Sessualità e lesioni al midollo spinale: un ciclo di incontri online

Si chiama “Sessualità e lesioni al midollo spinale” il ciclo di incontri online proposto dalla Cooperativa Sociale Spazio Vita Niguarda di Milano, che si rivolgono a persone con lesione al midollo spinale congenita o acquisita, puntando ad approfondire l’impatto di tali lesioni sulla sfera della sessualità e quali soluzioni sia possibile adottare per poter recuperare una vita sessuale attiva. A condurli sono altrettanti operatori sanitari dell’Ospedale Niguarda di Milano, specializzati nella cura e nella riabilitazione delle persone con lesione midollare

Donna bionda dietro a un giovane uomo in carrozzinaSessualità e lesioni al midollo spinale: si chiama così il ciclo di incontri online avviato nel novembre scorso a cura della Cooperativa Sociale Spazio Vita di Milano, che gestisce l’omonimo Centro adiacente all’Unità Spinale dell’Ospedale Niguarda.

Rivolti a persone con lesione al midollo spinale congenita (spina bifida) o acquisita, sulle tematiche della sessualità, i webinar – tutti diffusi in diretta su piattaforma Zoom – puntano ad approfondire l’impatto delle lesioni midollari sulla sfera della sessualità e quali soluzioni sia possibile adottare per poter recuperare una vita sessuale attiva. A condurli sono altrettanti operatori sanitari dell’Ospedale Niguarda, specializzati nella cura e nella riabilitazione delle persone con lesione midollare, i quali negli anni hanno riscontrato come vi sia una forte domanda di risposte in àmbito di sessualità e fertilità da parte delle persone direttamente coinvolte e dei loro partner.

I primi tre webinar svoltisi alla fine dello scorso anno e nel gennaio scorso sono visibili sulle pagine YouTube e Facebook di Spazio Vita Niguarda, mentre i prossimi sono in programma (tutti alle ore 17) rispettivamente il 9 febbraio su Fertilità femminile e gravidanza, con la ginecologa Maria Pia Pisoni; il 23 febbraio su Disfunzione erettile e problemi di eiaculazione, con l’urologo Gianluca Sampogna; il 9 marzo su Sex toys, con la terapista occupazionale Grace Cafueri.

Dopo ogni incontro sarà possibile inviare quesiti specifici agli specialisti e le risposte – nel pieno rispetto dell’anonimato – verranno fornite attraverso un video successivamente pubblicato. (S.B.)

La partecipazione agli incontri (aperta anche ai partner, ai familiari e agli operatori), è gratuita ed è possibile richiedere il link per partecipare scrivendo a: segreteria@spaziovitaniguarda.com.

Stampa questo articolo