Per tornare sulla moto

Nasce una nuova Associazione, la DisMo (Disabili in Moto), per consentire anche ai disabili appassionati di motociclismo di tornare a guidare il proprio mezzo. Un convegno all’interno della diciannovesima Biker Fest, nel corso del quale verrà presentato anche il primo esemplare di motocicletta omologata per disabile

Casco da motoDal 23 al 26 giugno, presso l’area del Monte Zoncolan, nel Comune di Sutrio (Udine), si terrà la diciannovesima Biker Fest, ovvero il raduno di appassionati delle due ruote più importante in Italia.

In tale occasione troverà meritato e importante spazio – sabato 25 – un appuntamento dedicato ai motociclisti con disabilità, a testimonianza di un movimento che sta trovando rapida diffusione nel nostro Paese. Infatti, dalle 11 in poi, numerosi appassionati con disabilità, insieme ad esponenti di istituzioni, aziende e associazioni, si ritroveranno in un convegno, per discutere tra l’altro di omologazioni e di patenti.

L’appuntamento, aperto a tutti, si propone principalmente l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni nei riguardi dei motociclisti disabili che vogliono ritornare ad essere veri centauri. Nella circostanza verrà presentata anche la nuova Associazione DisMo (Disabili in Moto), nata proprio per difendere i diritti del disabile in moto e il primo esemplare di motocicletta omologato per disabile, la Ducati ST4 SABS.

Un’occasione assai importante, quindi, per evidenziare gli ostacoli tecnici e burocratici che una persona con disabilità può trovare lungo il proprio percorso di riabilitazione all’utilizzo della moto, di omologazione del mezzo personalizzato e di conseguimento della patente di guida.

«Da oggi – dichiara Gioacchino Poletto, responsabile dell’Area Disabili nel sito web www.bikerslife.com e fondatore di DisMo – gli appassionati disabili hanno nella nostra nuova Associazione un punto di riferimento a cui rivolgersi per difendere i propri diritti».

«Anche chi è disabile e non ha l’uso di uno degli arti inferiori può guidare la moto», segnala dal canto suo Moreno Persello, editore della rivista «Bikers Life» e organizzatore della Biker Fest. «Questo è stato possibile grazie alla collaborazione tra la Ducati Motor e il Centro Protesi INAIL di Vigorso di Budrio, che ha permesso a Gilberto Gatti, il primo disabile con patente A speciale, di ritornare in sella alla moto. Con l’impegno e la buona volontà da parte di tutti, quindi, anche altre persone con disabilità potranno vivere questa grande emozione».
(S.B.)

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa Biker Fest 2005, tel. 0432 948570, fax 0432 948606
E-mail:
info@bikerfest.it – in Internet: www.bikerfest.com

Stampa questo articolo