Altri futuri geometri che progetteranno l’accessibilità

Per l’undicesima volta gli studenti e le studentesse degli Istituti Tecnici (Settore Tecnologico, Indirizzo Costruzione, Ambiente e Territorio) potranno partecipare gratuitamente, fino al 28 febbraio, al concorso nazionale “I futuri geometri progettano l’accessibilità”, nuova edizione dell’ormai tradizionale iniziativa promossa dall’Associazione FIABA e dal CNGeGL (Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati), in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e del Merito e con la Società Geoweb

Realizzazione grafica dedicata alla progettazionePer l’undicesima volta gli studenti e le studentesse degli Istituti Tecnici (Settore Tecnologico, Indirizzo Costruzione, Ambiente e Territorio) potranno partecipare gratuitamente, fino al 28 febbraio, al concorso nazionale I futuri geometri progettano l’accessibilità, nuova edizione dell’ormai tradizionale iniziativa promossa dall’Associazione FIABA e dal CNGeGL (Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati), in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e del Merito e con la Società Geoweb.
Ai giovani viene chiesto di proporre, per un’area da loro individuata, un progetto di abbattimento delle barriere architettoniche esistenti in una qualsiasi area, spazio e/o struttura che rispetti la normativa vigente in materia di accessibilità, seguendo la Prassi di Riferimento (PdR) UNI 24/2016 (Abbattimento barriere architettoniche – Linee guida per la riprogettazione del costruito in ottica universal design).
I premi, che verranno assegnati il 6 giugno a Roma, saranno uno strumento per il rilievo topografico Topcon del valore minimo di 1.000 euro per il primo progetto classificato, materiale didattico del valore di 500 euro per il secondo e il terzo. Inoltre, gli studenti e le studentesse che firmeranno i progetti vincitori riceveranno un oggetto del marchio Vittorio Martini 1866. (S.B.)

A questo link sono disponibili tutte le notizie sull’iniziativa e le modalità di partecipazione. Per ulteriori informazioni: ufficiostampa@fiaba.org.

Stampa questo articolo