Nelle scuole a far conoscere i problemi della disabilità uditiva

Si è allargato alle scuole superiori il progetto dell’Associazione APIC di Torino “Chi è il vostro amico sordo”, che punta a far conoscere a studenti e studentesse le problematiche della sordità e dell’inserimento scolastico di ragazzi e ragazze con disabilità uditiva. A tal proposito sono stati organizzati per il 13 e il 14 dicembre scorsi due incontri al Liceo Botta di Ivrea, collegati idealmente alla giornata finale del “Festival Musicale Rosario Scalero”, svoltasi il 17 dicembre nello stesso Istituto, occasione in cui l’APIC ha collaborato alla resa accessibile dell’aula

APIC nelle scuole

Uno degli incontri promosso dall’APIC di Torino nelle scuole del proprio territorio

Tra le varie attività promosse ormai da molti anni dall’APIC di Torino (Associazione Portatori Impianto Cocleare), vi è anche il progetto denominato Chi è il vostro amico sordo, rivolto alle scuole secondarie di primo grado (scuole medie), per cui l’insegnante Chiara Canova è la referente a fianco dei volontari dell’Associazione.
In questi ultimi anni, tuttavia, numerose richieste per il medesimo progetto sono arrivate anche dalle scuole secondarie di secondo grado (scuole superiori), alle quali l’APIC ha deciso di rispondere con i medesimi obiettivi, ovvero sensibilizzare e far conoscere a tutti gli studenti e le studentesse le problematiche relative alla sordità e all’inserimento scolastico dei ragazzi e ragazze con disabilità uditiva, senza tralasciare una visione generale sui pericoli provocati dall’inquinamento acustico.

A tal proposito, dunque, sono stati organizzati due incontri presso il Liceo Botta di Ivrea, rispettivamente il 13 e il 14 dicembre scorsi, collegati idealmente alla giornata finale del Festival Musicale Rosario Scalero, svoltasi il successivo 17 dicembre presso lo stesso Istituto eporediese, occasione in cui sempre l’APIC ha collaborato alla resa accessibile dell’aula a favore delle persone con disabilità uditive. (S.B.) 

Per ulteriori informazioni: info@apic.torino.it.

Stampa questo articolo