Due milioni di mele per sostenere la lotta alla sclerosi multipla

Da una parte garantire e potenziare i servizi destinati alle persone con sclerosi multipla, dall’altra sostenere la ricerca scientifica sulla malattia: a questo serviranno i fondi raccolti in tante piazze d’Italia domani, 1° ottobre, domenica 2 e anche lunedì 4, tramite La Mela di AISM, “storica” iniziativa che punta anche a informare e sensibilizzare, promossa dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla

"La Mela di AISM 2022"Da una parte garantire e potenziare i servizi destinati alle persone con sclerosi multipla, dall’altra sostenere la ricerca scientifica sulla malattia: a questo serviranno i fondi raccolti in tante piazze d’Italia domani, 1° ottobre, domenica 2 e anche lunedì 4 (in corrispondenza con l’8° Giorno del Dono), tramite La Mela di AISM, “storica” iniziativa promossa dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla.
«La causa e la cura risolutiva della sclerosi multipla – sottolineano da quest’ultima a proposito della ricerca – non sono ancora state trovate, ma grazie ai progressi compiuti dalla ricerca scientifica, esistono terapie e trattamenti in grado di rallentare il decorso della malattia e di migliorare la qualità di vita delle persone che ne sono colpite. Basti pensare che attualmente sono un centinaio i progetti di ricerca attivi finanziati dalla nostra Associazione e dalla Fondazione FISM che ci affianca, e 450 i ricercatori impegnati nei vari studi».

Evento di raccolta fondi, ma anche di informazione e sensibilizzazione, La Mela di AISM, caratterizzata dal messaggio Facciamo sparire la SM con un sacchetto di mele, si svolgerà sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio della Fondazione Pubblicità Progresso. Tradizionale testimonial ne è il noto chef Alessandro Borghese, che anche in questa occasione ha voluto dare il volto all’iniziativa. (S.B.)

A questo link è disponibile un testo di ulteriore approfondimento. Per altre informazioni: Ufficio Stampa e Comunicazione AISM (Barbara Erba), barbaraerba@gmail.com.

Stampa questo articolo