Anche gli Stati Uniti ratifichino la Convenzione

A cinque anni e mezzo, infatti, dall’apertura alle ratifiche della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità (l’Italia ha provveduto nel 2009), il Senato degli Stati Uniti ha ancora bloccato, in questi giorni, l’attuazione di un passaggio che darebbe certamente più forza all’implementazione del Trattato e alla possibilità che la sua applicazione concreta si diffondesse sempre di più nel mondo

Agosto 2006, Palazzo delle Nazioni Unite di New York: Pietro Barbieri e Giampiero Griffo

Agosto 2006, Palazzo delle Nazioni Unite di New York: Pietro Barbieri, presidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e Giampiero Griffo, membro dell’Esecutivo Mondiale di DPI (Disabled Peoples’ International), nei giorni dell’approvazione della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità

«Negli States le persone con disabilità si vedono, eccome», aveva scritto qualche tempo fa su queste stesse pagine Franco Bomprezzi, subito dopo la rielezione alla Presidenza degli Stati Uniti di Barack Obama, sottolineando come proprio dal grande Paese americano fosse arrivata nel 1990 la «“madre di tutta la legislazione” sul superamento delle discriminazioni e delle barriere, l’ADA (American with Disabilities Act)», rifinanziata nel 2010, e che negli ultimi quattro anni «l’Amministrazione Obama avesse portato a termine molti provvedimenti legislativi importanti, come la Legge Quadro per le persone colpite da Alzheimer, la Legge per interventi precoci a favore delle persone non udenti, la Legge che prende il nome dalla Fondazione Christopher e Dana Reeve, a favore delle persone con paralisi spinale, e sullo sfondo, quasi in vigore, una Legge per l’accessibilità digitale, che in qualche modo si collega idealmente proprio agli storici provvedimenti per il superamento delle barriere architettoniche».
«I finanziamenti – concludeva Bomprezzi – sono sempre nell’ordine di miliardi di dollari. E non è un caso se tutte le leggi americane riferite alla disabilità parlano sempre di rights: diritti».

Qualcuno, dunque, leggendo l’elenco da noi riportato qualche giorno fa, dei 126 Paesi che hanno finora ratificato la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità e che qui in calce riprendiamo ancora una volta, potrà essersi stupito nel registrare l’assenza proprio degli Stati Uniti. E invece è proprio così: dagli States, infatti, è arrivata finora solo la sottoscrizione del Trattato, il 30 luglio 2009, e nient’altro. Ma c’è di più, come aggiornamento delle ultime ore: proprio in questi giorni il Senato degli Stati Uniti – Paese dalle mille contraddizioni e dai percorsi non sempre del tutto chiari – ha respinto la proposta di ratifica della Convenzione!
Giorgio Genta commenta così la notizia: «Paese strano, gli Stati Uniti! Dove ci si arrocca su posizioni di bieco conservatorismo, contro un aumento della tassazione dei super-ricchi (che pagano molto meno tasse dei poveri in Italia), si bloccano per anni i progetti di una sanità per tutti e si respingono i Trattati e le Convenzioni che sono già nel cuore di tutti. Però gli Stati Uniti sono anche il paese dei grandi slanci ideali, del progresso delle idee e dei fatti, dell’etica del lavoro, della difesa della libertà. Ma talvolta tutte queste belle cose sono solo per chi se le può permettere.      Non per le persone con disabilità».
Condividiamo, pur con tutte le doverose premesse di cui sopra. Unico fatto certo è che la ratifica della Convenzione anche da parte degli Stati Uniti darebbe più forza all’implementazione del Trattato e alla possibilità che la sua applicazione concreta si diffondesse sempre di più nel mondo. (S.B.)

