La cecità non ci impedisce di affrontare la vita

«Corriamo insieme verso una meta comune: vivere meglio nella nostra città, poiché la cecità non ci impedisce di affrontare la vita»: è proprio quest’ultimo lo slogan della manifestazione denominata “Mettiamoci in Gioco”, camminata ludico-motoria amatoriale non competitiva, promossa dall’UICI di Piacenza (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), della quale si disputerà il 26 maggio la decima edizione. Oltreché a informare e sensibilizzare sulla disabilità visiva, l’iniziativa si propone di raccogliere fondi per sostenere progetti rivolti a persone non vedenti e ipovedenti

Piacenza, Parco della Galleana

Il viale principale del Parco della Galleana di Piacenza, dove sabato 26 si svolgerà la decima camminata “Mettiamoci in Gioco”

Si rinnoverà sabato 26 maggio al Parco della Galleana di Piacenza (ore 16), l’esperienza di Mettiamoci in Gioco, camminata ludico-motoria amatoriale non competitiva sulle distanze di 5 e 10 chilometri, organizzata dall’UICI della città emiliana (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), in collaborazione con il Comune di Piacenza, il CSI (Centro Sportivo Italiano), l’Associazione Il Tandem Volante, il Gruppo Marciatori Alta Valnure e il Salumificio La Rocca.
«Corriamo insieme – sottolineano dall’UICI piacentina – verso una meta comune: vivere meglio nella nostra città, poiché la cecità non ci impedisce di affrontare la vita»: ed è proprio quest’ultimo è lo slogan che contraddistingue la manifestazione, giunta alla sua decima edizione, che rappresenta un vero e proprio trait-d’union fra istituzioni, sociale e cittadini, da vivere come un’esperienza gratificante, salutare e divertente.

L’iniziativa – alla quale sarà presente anche la Divisione Oculistica dell’Unità Operativa di Oftalmologia dell’Ospedale di Piacenza, disponibile ad effettuare visite per la prevenzione delle malattie oculari (ore 15-19) – rientra nel programma delle attività dell’UICI di Piacenza, promosse allo scopo di informare e sensibilizzare sulla disabilità visiva, nonché di raccogliere fondi per finanziare progetti rivolti alle persone non vedenti e ipovedenti residenti in città e provincia. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Marzia Mecozzi (Audio Tre), m.mecozzi@audiotre.com.

Stampa questo articolo