggiunto»: lo scrive Maurizio Zerilli, soffermandosi sul convegno “Un altro punto di vista: la persona con disabilità come valore aggiunto nel mondo del lavoro”, promosso recentemente a Pianoro (Bologna) dalla CEI, la Conferenza Episcopale Italiana

Tecnologie assistive: è ripartita la formazione continua della Rete GLIC

All’interno dell’attività di formazione continua rivolta agli operatori dei Centri associati e collegati al GLIC, la Rete Italiana dei Centri di Consulenza su Ausili Tecnologici per le Disabilità, si è riavviato quest’anno l’incontro annuale nel quale vengono affrontati e discussi vari temi legati al mondo delle tecnologie assistive. In questi giorni, dunque, a Torre Annunziata (Napoli), è in corso la “Winter School” del GLIC, ove si parla di progetti europei, del “Global Report OMS”, in cui lo stesso GLIC è citato come esempio virtuoso di rete senza fini commerciali e di altro ancora