Scienza e tecnologie avanzano, ma in troppi ne sono ancora esclusi

«Oggi le disabilità non sono più un limite – scrive Salvatore Cimmino -, grazie ai grandi traguardi raggiunti dalla bioingegneria della riabilitazione e dai risultati talora sorprendenti che gli scienziati continuano ad ottenere in tutto il mondo. Ci sono però ancora tanti bambini, bambine e adulti che non possono beneficiare di questo enorme patrimonio tecnologico e scientifico, perché è distribuito male, generando una forte disuguaglianza sociale. Ed è inaccettabile che ancora così tante persone debbano versare in situazione di emarginazione, un “killer silenzioso” che sarebbe prevenibile»

Poster USA con il testo "Disability Rights are Human Rights"

Un poster realizzato negli Stati Uniti, con la scritta “Disability Rights are Human Rights”, ovvero “I diritti delle persone con disabilità sono diritti umani”

In questi giorni, in ogni parte del mondo, una persona su sei è impegnata, in vista del 3 Dicembre, nell’organizzazione di iniziative, per celebrare la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, allo scopo di attirare l’attenzione dell’opinione pubblica sull’inclusione sociale e l’abbattimento di ogni barriera.

La Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, adottata nel 2006 e ratificata dal nostro Parlamento nel 2009 con la Legge 18/09, è il punto di riferimento per coloro che sostengono iniziative volte alla promozione dei diritti umani delle persone con disabilità affinché tutti abbiano le stesse opportunità di partecipazione alla vita sociale, culturale ed economica, senza nessuna distinzione. All’articolo 5, comma 3 della Convenzione stessa si legge ad esempio: «Al fine di promuovere l’uguaglianza ed eliminare le discriminazioni, gli Stati Parti adottano tutti i provvedimenti appropriati, per garantire che siano forniti accomodamenti ragionevoli».
Lavorare per le persone con disabilità significa promuovere i diritti di coloro che sono i più vulnerabili con la convinzione che nessuno – nemmeno uno – deve essere lasciato indietro.

Oggi le disabilità non sono più un limite, grazie ai grandi traguardi raggiunti dalla bioingegneria della riabilitazione oltreché dai talora sorprendenti risultati che gli scienziati continuano ad ottenere in tutto il mondo: bambini e adulti dati per “dispersi” dal sistema scolastico o resi inabili da Malattie Rare riescono a svolgere un ruolo attivo nella società e ad instaurare relazioni stabili e soddisfacenti.
Ci sono però ancora tanti bambini, bambine e adulti che non possono beneficiare di questo enorme patrimonio tecnologico e scientifico, perché esso è distribuito male, generando una forte disuguaglianza sociale. Ed è inaccettabile che ancora così tante persone debbano versare in situazione di emarginazione, un “killer silenzioso”, ma prevenibile, che trae ancora più forza proprio attraverso il circolo vizioso dell’esclusione sociale.

Stampa questo articolo