Sport e Turismo

È in partenza la Carovana dello Sport Integrato

In ogni tappa della Carovana dello Sport Integrato vi sarà una dimostrazione di football integrato

Quattro pulmini che avranno a bordo settantadue atleti con e senza disabilità, per diffondere in tutte le Regioni d’Italia il tema dell’integrazione sociale attraverso lo sport, tramite la Carta dei Valori dello Sport Integrato – frutto di numerosi percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro – dimostrazioni di football integrato e seminari formativi gratuiti. È la Carovana dello Sport Integrato, grande progetto nazionale promosso dallo CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale), che prenderà il via il 15 marzo da Roma

Giochi Mondiali di Special Olympics: i numeri, le parole e le gare

La giovane ginnasta Special Olympics Veronica Paccagnella, durante la presentazione al CONI della delegazione italiana in partenza per i Giochi di Abu Dhabi

7.000 atleti da 170 Paesi del mondo, impegnati in 24 diverse discipline sportive: bastano questi dati a caratterizzare i Giochi Mondiali Estivi di Abu Dhabi di Special Olympics, il movimento internazionale dello sport praticato da persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, in programma dal 14 al 21 marzo, come il più grande evento umanitario e sportivo del mondo del 2019. E più ancora delle stesse gare, questa grande manifestazione dimostrerà ancora una volta al mondo che le barriere culturali possono certamente essere cancellate

Garantire a tutti la possibilità di vivere le spiagge in modo autonomo

Una spiaggia con passerelle per le persone con disabilità motoria in carrozzina

«Consci che le questioni ambientali non possono prescindere dal tema dell’accessibilità, abbiamo deciso quest’anno di integrare il nostro riconoscimento con i temi dell’inclusività, perché i beni comuni devono essere veramente godibili da parte di tutti e per questo obiettivo è necessario impegnarsi con il massimo sforzo»: lo ha dichiarato Sebastiano Venneri di Legambiente, presentando il nuovo marchio “Ecospiagge per tutti”, iniziativa promossa insieme a Village for all (V4A®), la nota rete specializzata in “turismo accessibile”

Che silenzio sott’acqua… E lì vedo una bella luce e sono libero di muovermi!

Uno dei tanti di subacquea rivolta a persone con disabilità, promossi da HSA Italia

A dirlo sono stati Luca e Matteo, due giovani partecipanti con disabilità ai corsi di HSA Italia, l’Associazione Nazionale Attività Subacquee e Natatorie per Disabili, che fa conoscere la subacquea a favore delle persone con diverse disabilità, sostenendo al tempo stesso le varie Associazioni sui territori. E come loro, tanti altri avranno modo di misurarsi in acqua, in assoluta sicurezza, sin da domani, 23 febbraio, a Reggio Emilia, “prima assoluta” per la città emiliana e nuova tappa della stagione 2019 di “Il Mare, un Sorriso per tutti – Subacquea Zero Barriere”, progetto di HSA Italia

L’atleta paralimpico dell’anno e il decimo Giro d’Italia in Handbike

Durante la serata di presentazione del decimo Giro d'Italia di Handbike, verrà presentato anche il libro "Fili di rugiada" di Maria Francesca Mosca", liberamente ispirato alle storie degli atleti partecipanti al Giro

Il premio “Diamond of Fame”, che andrà al Miglior Atleta Paralimpico della passata stagione, verrà assegnato nella serata del 22 febbraio a Milano, nel corso dell’evento durante il quale verrà presentata la decima edizione del Giro d’Italia di Handbike, importante traguardo per una manifestazione il cui successo è cresciuto di anno in anno e che è divenuta ormai leader indiscussa, nel suo genere, anche a livello europeo

“Mettere insieme le abilità”, nello sport e nella vita

Un'immagine scattata in occasione della partita di rugby "mixed ability", giocata lo scorso anno tra il Settimo CRON Rugby e gli irlandesi Sunday's Well Rebels

«Dimostriamo che l’inclusione è possibile. Il Mixed Ability è uno stile di vita. Se fosse applicato nella vita di tutti i giorni, vivremmo in un mondo migliore!»: lo dichiara uno dei protagonisti del movimento denominato “Mixed Ability”, nato in Italia otto anni fa, che permette ad atleti con e senza disabilità di giocare a rugby insieme, facendo dello sport un potentissimo e insostituibile mezzo di inclusione. E Gabriele, giovane con disabilità intellettiva che milita con il Chivasso Rugby, ne fornisce una delle migliori testimonianze

