Lo sport è uno ed è per tutti, persone con o senza disabilità

Prosegue il ciclo di incontri online, dal titolo complessivo “60 anni. È solo l’inizio”, voluto dalla UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) per celebrare il proprio 60° anniversario. Al centro del nuovo appuntamento, in programma per il 26 giugno, vi sarà il tema “Sport per tutti – Lo sport come strumento per misurarsi e sviluppare autonomia”. «Componente essenziale per lo sviluppo psicofisico dell’essere umano – sottolineano dalla UILDM -, lo sport è un potente veicolo di inclusione che può cambiare la cultura della disabilità. Perché lo sport è uno ed è per tutti»

Realizzazione grafica dedicata agli sport delle persone con disabilità

Una realizzazione grafica dedicata a una serie di discipline sportive praticate dalle persone con disabilità

Prosegue il ciclo di incontri online, dal titolo complessivo 60 anni. È solo l’inizio, voluto dalla UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) e da noi ampiamente presentato a suo tempo, per celebrare il 60° anniversario dalla propria fondazione. E al centro del nuovo appuntamento, in programma per il pomeriggio di venerdì 26 giugno (ore 17.30) vi sarà il tema Sport per tutti – Lo sport come strumento per misurarsi e sviluppare autonomia.

«Componente essenziale per lo sviluppo psicofisico dell’essere umano – sottolineano dalla UILDM -, lo sport da sempre ricopre un ruolo determinante nella nostra cultura, sociale e familiare. È un veicolo di inclusione che ha lo scopo di mostrare le abilità e pertanto può cambiare la cultura della disabilità. Perché lo sport è uno ed è per tutti».
«Fare sport – dichiara a tal proposito Marco Rasconi, presidente nazionale della UILDM – significa uscire di casa, affrontare i propri limiti, conoscersi meglio, capendo anche le caratteristiche altrui. La magia però non si ferma qui. Perché segnare un gol, bloccare con scaltrezza un avversario, trovare sempre un modo di segnare il punto ci porta “oltre”, in un luogo e in uno spazio che rendono tutto possibile».

Insieme allo stesso Rasconi, interverranno all’incontro – moderato da Claudio Arrigoni, giornalista del «Corriere della Sera» e della «Gazzetta dello Sport», oltreché direttore responsabile di «DM», rivista della UILDM Nazionale – Marco Giunio De Sanctis, presidente nazionale della FIB (Federazione Italiana Bocce), Luca Pancalli, presidente nazionale del CIP (Comitato Italiano Paralimpico) e Andrea Piccillo, presidente nazionale della FIPPS (Federazione Italiana Paralimpica Powerchair Sport). (S.B.)

Per iscriversi all’evento accedere a questo link (verrà inviata una mail di conferma con il link di accesso). Per ogni ulteriore informazione: uildmcomunicazione@uildm.it.

Stampa questo articolo