La legalità sulle ruote dell’handbike

È particolarmente degna di nota l’iniziativa voluta dalla Polisportiva Disabili Valcamonica di Breno (Brescia), per legare con un solido filo immaginario il ventennale della propria fondazione, con l’anniversario della strage di Via D’Amelio a Palermo: quattordici tappe in handbike da Breno a Palermo, per un totale di circa 1.850 chilometri. Un bell’esempio di educazione alla legalità

Manifesto dell'iniziativa "Aruota Libera"Il ventesimo anniversario dalla fondazione della Polisportiva Disabili Valcamonica di Breno (Brescia) si lega al ventesimo tragico anniversario dell’anno in cui vennero drammaticamente uccisi il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta (Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi e Claudio Traina) in Via D’Amelio a Palermo. E questo legame ha fornito lo spunto per realizzare un’iniziativa che si svolgerà dal 6 al 21 luglio 2012 e che vedrà gli atleti dell’Associazione lombarda impegnarsi in una staffetta ciclistica, con i loro handbike, partendo da Breno e attraversando tutta l’Italia, per concludersi a Palermo, proprio in Via D’Amelio, nel giorno in cui si ricorderà la strage mafiosa palermitana (il 19 luglio).
Un solido filo immaginario, dunque, per legare la Valle Camonica a Palermo, ricordando con un evento gioioso e partecipato le vittime di quel criminoso agguato.

Lo svolgimento dell’iniziativa – denominata Aruota Libera – vedrà ogni giorno una tappa di circa 140-170 chilometri, che terminerà ogni sera in un luogo significativo, dove gli atleti e i loro accompagnatori verranno ospitati e incontreranno la cittadinanza e le organizzazioni del territorio, in particolare quelle legate all’Associazione Libera e impegnate nella lotta alle mafie e nell’educazione alla legalità. Il percorso totale effettuato dai ciclisti con disabilità sarà di circa 1.850 chilometri.
Hanno già assicurato la loro presenza don Luigi Ciotti, presidente di Libera, Rita Borsellino, parlamentare europea e sorella del giudice Paolo, Monica Frassoni, presidente del Partito Verde Europeo, Franco La Torre, presidente di Flare-Libera Internazionale e figlio di Pio La Torre, Giovanni Impastato, fratello di Peppino e Luca Pancalli, presidente del CIP (Comitato Italiano Paralimpico) e vicepresidente del CONI, che incontreranno la carovana della staffetta.
Dal canto suo, il gruppo musicale I Luf ha composto e inciso un brano inedito che costituirà la “colonna sonora” della manifestazione.
Tra gli atleti partecipanti, vi saranno Marco Bressanelli, ideatore della staffetta, Mauro Bernardi, Emanuele Bersini, Mario Gatelli, Alessandro Scalvinoni e Giordano Tomasoni.

Le tappe della Staffetta Aruota Libera:
– 6 luglio
: Breno (Brescia) – Castiglione delle Stiviere (Mantova), 103 km
– 7 luglio:
Castiglione delle Stiviere (Mantova) – San Giovanni in Persiceto (Bologna), 139 km
– 8 luglio:
San Giovanni in Persiceto (Bologna) – Scandicci (Firenze), 142 km
– 9 luglio:
Scandicci (Firenze) – Abbadia San Salvatore (Siena), 153 km
– 10 luglio:
Abbadia San Salvatore (Siena) – Formello (Roma), 157 km
– 11 luglio:
Formello (Roma) – Pomezia (Roma), 78 km
– 12 luglio:
Pomezia (Roma) – Sessa Aurunca (Caserta), 165 km
– 13 luglio:
Sessa Aurunca (Caserta) – Eboli (Salerno), 162 km
– 14 luglio: Eboli (Salerno) – Scalea (Cosenza), 208 km
– 15 luglio:
Scalea (Cosenza) – Vibo Valentia, 135 km
– 16 luglio:
Vibo Valentia – Milazzo (Messina), 145 km
– 17 luglio:
Milazzo (Messina) – Pollina (Palermo), 141 km
– 18 luglio:
Pollina (Palermo) – Aspra di Bagheria (Palermo), 80 km
– 19 luglio:
Aspra di Bagheria (Palermo) – Palermo, Via D’Amelio, 20 km

Per ulteriori informazioni: info@sportdisabilivalcamonica.it.

Stampa questo articolo