La cerimonia conclusiva del premio a chi ha informato bene sulle Malattie Rare

È in programma per il 23 settembre a Roma, e potrà essere seguita in diretta streaming, la cerimonia conclusiva del settimo Premio OMAR, l’iniziativa promossa dall’Osservatorio Malattie Rare che si rivolge a tutti coloro i quali, utilizzando diversi mezzi di comunicazione, abbiano saputo proporre un’informazione corretta e una sensibilizzazione efficace verso il grande pubblico, sul mondo complesso delle Malattie e dei Tumori Rari

Immagine del Progetto "Rare Lives" (©Aldo Soligno/Rare Lives)

Immagine realizzata da Aldo Soligno, per il progetto fotografico “Rare Lives. Il significato di vivere con una Malattia Rara”, voluto da UNIAMO-FIMR (Federazione Italiana Malattie Rare) (©Aldo Soligno/Rare Lives)

Come avevamo anticipato in altra parte del giornale, nella nostra ampia presentazione della nuova edizione dell’iniziativa, è in programma per mercoledì 23 settembre, all’Auditorium Ara Pacis di Roma (ore 16.30), la cerimonia conclusiva del settimo Premio OMAR, già rinviata nel febbraio scorso a causa dell’emergenza coronavirus, e che potrà essere seguita in diretta streaming sia sul portale che sulla pagina Facebook dell’OMAR (Osservatorio Malattie Rare), organizzatore della manifestazione.

Si tratta, lo ricordiamo, di un’iniziativa seguita costantemente negli anni anche dal nostro giornale, che si rivolge a tutti coloro i quali, utilizzando diversi mezzi di comunicazione, abbiano saputo proporre un’informazione corretta e una sensibilizzazione efficace verso il grande pubblico, sul mondo complesso delle Malattie e dei Tumori Rari.
Il concorso si avvale delle consolidate partnership con il CNMR (Centro Nazionale Malattie Rare) dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità), Orphanet Italia, la Fondazione Telethon e UNIAMO-FIMR (Federazione Italiana Malattie Rare), nonché del patrocinio della FERPI (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana), dell’Ordine dei Giornalisti, di AbilityChannel, del Festival Uno Sguardo Raro, del CDG (Centro di Documentazione Giornalistica), dell’USPI (Unione Stampa Periodica Italiana) e del WHIN (Web Health Information Network).

Sei le categorie in gara, vale a dire il Premio giornalistico categoria stampa e web, il Premio giornalistico categoria audio video; il Premio per la migliore campagna di comunicazione (categoria professionisti); il Premio per la migliore campagna di comunicazione (categoria non professionisti); il Premio per la migliore divulgazione attraverso foto, illustrazioni, fumetti, installazioni artistiche e il Premio della Giuria.

L’evento coinciderà anche con il decimo anniversario dalla nascita dell’OMAR. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@osservatoriomalattierare.it.

Stampa questo articolo