Conoscere ed essere conosciuti è la chiave dell’inclusione

«Conoscere ed essere conosciuti, ecco il binomio su cui agire per accrescere sempre più l’inclusione sociale delle persone con disabilità in genere, e di quelle con minorazioni visive in particolare»: così Giulio Nardone, presidente dell’ADV (Associazione Disabili Visivi), presenta il convegno nazionale intitolato “La comunicazione sulla disabilità e per le persone con disabilità visiva”, organizzato per il 13 novembre a Roma dalla stessa ADV

Elaborazione grafica he mette a confronto "Informare" e "Comunicare"«Conoscere ed essere conosciuti, ecco il binomio su cui agire per accrescere sempre più l’inclusione sociale delle persone con disabilità in genere, e di quelle con minorazioni visive in particolare»: così Giulio Nardone, presidente dell’ADV, l’Associazione Disabili Visivi aderente alla FISH (Federazione Italiana per il Superamento delll’Handicap), presenta il convegno nazionale intitolato La comunicazione sulla disabilità e per le persone con disabilità visiva, organizzato per venerdì 13 novembre a Roma (Sala Bramante di The Church Village, Via di Torre Rossa, 94, ore 8.30-13) e patrocinato dalla Regione Lazio.
Due in particolare, come vengono ancora delineati da Nardone, sono gli obiettivi che ci si pone con tale incontro, vale a dire «indagare e promuovere le modalità tecniche e di contenuto mediante le quali ampliare la conoscenza della realtà che ci circonda, da parte delle persone con disabilità visiva (accesso alla cultura e all’informazione visiva e scritta); suggerire ai comunicatori istituzionali la corretta modulazione con cui presentare all’opinione pubblica il pianeta handicap, senza cadere nel pietismo o nel sensazionalismo».

Rimandando i Lettori al programma completo del convegno, ricordiamo che esso sarà diviso in tre sessioni (La comunicazione per la disabilità visiva: aspetti tecnologici, La comunicazione per la disabilità visiva: contenuti e forma della comunicazione e La comunicazione sulla disabilità) e che nella parte conclusiva si parlerà anche della nostra testata «Superando.it».

Da segnalare poi che a margine dell’incontro, ovvero nei due giorni successivi, l’ADV ha promosso altre iniziative, vale a dire, nella mattinata di sabato 14, una Visita ai Musei Capitolini con guide specializzate dell’Associazione Museum e ancora, sempre sabato (nel pomeriggio) e nella mattinata di domenica 15, una mostra nazionale di strumenti tiflotecnici, con la partecipazione del Centro di Promozione Tiflotecnica dell’UICI di Roma (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), e di altre società e persone impegnate nel settore.

Da ultima, ma non certo ultima, un’ulteriore iniziativa di grande interesse, durante l’intera giornata di venerdì 13 (ore 8.30-13.30 e 15.30-19) e anche nel pomeriggio di sabato 14 (ore 15-19), presso la Sala Giotto dell’hotel sede del convegno, vale a dire la prima presentazione ufficiale del nuovissimo percorso tattilo-vocale LVE, con relative dimostrazioni aperte a tutte le persone con disabilità visiva, che potranno direttamente scoprire le potenzialità del nuovo sistema.
LVE, infatti, oltre alle indicazioni tattili sul percorso da seguire, offre alla persona non vedente anche messaggi vocali che descrivono nel suo auricolare l’ambiente circostante e lo informano sui servizi presenti in ciascun punto del suo cammino (fermate dei mezzi di trasporto, ingressi di uffici comunali, di ambulatori, di farmacie o anche di negozi e di alberghi, orari di apertura compresi). In un museo, inoltre, il cieco potrà ascoltare, oltre al nome dell’oggetto che gli sta davanti, anche la sua storia e persino articoli di critica storiografica o artistica. (S.B.)

È disponibile il programma completo delle iniziative promosse a Roma, dal 13 al 15 novembre, dall’ADV (Associazione Disabili Visivi). Il convegno del 13 novembre potrà essere anche seguito in streaming (cliccare qui). Per ulteriori informazioni e approfondimenti: segreteria@disabilivisivi.it.

Stampa questo articolo