Il futuro che è già qui

Ovvero “Quali innovazioni e quali spending review nella Sanità e nel Sociale”, titolo e sottotitolo del congresso organizzato per il 13 febbraio a Padova dalla UILDM locale (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), che vedrà ben quaranta autorevoli relatori del mondo accademico, sanitario e sociale offrire il loro personale contributo in tema appunto di innovazione e spending review, evidenziando anche i rischi cui vanno incontro i servizi sociosanitari

Realizzazione grafica con forbici e la scritta "spending review"

«Temiamo fortemente – dichiara Damiano Zampieri, presidente della UILDM di Padova, che ha promosso il congresso del 13 febbraio nella città veneta – che la spending review possa influire negativamente sulla qualità e sulla garanzia dei servizi»

È organizzato dalla UILDM di Padova (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) il congresso intitolato Il futuro che è già qui. Quali innovazioni e quali spending review nella Sanità e nel Sociale, in programma per venerdì 13 febbraio nella città veneta (Centro Culturale San Gaetano Altinate, Via Altinate, 71, ore 9-18).
L’iniziativa si articolerà in una sorta di maratona che vedrà confrontarsi su questo tema di grande attualità ben quaranta autorevoli relatori del mondo accademico, sanitario e sociale.
«Che i costi della Sanità fossero una parte significativa del Prodotto Interno Lordo – spiegano i promotori dell’incontro – è noto a tutti; come una “revisione della spesa” possa rappresentare un elemento di forza per la ripresa, o al contrario il “colpo fatale” per il perdurare della crisi di un Paese, è stato certamente meno dibattuto. Ai relatori chiederemo quindi di offrire, dall’alto delle loro esperienze accademiche, professionali, manageriali e imprenditoriali, il loro personale contributo al Paese in tema di innovazione e spending review».

«Non si può tagliare indiscriminatamente – sottolinea Damiano Zampieri, presidente della UILDM di Padova – dal momento che per rinforzare un albero si provvede a un’attenta e accurata potatura, non certo a tagliare le radici! Fuor di metafora, l’albero siamo proprio noi, le persone, mentre le foglie e le radici sono i servizi, in questo caso quelli sociosanitari, che rischiano molto sotto la scure dei cosiddetti “tagli lineari”».
«Il 70% dei Bilanci Regionali – ricorda ancora Zampieri – è destinato alla voce della Sanità ed è chiaro che, in un momento in cui si deve tagliare, è lì che si va a farlo. Viviamo in un mondo con risorse scarse, dove i tagli orizzontali sono controproducenti e le Associazioni, come la nostra, non vengono risparmiate. Temiamo dunque fortemente che la spending review possa influire negativamente sulla qualità e sulla garanzia dei servizi». (S.B.)

È disponibile il programma completo del congresso del 13 febbraio a Padova, per il quale è prevista anche la diretta streaming, nel sito della UILDM Nazionale o nel canale YouTube della stessa. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uildmpd1302@gmail.com.

Stampa questo articolo