Locatelli firma la Carta dei Diritti delle Persone con Sclerosi Multipla

«Questa è una firma davvero importante, per una Carta dei Diritti che diventa ancora di più strumento a disposizione di tutti»: lo ha dichiarato Francesco Vacca, presidente dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), dopo la sottoscrizione, da parte della ministra per le Disabilità Alessandra Locatelli, della Carta dei Diritti delle Persone con Sclerosi Multipla e Patologie Correlate, loro Familiari e Caregiver, elaborata dalla stessa AISM

Alessandra Locatelli e Francesco Vacca, gennaio 2023

La ministra per le Disabilità Locatelli sottoscrive la Carta dei Diritti delle Persone con Sclerosi Multipla e Patologie Correlate, loro Familiari e Caregiver. Alla sua sinistra Francesco Vacca, presidente dell’AISM

Raggruppa dieci diritti riguardanti i temi della salute, della ricerca, dell’autodeterminazione, dell’inclusione, del lavoro, dell’educazione e della formazione, della semplificazione, dell’innovazione, dell’informazione e della comunicazione e della partecipazione attiva: è la Carta dei Diritti delle Persone con Sclerosi Multipla e Patologie Correlate, loro Familiari e Caregiver, elaborata dall’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), che è stata sottoscritta dalla ministra per le Disabilità Alessandra Locatelli.
«Nella Carta dei Diritti dell’AISM – ha dichiarato per l’occasione la stessa Locatelli – sono declinati valori e princìpi universali, con una visione trasversale e di semplificazione che guida il mio personale approccio di azione rispetto agli àmbiti della disabilità e di malattie come la sclerosi multipla. Oggi più che mai, tutti insieme abbiamo il compito di dare voce a chi convive con una disabilità, consolidando quelle alleanze e relazioni che consentono di essere concretamente al loro fianco. Garantire alle persone più fragili il diritto ad avere la migliore qualità di vita possibile è doveroso e necessario ed è un impegno che rinnoviamo anche con la firma di questo strumento».

«Con la ministra Locatelli – ha affermato dal canto suo Francesco Vacca, presidente dell’AISM – abbiamo condiviso l’impegno nostro e della nostra Fondazione FISM sui temi legati alla disabilità, nel contesto europeo, nazionale, regionale e nei singoli territori. Un impegno quotidiano, fatto di prossimità, di storie di persone, di lavoro concreto sui temi della salute, inclusione, ricerca, lavoro, educazione, che rappresenta un valore a disposizione delle Istituzioni e dell’intera comunità per cambiare la realtà delle persone con disabilità e con sclerosi multipla in Italia e non solo. Caregiver, non autosufficienza, legge delega, vita indipendente, sistema dei dati, integrazione socio sanitaria, tra i tanti punti trattati, su cui portare avanti il lavoro congiunto, anche nel quadro delle reti di riferimento e dei contesti istituzionali in cui l’AISM e la FISM già operano. È questa, quindi, una firma davvero importante per una Carta dei Diritti che diventa ancora di più strumento a disposizione di tutti». (S.B.) 

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa e Comunicazione AISM (Barbara Erba), barbaraerba@gmail.com.

Stampa questo articolo