Il guanto di mio fratello ovvero La disabilità raccontata ai bambini

Nel libro illustrato “Il guanto di mio fratello. La disabilità raccontata ai bambini”, Giulia Franco, terapeuta e sorella di una persona con disabilità, racconta la propria storia attraverso la professione da una parte, l’esperienza di vita dall’altra. E le immagini di Nicoletta Silvestrin permettono ai bambini e alle bambine di elaborare al meglio il tema della disabilità e della diversità. La presentazione dell’opera è in programma per il 25 settembre a Montegrotto Terme (Padova), anche in streaming, nel corso di un evento dedicato appunto al tema della relazione fraterna nella disabilità

Giulia Franco, "Il guanto di mio fratello", copertina del libroAl centro del libro illustrato Il guanto di mio fratello. La disabilità raccontata ai bambini, dato alle stampe dall’Editore Il Prato, c’è la storia raccontata in prima persona da Giulia Franco, terapeuta e sorella di una persona con disabilità che, come si legge nella presentazione editoriale, «racconta le aspettative e il bisogno di comprensione di chi vive accanto a un fratello con disabilità, gli obiettivi ridiscussi durante le fasi di crescita del bambino dalla diagnosi alla scuola, fino alla possibile separazione in età adulta».
Una storia, dunque, condivisa sia attraverso l’esperienza di vita che la professione, rivolta soprattutto ai bambini e alle bambine ai quali, come sottolinea l’Autrice, «è importante dire la verità, magari aiutandosi con il libro illustrato che attraverso il linguaggio simbolico favorisce la comprensione, stimola la conversazione e l’espressione delle proprie emozioni».
E in tal senso le belle creazioni d’immagine curate da Nicoletta Silvestrin permettono appunto a bambini e bambine, insieme agli adulti, di elaborare grazie ad esse il tema della diversità.

La prima presentazione del Guanto di mio fratello, attraverso musica, immagini e parole, è in programma per sabato 25 settembre (ore 10), presso la terrazza di Villa Draghi a Montegrotto Terme (Padova), durante un evento di taglio formativo, che tratterà appunto il tema della relazione fraterna nella disabilità, con l’arricchimento di tante storie tutte da ascoltare.
L’incontro – che prevede anche un videomessaggio della conduttrice televisiva Eleonora Daniele e che sarà a partecipazione gratuita – si svolgerà in presenza all’aperto, ma verrà anche diffuso in streaming. È stato inoltre accreditato per tre crediti ECM per le professioni di logopedista, psicologo, psicoterapeuta, pediatra, medico di famiglia ed educatore professionale. (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione: ilprato@libero.it.

Stampa questo articolo