Per un turismo più accessibile e per una partecipazione più attiva

Mettere in sinergia i comuni saperi e le esperienze per la realizzazione di progetti destinati a migliorare la qualità dei servizi turistici e dell’esperienza turistica in Italia rispetto ai temi dell’accessibilità e dell’inclusione, nonché promuovere la partecipazione attiva nella vita sociale, culturale, professionale da parte delle persone con disabilità o con esigenze specifiche: sono gli obiettivi del protocollo d’intesa sottoscritto lo scorso anno tra CERPA Italia (Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell’Accessibilità) e AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile)

Turisti con disabilità

Turisti con disabilità

«Lavorare insieme con determinazione per sensibilizzare e formare le imprese e gli operatori del settore turistico affinché venga da un lato implementata l’accessibilità e la fruibilità dei luoghi e dei servizi, e dall’altro venga raggiunta una maggiore inclusione lavorativa delle persone più fragili»: è questo uno degli impegni presi da CERPA Italia (Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell’Accessibilità) e AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile), con il protocollo d’intesa sottoscritto lo scorso anno.
Obiettivo principale di tale partenariato è in sostanza quello di mettere in sinergia i comuni saperi e le esperienze per la realizzazione di progetti destinati appunto a migliorare la qualità dei servizi turistici e dell’esperienza turistica in Italia rispetto ai temi dell’accessibilità e dell’inclusione, nonché a promuovere la partecipazione attiva nella vita sociale, culturale, professionale da parte delle persone con disabilità o con esigenze specifiche. (S.B.) 

Per ulteriori informazioni: cerpa@cerpa.org.

Stampa questo articolo