Sono questi i 126 Paesi (compresa l’Unione Europea), che ad oggi, 6 dicembre 2012, appaiono nell’elenco ufficiale prodotto dall’ONU, come ratificatori della Convenzione. L’ordine è cronologico ed è quello che risulta dalla data pubblicata nel portale dell’ONU:
– Giamaica (30 marzo 2007) – Ungheria (20 luglio 2007) – Panama (7 agosto 2007) – Croazia (15 agosto 2007) – Cuba (6 settembre 2007) – Gabon (1° ottobre 2007) – India (1° ottobre 2007) – Bangladesh (30 novembre 2007) – Sudafrica (30 novembre 2007) – Spagna (3 dicembre 2007) – Namibia (4 dicembre 2007) – Nicaragua (7 dicembre 2007) – El Salvador (14 dicembre 2007) – Messico (17 dicembre 2007) – Perù (30 gennaio 2008) – Guinea (8 febbraio 2008) – San Marino (22 febbraio 2008) – Giordania (31 marzo 2008) – Tunisia (2 aprile 2008) – Ecuador (3 aprile 2008) – Mali (7 aprile 2008) – Egitto (14 aprile 2008) – Honduras (14 aprile 2008) – Filippine (15 aprile 2008) – Slovenia (24 aprile 2008) – Qatar (13 maggio 2008) – Kenya (19 maggio 2008) – Arabia Saudita (24 giugno 2008) – Niger (24 giugno 2008) – Australia (17 luglio 2008) – Thailandia (29 luglio 2008) – Cile (29 luglio 2008) – Brasile (1° agosto 2008) – Cina (1° agosto 2008) – Argentina (2 settembre 2008) – Paraguay (3 settembre 2008) – Turkmenistan (4 settembre 2008) – Nuova Zelanda (25 settembre 2008) – Uganda (25 settembre 2008) – Austria (26 settembre 2008) – Costarica (1° ottobre 2008) – Vanuatu (23 ottobre 2008) – Lesotho (2 dicembre 2008) – Corea del Sud (11 dicembre 2008) – Ruanda (15 dicembre 2008) – Svezia (15 dicembre 2008) – Oman (6 gennaio 2009) – Azerbaijan (28 gennaio 2009) – Uruguay (11 febbraio 2009) – Germania (24 febbraio 2009) – Yemen (26 marzo 2009) – Guatemala (7 aprile 2009) – Marocco (8 aprile 2009) – Sudan (24 aprile 2009) – Isole Cook (8 maggio 2009) – Mongolia (13 maggio 2009) – Italia (15 maggio 2009) – Gran Bretagna (8 giugno 2009) – Belgio (2 luglio 2009) – Siria (10 luglio 2009) – Haiti (23 luglio 2009) – Burkina Faso (23 luglio 2009) – Danimarca (24 luglio 2009) – Serbia (31 luglio 2009) – Repubblica Dominicana (18 agosto 2009) – Malawi (27 agosto 2009) – Portogallo (23 settembre 2009) – Laos (25 settembre 2009) – Repubblica Ceca (28 settembre 2009) – Turchia (28 settembre 2009) – Seychelles (2 ottobre 2009) – Iran (23 ottobre 2009) – Montenegro (2 novembre 2009) – Tanzania (10 novembre 2009) – Bolivia (16 novembre 2009) – Algeria (4 dicembre 2009) – Mauritius (8 gennaio 2010) – Zambia (1° febbraio 2010) – Ucraina (4 febbraio 2010) – Francia (18 febbraio 2010) – Lettonia (1° marzo 2010) – Canada (11 marzo 2010) – Bosnia-Erzegovina (12 marzo 2010) – Emirati Arabi Uniti (19 marzo 2010) – Maldive (5 aprile 2010) – Nepal (7 maggio 2010) – Slovacchia (26 maggio 2010) – Etiopia (7 luglio 2010) – Malaysia (19 luglio 2010) – Lituania (18 agosto 2010) – Senegal (7 settembre 2010) – Moldavia (21 settembre 2010) – Armenia (22 settembre 2010) – Nigeria (24 settembre 2010) – Sierra Leone (4 ottobre 2010) – Saint Vincent e Grenadine (29 ottobre 2010) – Unione Europea (23 dicembre 2010) – Romania (31 gennaio 2011) – Togo (1° marzo 2011) – Colombia (10 maggio 2011) – Belize (2 giugno 2011) – Cipro (27 giugno 2011) – Pakistan (5 luglio 2011) – Bahrein (22 settembre 2011) – Lussemburgo (26 settembre 2011) – Capo Verde (10 ottobre 2011) – Indonesia (30 novembre 2011) – Myanmar (7 dicembre 2011) Macedonia (29 dicembre 2011) – Bulgaria (22 marzo 2012) – Mozambico (30 gennaio 2012) – Mauritania (3 aprile 2012) – Estonia (30 maggio 2012) – Grecia (31 maggio 2012) – Gibuti (18 giugno 2012) – Nauru (27 giugno 2012) – Benin (5 luglio 2012) – Liberia (26 luglio 2012) – Ghana (31 luglio 2012) – Afghanistan (18 settembre 2012) – Swaziland (24 settembre 2012) – Polonia (25 settembre 2012) – Russia (25 settembre 2012) – Israele (28 settembre 2012) – Dominica (1° ottobre 2012) – Malta (10 ottobre 2012)

