Autonomia in famiglia e dalla famiglia

Si intitola così l’incontro in programma per il 23 febbraio a Carpi, il cui scopo è principalmente quello di sottolineare l’importanza di costruire un percorso di autonomia, volto a prevenire le preoccupazioni del cosiddetto “dopo di noi”. A promuovere l’iniziativa è l’associazione carpigiana Progetto per la vita, Famigliari di persone con disabilità per il dopo di noi

Ombre sull'asfalto di una persona in carrozzina tenuta per mano da una donna non disabileÈ organizzato dall’associazione carpigiana Progetto per la vita, Famigliari di persone con disabilità per il dopo di noi, l’incontro di approfondimento, a partecipazione gratuita, che si terrà sabato 23 febbraio a Carpi (Modena) (Casa del Volontariato, Via Peruzzi, 22, ore 9-12.30), dal titolo Autonomia in famiglia e dalla famiglia. Promuovere la cultura del “dopo di noi”.
Scopo dell’iniziativa, rivolta alle persone con disabilità e ai loro familiari, è principalmente quello di sottolineare l’importanza di costruire un percorso di autonomia, volto a prevenire le preoccupazioni del cosiddetto “dopo di noi”, partendo dall’esperienza che già da qualche mese, nella città emiliana, ha consentito di avviare in primi weekend in autonomia, nell’àmbito di un progetto di cui sono responsabili la psicologa Raffaella De Santis e la psicologa e psicoterapeuta Vera Morselli.

All’incontro – moderato dal giornalista Nelson Bova, presidente del Tesoro Nascosto, Associazione Genitori di Figli con Disabilità – parteciperanno Paolo Malavasi, medico di base, Giorgio Magnani, psichiatra presso il Centro di Salute Mentale di Carpi, responsabile del Centro Diurno e dei Gruppi Appartamento, Vanda Menon, geriatra, referente della geriatria per i Disturbi Cognitivi dell’AUSL di Modena, Distretto di Carpi, Rossana Cattabriga, responsabile del Settore Disabili Adulti nell’AUSL di Modena (Dipartimento Aziendale Cure Primarie, Distretto di Carpi), Sabrina Tellini, responsabile dell’Area della Non Autosufficienza, Servizi Sociali, per l’Unione Terre d’Argine e Alberto Bellelli, assessore ai Servizi Sociali del Comune di Carpi. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: progettoperlavita@comune.carpi.mo.it.

Stampa questo articolo