Accessibilità: nel centro di Firenze si può fare di più

«Nel centro di Firenze ci sono ancora dei problemi di accessibilità, soprattutto in alcuni dei monumenti storici. I musei sono perfetti, ma i percorsi, prendendo ad esempio quello Uffizi-Pitti, come abbiamo dimostrato con questa iniziativa, è spesso difficile per chi come me è in carrozzina»: lo ha dichiarato Marco Becattini, presidente dell’Associazione Liberamente Abile Sport e Viaggi, che ha organizzato nei giorni scorsi, insieme all’Associazione ADMI, ad Assofly e a Misericordia di Firenze, l’iniziativa “Per una cultura accessibile. Passeggiata fra i monumenti di Firenze”

Marco Becattini

Marco Becattini, presidente dell’Associazione fiorentina Liberamente Abile Sport e Viaggi

«Nel centro di Firenze ci sono ancora dei problemi di accessibilità, soprattutto in alcuni dei monumenti storici. I musei sono perfetti, ma i percorsi, prendendo ad esempio quello Uffizi-Pitti, come abbiamo dimostrato con questa iniziativa, è spesso difficile per chi come me è in carrozzina»: lo ha dichiarato Marco Becattini, presidente dell’Associazione Liberamente Abile Sport e Viaggi che, come avevamo segnalato sulle nostre pagine, nell’imminenza della recente Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, ha organizzato insieme all’ADMI (Associazione Dipendenti Ministero Interno and partners), ad Assofly e a Misericordia di Firenze, l’iniziativa Per una cultura accessibile. Passeggiata fra i monumenti di Firenze, durante la quale «i partecipanti – sottolinea ancora Becattini – hanno potuto constatare come viviamo ogni giorno noi persone con disabilità e a quali ostacoli, limiti e talvolta pericoli andiamo incontro quotidianamente». (S.B.) 

Per ulteriori informazioni: Lorenzo Somigli (lorenzo.somigli@hotmail.it).

Stampa questo articolo