Per quanto riguarda invece il Protocollo Opzionale alla Convenzione (testo che consente al Comitato sui Diritti Umani delle Persone con Disabilità di ricevere anche ricorsi individuali – di singoli o di gruppi di individui – e di avviare eventuali procedure d’inchiesta), a ratificarlo sono stati finora i seguenti 76 Paesi:
– Ungheria (20 luglio 2007) – Panama (7 agosto 2007) – Croazia (15 agosto 2007) – Sudafrica (30 novembre 2007) – Spagna (3 dicembre 2007) – Namibia (4 dicembre 2007) – El Salvador (14 dicembre 2007) – Messico (17 dicembre 2007) – Perù (30 gennaio 2008) – Guinea (8 febbraio 2008) – San Marino (22 febbraio 2008) – Tunisia (2 aprile 2008) – Ecuador (3 aprile 2008) – Mali (7 aprile 2008) – Slovenia (24 aprile 2008) – Bangladesh (12 maggio 2008) – Arabia Saudita (24 giugno 2008) – Niger (24 giugno 2008) – Cile (29 luglio 2008) – Brasile (1° agosto 2008) – Argentina (2 settembre 2008) – Paraguay (3 settembre 2008) – Uganda (25 settembre 2008) – Austria (26 settembre 2008) – Costarica (1° ottobre 2008) – Ruanda (15 dicembre 2008) –  Svezia (15 dicembre 2008) – Azerbaijan (28 gennaio 2009) – Germania (24 febbraio 2009) – Yemen (26 marzo 2009) – Guatemala (7 aprile 2009) – Marocco (8 aprile 2009) – Sudan (24 aprile 2009) – Isole Cook (8 maggio 2009) – Mongolia (13 maggio 2009) – Italia (15 maggio 2009) – Belgio (2 luglio 2009) – Siria (10 luglio 2009) – Haiti (23 luglio 2009) – Burkina Faso (23 luglio 2009) – Serbia (31 luglio 2009) – Gran Bretagna (7 agosto 2009) – Repubblica Dominicana (18 agosto 2009) – Australia (21 agosto 2009) – Portogallo (23 settembre 2009) – Turchia (28 settembre 2009) – Montenegro (2 novembre 2009) – Tanzania (10 novembre 2009) – Bolivia (16 novembre 2009) – Nicaragua (2 febbraio 2010) – Ucraina (4 febbraio 2010) – Francia (18 febbraio 2010) – Bosnia-Erzegovina (12 marzo 2010) – Nepal (7 maggio 2010) – Slovacchia (26 maggio 2010) – Honduras (16 agosto 2010) – Lituania (18 agosto 2010) – Lettonia (31 agosto 2010) – Nigeria (24 settembre 2010) – Saint Vincent e Grenadine (29 ottobre 2010) – Turkmenistan (10 novembre 2010) – Togo (1° marzo 2011) – Cipro (27 giugno 2011) – Lussemburgo (26 settembre 2011) – Uruguay (28 ottobre 2011) – Macedonia (29 dicembre 2011) – Mozambico (30 gennaio 2012) – Mauritania (3 aprile 2012) – Estonia (30 maggio 2012) – Grecia (31 maggio 2012) – Gibuti (18 giugno 2012) – Benin (5 luglio 2012) – Ghana (31 luglio 2012) – Afghanistan (18 settembre 2012) – Swaziland (24 settembre 2012) – Dominica (1° ottobre 2012) – Malta (10 ottobre 2012)

Suggeriamo anche la consultazione di: www.un.org/disabilities.

Stampa questo articolo