“Sinergie Muscolari”: una vita migliore per i bimbi con disabilità neuromotorie

I passi finora compiuti dallo studio denominato “Sinergie Muscolari”, lanciato nel 2019 dalla Fondazione Ariel, con l’obiettivo di migliorare le cure e l’assistenza dei piccoli pazienti colpiti da paralisi cerebrale infantile o altre forme di disabilità neuromotorie, sarà al centro di un incontro online promosso per il 1° dicembre dalla stessa Fondazione Ariel, voluto appunto per aggiornare persone con disabilità, genitori, caregiver e operatori sanitari sullo stato dell’arte di quel progetto

Ricercatori impegnati nell'àmbito del progetto "Sinergie Muscolari" della Fondazione Ariel

Ricercatori impegnati nell’àmbito del progetto “Sinergie Muscolari” della Fondazione Ariel

I passi finora compiuti dallo studio denominato Sinergie Muscolari, lanciato nel 2019 dalla Fondazione Ariel – che sin dal 2003 si occupa di sostegno e orientamento alle famiglie con bambini affetti da paralisi cerebrale infantile e altre disabilità neuromotorie – e sospeso per un periodo di tempo a causa della pandemia, ma ora pronto a ripartire con una nuova fase: si parlerà soprattutto di questo durante un incontro promosso per il 1° dicembre (ore 19) dalla stessa Fondazione Ariel, voluto appunto per aggiornare persone con disabilità, genitori, caregiver e operatori sanitari sullo stato dell’arte di Sinergie Muscolari e che verrà diffuso in diretta online.

«Seguiamo sin dagli inizi della nostra attività -. Spiegano da Ariel – progetti di ricerca volti a sviluppare la conoscenza, il trattamento e la cura delle patologie neuromotorie infantili. Il progetto Sinergie Muscolari ha preso il via due anni fa con l’obiettivo di migliorare le cure e l’assistenza dei piccoli pazienti colpiti da disabilità neuromotorie attraverso l’osservazione delle differenze delle sinergie muscolari durante il cammino dei bimbi con paralisi cerebrale infantile e nei bambini sani. In questo modo è possibile approfondire la conoscenza delle funzionalità dei muscoli, e in particolare delle sinergie che il sistema nervoso attiva per coordinare il movimento, così da ottenere nuovi parametri di valutazione sui numerosi disturbi neuromotori del sistema muscolo-scheletrico causati dalla paralisi cerebrale infantile. L’obiettivo ultimo è quello di individuare un trattamento personalizzato di fisioterapia e riabilitazione per ogni bambino».

Sinergie Muscolari è condotto da un gruppo di giovani ricercatori guidati da Nicola Portinaro, chirurgo ortopedico pediatrico e direttore scientifico di Ariel, in collaborazione con l’Istituto STIIMA del CNR. E sarà proprio il gruppo di ricerca al completo a illustrare il progetto durante il webinar del 1° dicembre, cui seguirà una testimonianza della giornalista Anna Maria Gioria del blog InVisibili di «Corriere della Sera.it», oltreché “firma” di «Superando.it».
Al termine dell’incontro – moderato dal giornalista Ruggiero Corcella di «Corriere della Sera – Salute», i partecipanti potranno porre domande in diretta.

L’occasione, infine, sarà anche propizia per lanciare un appello a partecipare a Sinergie Muscolari, rivolto alle famiglie di bambini o bambine tra gli 8 e i 14 anni con paralisi cerebrale infantile o altra disabilità neuromotoria, che non abbiano mai subito interventi. (S.B.)

Per partecipare al webinar del 1° dicembre è necessaria l’iscrizione (a questo link). Da segnalare inoltre che nell’àmbito dello studio Sinergie Muscolari, la Fondazione Ariel ha anche avviato una campagna di raccolta fondi per sostenere la borsa di ricerca per un fisioterapista che nei primi sei mesi del 2022 si dedicherà a raccogliere le adesioni di piccoli pazienti con disabilità disponibili a partecipare alla ricerca, registrandone i parametri di movimento. Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: Silvia Panzarin (silvia.panzarin@leacrobate.it).

Stampa questo articolo