Incentivi, a Udine, per l’assunzione di disabili

La Provincia della città friulana, infatti, ha messo a disposizione alcuni contributi anche ai datori di lavoro non soggetti all’obbligo di inserimento lavorativo, ai fini della Legge 68/99. Verranno inoltre coperte, almeno in parte, anche le spese necessarie all’abbattimento delle barriere architettoniche negli ambienti lavorativi

Donna con disabilità al lavoroLa Provincia di Udine metterà a disposizione incentivi anche per quei datori di lavoro non soggetti all’obbligo di inserimento lavorativo ai sensi della Legge 68/99 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili). In tal senso, sono stati fissati dall’Ente contributi fino a un massimo di 15.000 euro una tantum per ogni singola assunzione a tempo indeterminato, di 8.000 euro per un’assunzione a tempo determinato e di 5.000 euro per la stabilizzazione dei lavoratori.
Vi sarà inoltre un contributo fino a un massimo di 20.000 euro per le aziende che affiancheranno un assistente esterno, allo scopo di formare la persona con disabilità nella fase di inserimento al lavoro. Tutto ciò anche con un attento lavoro di abbattimento delle barriere architettoniche, tramite progetti di adeguamento dell’ambiente lavorativo, con coperture economiche da 5.000 a 10.000 euro.
Sono sempre previsti, infine, anche i voucher a sostegno dei tirocinanti disabili, finalizzati alla loro assunzione. (Laura Sandruvi)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti, consultare la specifica pagina dedicata alla materia, nel portale della Provincia di Udine.

Stampa questo articolo