Sport e integrazione per ragazzi sordi e udenti insieme: la vittoria più bella

Ragazzi partecipanti al Progetto "Champions' Camp" del 2018

Sono aperte le preiscrizioni alla quinta edizione del Progetto “Champions’ Camp, sport e integrazione: la vittoria più bella”, che nell’estate prossima proporrà ancora una volta i propri camp estivi sportivi di integrazione rivolti a tanti ragazzi sordi e udenti, pronti a condividere non solo una vacanza, ma anche un progetto educativo. La proposta di quest’anno consisterà in due settimane in montagna nel mese di giugno, ad Andalo (Trento) e due al mare in luglio, a Marina Romea (Ravenna)

Una manifestazione che ha unito tutti, attraverso i valori dello sport

Giacomo Bertagnolli (a destra), insieme alla sua guida Fabrizio Casal, sono stati i veri trionfatori dei Mondiali di Sci Paralimpico 2019 (Klementina Press)

Tante gare appassionanti, condite da grandi vittorie, in particolare degli azzurri Bertagnolli e Casal, insieme all’impegno e alla forza della Società Sportiva Sport X All di Monfalcone; ma forse, ancor più importante, il messaggio di unione tra nazioni e popoli confinanti, all’insegna dello sport, diffuso anche tra i giovani delle scuole. Tutto questo sono stati i Campionati Mondiali di Sci Paralimpico, disputatisi per la prima volta in due diversi Paesi, con una parte delle gare a Kranjska Gora in Slovenia e l’altra a Sella Nevea (Udine), nella splendida cornice delle Prealpi Giulie

Riparte da Pescara “Il Mare, un Sorriso per tutti”

Uno degli eventi di subacquea e disabilità promossi da HSA Italia

Si inaugurerà nel prossimo fine settimana a Pescara – con un corso gratuito di introduzione a subacquea, nuoto e snorkeling rivolto a persone con disabilità e con un corso di formazione per professionisti, anch’esso gratuito – la stagione 2019 del progetto “Il Mare, un Sorriso per tutti”, iniziativa promossa da HSA Italia, l’Associazione Nazionale Attività Subacquee e Natatorie per Disabili, con l’obiettivo di far conoscere la subacquea a favore delle persone con disabilità fisica e sensoriale, sostenendo al tempo stesso le varie Associazioni sui territori

Si premia chi promuove vacanze senza ostacoli e difficoltà

Nato per celebrare l’impegno e la competenza nel settore turistico italiano e giunto alla sua quarta edizione, l’“Italia Travel Awards” ha confermato anche quest’anno un’iniziativa avviata nel 2018, ovvero il premio speciale dedicato al “Turismo accessibile”, rivolto ad Associazioni, Enti, Istituzioni, Comuni, Regioni e operatori del settore che abbiano realizzato iniziative in favore dell’accessibilità ai servizi turistici, permettendo a tutti una vacanza senza ostacoli e difficoltà

Special Olympics: quanta energia, anche “in salita”!

«Ho vinto la medaglia d’oro, ce l’ho fatta, ho avuto energia anche in salita»: la testimonianza di Nicola Capraro, uno degli oltre 500 atleti che hanno partecipato in Piemonte ai XXX Giochi Nazionali Invernali Special Olympics – il movimento dello sport praticato da persone con disabilità intellettiva e/o relazionale – può essere certamente emblematica per tutte le persone con disabilità intellettiva e per le loro famiglie, che tanta energia “in salita” devono spendere, in una società ancora troppo spesso legata a tanti stereotipi e pregiudizi

Stiamo facendo appassionare le persone al tema dell’accessibilità universale

Lo dichiara Simona Petaccia, presidente dell’Associazione Diritti Diretti, alla luce del crescente successo di “Turismi accessibili: giornalisti, comunicatori e pubblicitari superano le barriere”, concorso promosso dalla stessa Diritti Diretti, alla cui quarta edizione si potrà partecipare fino a metà maggio. E quest’anno c’è anche l’importante novità dell’apertura a chi risiede fuori dei confini italiani. Pur restando infatti concentrato sul turismo accessibile in Italia, il concorso consentirà di partecipare anche a professionisti, aziende ed enti non italiani

