Ragusa aderisce alla Convenzione ONU

Il 6 maggio, infatti, il Consiglio Comunale della città siciliana ha approvato all’unanimità l’adesione alla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità e a presentare ai Consiglieri i punti salienti della Convenzione stessa sono stati un’ospite e un’operatrice della locale Sezione ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale)

Gabriella Battaglia e Sonia Passalacqua dell'ANFFAS Ragusa

Gabriella Battaglia e Sonia Passalacqua, rispettivamente ospite e operatrice del Centro Diurno dell’ANFFAS Ragusa, hanno esposto i punti salienti della Convenzione ONU, presso la Sala Consiliare della città siciliana

Da una Sicilia ove le persone con disabilità e le loro famiglie stanno duramente pagando le inefficienze e i ritardi di molti anni, da parte delle Istituzioni Regionali e dei vari Enti Locali – come purtroppo siamo costretti sin troppo spesso a riferire – arriva anche, fortunatamente, una buona notizia da Ragusa, dove il Consiglio Comunale della città ha approvato all’unanimità ieri, 6 maggio, l’adesione alla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità.
La proposta era stata presentata dai consiglieri Giorgio Massari e Mario D’Asta, mentre ad esporre i punti salienti del Trattato approvato nel 2006 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, sono state invitate Gabriella Battaglia e Sonia Passalacqua, rispettivamente ospite e operatrice del Centro Diurno dell’ANFFAS di Ragusa (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), la prima delle quali ha presentato il proprio intervento in versione easy-to-read, ossia “facile da leggere e comprendere”.

«Questo – viene sottolineato dall’ANFFAS di Ragusa – è un il primo passo per rendere concreti e reali i princìpi della Convenzione la quale invita a coinvolgere le persone con disabilità nelle scelte che le riguardano, impone un cambiamento radicale dell’intera società in termini sociali e culturali e mette in evidenza la necessità di tenere in considerazione le reali esigenze delle stesse persone con disabilità». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Salvatrice Cilia (direttore dell’ANFFAS di Ragusa), info@anffasragusa.org.

Stampa questo articolo