“Sportivamente Insieme”, un progetto dalle tante ricadute positive

Frutto di un protocollo d’intesa tra la FISDIR (Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali) e l’Istituto Comprensivo “Principessa Elena di Napoli” di Palermo, il progetto “Sportivamente Insieme” ha sviluppato integrazione sociale attraverso l’attività sportiva per alunni con disabilità intellettivo-relazionale, ottenendo vari risultati positivi. Finanziata dalla FISDIR Sicilia, l’iniziativa ha in sostanza ricreato all’interno del contesto scolastico un centro di orientamento allo sport per quattro diverse discipline (tennis, tennistavolo, atletica e pallacanestro)

"Sportivamente Insieme"

La maglietta realizzata da FISDIR Sicilia e l’Istituto Comprensivo Statale “Principessa Elena di Napoli” di Palermo, per il progetto “Sportivamente Insieme”

Si è concluso il 31 maggio scorso il progetto Sportivamente Insieme, frutto di un protocollo d’intesa siglato lo scorso anno tra la FISDIR (Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali) e l’Istituto Comprensivo Statale palermitano “Principessa Elena di Napoli”, con il quale entrambe le parti hanno inteso programmare e sviluppare un obiettivo specifico di integrazione sociale attraverso l’attività sportiva per alunni e alunne con disabilità intellettivo-relazionale, impegnandosi nel raggiungimento di vari obiettivi.
Interamente finanziata dalla FISDIR Sicilia, l’iniziativa ha permesso di ricreare all’interno del contesto scolastico di riferimento un centro di orientamento allo sport per quattro discipline (tennis, tennistavolo, atletica e pallacanestro) e verrà con tutta probabilità riproposto anche nel prossimo anno scolastico 2022-2023.

Nel dettaglio del progetto, esso ha previsto nel mese di maggio 5 incontri di 2 ore ciascuno (10 ore totali a disciplina e 40 per tutto il progetto sportivo), durante i quali i 54 alunni coinvolti, sia della scuola primaria che della secondaria di primo grado (elementari e medie),  hanno potuto partecipare alle attività fulcro dell’iniziativa, accompagnati da un tecnico e un assistente tecnico per ogni disciplina. Il tutto si è concluso con una festa all’interno degli spazi dell’istituto scolastico palermitano.
Vi sono state inoltre anche sei ore di formazione, riservata agli insegnanti di sostegno e ai docenti di educazione fisica, tenute da Gaspare Ganci e Angelo D’Auria, durante le quali sono stati trattati argomenti quali l’evoluzione del CIP (Comitato Italiano Paralimpico) e di Federazioni Paralimpiche come la FISDIR, oltre ai princìpi didattici generali in presenza di persone con disabilità intellettivo-relazionale, nonché gli aspetti psicologici e relazionali nell’attività sportiva per disabili intellettivi e relazionali, le competenze pedagogiche dei tecnici, gli elementi della comunicazione efficace e i principi di PNL (Programmazione Nerurolinguistica), applicati alla relazione didattica.

«Obiettivi fondamentali del progetto – come spiegano i promotori – sono stati: acquisire consapevolezza delle possibilità del proprio corpo, del controllo posturale e delle sequenze dinamico-motorie, aprendo il corpo stesso al benessere psico-fisico, sviluppando le attività psicomotorie e la fiducia in se stessi; recuperare lo schema corporeo e l’immagine di sé, nonché la percezione dei confini somatici; favorire la conoscenza morfologico spaziale e l’orientamento spazio-temporale; sviluppare le attività mentali, stimolando l’attenzione, l’apprendimento e la consapevolezza; sviluppare le capacità relazionali e interattivo-sociali, attraverso le dinamiche di gruppo per l’affermazione del sé e la modulazione con l’altro, evitando sopraffazione e aggressività e trasmettendo la condivisione delle regole; lottare contro uno stile di vita sedentario e isolato che causa un aumento dei tassi di ritiro psicosociale e dell’insorgenza o delkl’aggravamento delle malattie mediche, nonché un aumento dell’assistenza sociale e dell’uso di servizi medici».

Le attività sportive sono state curate, rispettivamente, dal tecnico Francesco La Versa e dall’assistente tecnico Federica Faraone per l’atletica, dal tecnico Giuseppe Terrasi e, anche per questa disciplina, da Federica Faraone (pallacanestro), dal tecnico Giuseppe Armeli e dall’assistente tecnico Simone Sofia (tennistavolo), dal tecnico Franzi Scalia e dall’assistente tecnico Claudia Cusimano (tennis).

La FISDIR Sicilia e l’Istituto Comprensivo “Principessa Elena di Napoli” di Palermo ringraziano in conclusione la FMSI (Federazione Medico Sportiva Italiana), per l’agevolazione concessa nel rilascio dei certificati medico sportivi agli allievi coinvolti nell’iniziativa. (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione: Ufficio stampa FISDIR Sicilia (Sabrina Longi), sabrinaottavialongi1982@gmail.com.

Stampa questo articolo