L’abilità e il coraggio di credere nei propri sogni

«Lo sport mi ha aiutato a crescere, ad avere coraggio, ma più di ogni cosa mi ha fatto sentire l’affetto e la fiducia di tante persone. Sentirmi apprezzato anche da chi prima vedeva in me solo la disabilità è qualcosa di indescrivibile, il riconoscimento più grande»: lo ha dichiarato Andrea Ferraro, atleta Special Olympics, durante la presentazione dei XXX Giochi Nazionali Invernali di questo movimento dello sport praticato da persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, evento che prenderà il via domani, 15 gennaio, in Piemonte, con la cerimonia di apertura a Bardonecchia

Lo sport unificato di Special Olympics sulle nevi del Piemonte

Nato come un programma sportivo “esclusivo”, pensato per le persone con disabilità intellettive, oggi Special Olympics coinvolge in realtà anche numerosi giovani senza disabilità, tanto da farlo ritenere come un movimento sportivo e culturale “inclusivo”, aperto a tutti, che consente anche a persone senza disabilità intellettive di partecipare agli eventi non solo come volontari, ma anche in qualità di “atleti partner”. E tale percorso sarà evidente anche in Piemonte, ai prossimi XXX Giochi Nazionali Invernali Special Olympics, che verranno presentati domani, 8 gennaio, a Torino

Alternanza Scuola-Lavoro dedicata al turismo inclusivo

«Questo è un argomento che nei programmi scolastici ministeriali non si affronta mai, come non esistesse in quanto fenomeno economico sociale. Abbiamo dunque voluto rendere consapevoli gli studenti, futuri operatori del turismo, affinché sviluppino competenze ampie in proposito»: lo dichiara Vitaliano Ferrajolo, della Cooperativa Ability 2004 di Caserta, commentando l’esperienza di Alternanza Scuola-Lavoro, che ha consentito di formare undici studenti di un Istituto Tecnico a indirizzo turistico, sull’ospitalità e l’accoglienza inclusiva dei turisti con disabilità motoria

È nato il più completo centro di sci adattato della dorsale appenninica

Promuovere e sostenere l’accesso allo sci alpino da parte di persone con diverse disabilità e in ogni fascia di età: è l’obiettivo con cui la Fondazione per lo Sport Silvia Rinaldi di Bologna – ente filantropico che realizza varie iniziative volte a favorire la pratica dello sport dilettantistico da parte di persone con disabilità – ha avviato nelle scorse settimane sul Monte Cimone il centro di sci adattato più completo della dorsale appenninica, dotato di ogni servizio necessario, dal noleggio di supporti fino alla prenotazione di lezioni e alla disponibilità di guide di accompagnamento

Lo sviluppo turistico attraverso l’accessibilità

Il progetto “In…Forma. Viaggio Sociale”, promosso dall’Associazione Dimensione Volontario, mira a sviluppare il turismo accessibile in tutto l’Abruzzo, partendo dai Comuni di Roseto e Pineto. «Il nostro vero obiettivo – spiega Peppe Palermo, presidente di Dimensione Volontario – è offrire servizi adatti all’accoglienza delle persone con disabilità che siano apprezzati anche da chi non ha alcuna disabilità perché ideati per soddisfare sì la comodità, ma anche la bellezza e il gusto». In tal senso è stato anche lanciato un questionario, rivolto ad associazioni e operatori del turismo

Tempo di modellini, ma che modellini!

Le “slot car”, modellini di veicoli da utilizzare su piste elettriche, saranno al centro domani, 12 dicembre, a Milano, di una bella iniziativa promossa all’insegna della sport-terapia, della socializzazione e dell’inclusione, dall’Associazione AUSportiva, presso l’Unità Spinale dell
‘Ospedale Niguarda. Per l’occasione, infatti, verrà presentata la nuova pista “Monza” – copia del famoso circuito – e su di essa si correrà un “Campionato Gran Turismo di Slot Car”, con le nuove macchinine Porsche, riprodotte fedelmente in scala 1:32 da Carrera Toys

Il primo Torneo Italiano di Tennis per Ciechi

L’eredità sportiva di Miyoshi Takei, giovane giapponese non vedente che tra la fine degli Anni Ottanta e Novanta letteralmente inventò il Tennis per Ciechi, giocato con una speciale pallina dotata di sonagli, si è ormai diffusa in tutto il mondo, fino ad arrivare da qualche anno anche in Italia. E dopo anni di duro lavoro di informazione e diffusione, si è ora finalmente giunti al primo Torneo Italiano di Tennis per Ciechi, che nei prossimi giorni a Bologna vedrà persone non vedenti e ipovedenti di ambo i generi sfidarsi per il primo titolo italiano ufficialmente riconosciuto