Non autosufficienza e vita indipendente: i fondi della Toscana per il 2023

Tramite una Delibera di Giunta Regionale prodotta il 27 dicembre, la Regione Toscana ha definito gli importi e il riparto alle Zone Distretto del Fondo per la Non Autosufficienza e delle risorse per i progetti di vita indipendente delle persone con grave disabilità relativi all’anno 2023. La medesima Delibera fornisce alla Aziende Sanitarie territoriali le indicazioni per l’erogazione delle quote sanitarie per le RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali) e i Centri Diurni per le persone anziane non autosufficienti, nonché le quote per la disabilità

Giovane con disabilità in carrozzina fotografato di spalleTramite la Delibera della Giunta Regionale n. 1564 del 27 dicembre scorso, la Regione Toscana ha definito gli importi e il riparto alle Zone Distretto (contenuto nell’Allegato 1) del Fondo per la Non Autosufficienza e delle risorse per i progetti di vita indipendente delle persone con grave disabilità relativi all’anno 2023. La medesima Delibera fornisce alla Aziende Sanitarie territoriali le indicazioni per l’erogazione delle quote sanitarie per le RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali) e i Centri Diurni per le persone anziane non autosufficienti, nonché le quote per la disabilità.
Nel dettaglio, per il 2023 è stata stanziata la somma complessiva di 70.933.529,68 euro così ripartita: 58 milioni per il sostegno alla domiciliarità delle persone non autosufficienti di età superiore ai 65 anni e 12.933.529,68 per la continuità dei progetti di vita indipendente. Ammonta invece a 206 milioni la somma complessiva stanziata per le quote sanitarie a disposizione delle Aziende Sanitarie per l’inserimento di persone anziane ultrasessantacinquenni non autosufficienti nelle RSA e nei Centri Diurni, mentre 128 milioni sono stati destinati alle quote per la disabilità (compresi gli inserimenti in strutture residenziali e semiresidenziali) previste per persone con disabilità di età inferiore ai 65 anni. (Simona Lancioni)

La presente nota è già apparsa nel sito di Informare un’h-Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli di Peccioli (Pisa) e viene qui ripresa, con alcuni riadattamenti dovuti al diverso contenitore, per gentile concessione.

 

Stampa questo articolo