Anche a Brescia prende il via la “Scleroderma Unit”

Porre la persona al centro di tutto, con la possibilità di accedere, con corsia preferenziale, ad équipe specialistiche per la diagnosi e il trattamento della sclerosi sistemica e delle sue complicanze: è la sfida quotidiana delle “Scleroderma Unit”, frutto di un progetto fortemente voluto dal GILS (Gruppo Italiano Lotta alla Sclerodermia) e concertato con varie Aziende Ospedaliere e Istituzioni, che sta ora per arrivare anche a Brescia, grazie a una convenzione con gli Spedali Civili della città lombarda. L’iniziativa verrà presentata durante un incontro in programma per domani, 18 ottobre

Fenomeno di Raynaud

Il cosiddetto “fenomeno di Raynaud” (o “delle mani fredde e delle dita viola”), contraddistinto dal fatto che con il freddo, le mani e/o i piedi diventano bianchi e perdono la sensibilità. Si tratta di uno dei primi sintomi della sclerosi sistemica progressiva o sclerodermia

Porre la persona al centro di tutto, con la possibilità di accedere, con corsia preferenziale, ad équipe specialistiche per la diagnosi e il trattamento della sclerosi sistemica e delle sue complicanze: è la sfida quotidiana delle Scleroderma Unit, frutto di un progetto fortemente voluto dal GILS (Gruppo Italiano Lotta alla Sclerodermia), grazie al sostegno del proprio Comitato Scientifico, e concertato con varie Aziende Ospedaliere e Istituzioni, che sta ora per arrivare anche a Brescia, grazie a una convenzione con gli Spedali Civili della città lombarda.

L’iniziativa verrà presenta nella mattinata di domani, durante un incontro in programma presso il Salone Vanvitelliano del Palazzo Loggia di Brescia, cui interverranno Donatella Albini, consigliera delegata del Sindaco di Brescia alla Sanità; Massimo Lombardo, direttore generale dell’Azienda Spedali Civili Brescia; Pia Cittadini, componente del Direttivo del GILS; Paolo Airò, dirigente medico dell’Unità Operativa Complessa di Reumatologia e Immunologia Clinica, responsabile della Scleroderma Unit di Brescia; Franco Franceschini, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Reumatologia e Immunologia Clinica dell’Azienda Spedali Civili di Brescia; Angela Tincani e Maria Grazia Lazzaroni, altri dirigenti medici degli Spedali Civili; Carla Garbagnati, presidente del GILS  e Annibale Romano, volontario del GILS.

Rara malattia autoimmune, cronica ed evolutiva, la sclerosi sistemica –nota anche come sclerodermia colpisce in prevalenza le donne ed è caratterizzata principalmente dalla fibrosi della cute, ma può nel tempo estendersi anche agli organi interni, coinvolgendo ad esempio l’apparato gastrointestinale, i polmoni, i reni e il cuore. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ssala@studiotiss.com (Susanna Sala).

Stampa questo articolo