Un incontro della Società Disability Manager con la Ministra delle Disabilità

«Con questo incontro prosegue la nostra attività di dialogo con le Istituzioni, necessario per portare avanti le nostre progettualità e il nostro impegno»: così Rodolfo Dalla Mora, presidente della SIDIMA (Società Italiana Disability Manager), commenta l’incontro avuto da una rappresentanza della propria organizzazione con la ministra delle Disabilità Stefani, durante il quale è stato presentato un quadro delle attività nei vari àmbiti di riferimento (Comuni, Aziende, Lavoro, Sanità e Turismo), ponendo l’accento sull’importanza della figura del disability manager e della formazione di esso

Erika Stefani e SIDIMA, aprile 2021

La ministra delle Disabilità Erika Stefani in videoconferenza con la delegazione della SIDIMA (Società Italiana Disability Manager)

«Questo incontro rappresenta il proseguo della nostra attività nel dialogare con le Istituzioni, un dialogo già avviato e in continua crescita, quanto mai necessario per portare avanti le nostre progettualità e il nostro impegno, nella prospettiva di una piena inclusione»: a dirlo è Rodolfo Dalla Mora, presidente della SIDIMA (Società Italiana Disability Manager), a commento dell’incontro in videoconferenza avuto da una propria delegazione con la ministra delle Disabilità Erika Stefani, durante il quale l’organizzazione ha presentato un quadro delle proprie attività nei diversi àmbiti di riferimento (Comuni, Aziende, Lavoro, Sanità e Turismo), ponendo in particolare l’accento sull’importanza della figura del disability manager e della formazione di esso.
Per l’occasione i rappresentanti della SIDIMA – che il 20 aprile prossimo proporrà un incontro nazionale, centrato sui dieci anni della propria attività, come riferiamo in altra parte del giornale – hanno anche esposto i princìpi contenuti nel proprio Manifesto del Disability Manager, condivisi dalla ministra Stefani. Quest’ultimo, va ricordato, è un documento in progress, tuttora aperto alle adesioni, disponibile gratuitamente in formato e-book a questo link. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa SIDIMA (Jessica Didone), stampa.sidima@gmail.com.

Disability manager
Tale figura si può definire così: è un professionista adeguatamente remunerato, con un ruolo di supervisione in ogni àmbito (accessibilità, mobilità, politiche sociali, scuola, lavoro ecc.), che vigili sul rispetto della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità e faccia sì che tutti gli attori istituzionali, quando pianificano, si chiedano: «Questa decisione che effetto avrà sulle persone con disabilità?».
Disability Management
In àmbito lavorativo rappresenta una strategia d’impresa utile a coniugare, in modo soddisfacente, le esigenze delle persone con disabilità da inserire – o già inserite – con le necessità delle aziende.
SIDIMA
La Società Italiana Disability Manager è un’associazione costituitasi nell’aprile 2011 grazie alla volontà dei primi disability manager italiani, che ottennero tale titolo frequentando il primo Corso di Perfezionamento post-laurea in Disability Manager organizzato dal Centro di Ateneo di Bioetica dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. L’obiettivo principale della SIDIMA è la ricerca e la promozione della cultura del Disability Management, nei vari contesti di riferimento, quali le Istituzioni, la Sanità e le Aziende, al fine di sensibilizzare e tutelare i diritti delle persone con disabilità e il rispetto della persona in ogni suo aspetto, dimensione e momento della vita, in ottemperanza anche alla ratifica da parte dell’Italia della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, incidendo con forza nell’elaborazione delle politiche a livello nazionale e locale e lavorando per renderle più efficaci.
Lo scorso anno la SIDIMA ha pubblicato il Manifesto del Disability Manager, documento in progress, tuttora aperto a nuove adesioni, disponibile gratuitamente a questo link.

Stampa questo articolo