Riparte da Padova la mostra fotografica della FISH

Infatti, dopo le tante città italiane in cui è stata protagonista in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità del 3 dicembre scorso, la mostra fotografica proposta dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e denominata “Nulla su di Noi senza di Noi!” verrà inaugurata il 10 gennaio a Padova, in questo inizio di 2014, che coincide anche con il ventennale dalla fondazione della stessa FISH

Manifestazione di Roma del 23 giugno 2011

L’immagine della grande manifestazione del 23 giugno 2011 in Piazza Montecitorio a Roma fa parte anch’essa della mostra promossa dalla FISH

Continua la marcia (e il successo) della mostra fotografica della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), denominata Nulla su di Noi senza di Noi! Le persone con disabilità e le loro famiglie: una partecipazione da protagonisti. Appunti per immagini, che dopo le tante città italiane in cui è stata protagonista in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità del 3 dicembre, come avevamo riferito a suo tempo, sta ora per arrivare a Padova, in questo inizio di 2014, anno che coincide tra l’altro con il ventennale dalla fondazione della stessa FISH.
Accadrà venerdì 10 gennaio, con l’inaugurazione in programma presso la Sala Paladin di Palazzo Moroni, sede del Comune di Padova (ore 17.15) e la mostra sarà poi visibile sino al 3 febbraio (Cortile Pensile del Comune).

Questo interessante percorso per immagini riprende nel proprio titolo, com’è ben noto, lo slogan condiviso del movimento internazionale delle persone con disabilità (Nulla su di Noi senza di Noi), «il più adatto – come sottolinea Stefania Dondero della FISH – a un’iniziativa che ripropone la storia, le azioni, la voglia di partecipazione delle persone con disabilità e delle loro famiglie, con immagini-simbolo e commenti significativi, che testimoniano diversi passaggi epocali: come eravamo, come eravamo guardati, come vivevamo e come oggi tentiamo, e talvolta riusciamo, ad essere protagonisti delle nostre vite, partecipi delle scelte politiche, attori delle decisioni».
«Uscire dalla segregazione, superare la marginalità, riappropriarci della libertà è la nostra storia, è la nostra identità»: è sostanzialmente questo il messaggio che le persone con disabilità – per tramite della FISH – intendono trasmettere con la mostra, all’insegna di tre precise convinzioni: ricordare il passato, osservare il presente, operare per il futuro. In altre parole, un’utile occasione per ricordare le condizioni di vita di milioni di cittadini e delle loro famiglie, ma anche un momento per ribadire la necessità di un impegno comune, allo scopo di garantire fondamentali diritti umani, a partire dai princìpi plasticamente fissati nel 2006 dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, per la cui attuazione concreta, tuttavia, si dovrà percorrere ancora una lunga strada.

La mostra – che si avvale del contributo del Comune di Padova – si compone di ben 107 immagini ed è stata resa possibile anche grazie al contributo di Roberto Koch della struttura di produzione fotografica Contrasto, e alla fondamentale collaborazione di una serie di Associazioni (in particolare l’ADV-Associazione Disabili Visivi, l’AIPD-Associazione Italiana Persone Down, la FIADDA-Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi, la UILDM-Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare, Village for all-V4A, Lo Spirito di Stella, FIWH-Federazione Italiana Wheelchair Hockey), che hanno messo a disposizione i propri archivi fotografici.
A coordinare l’incontro inaugurale del 10 gennaio a Padova sarà Stefano Borgato, segretario di redazione della nostra testata e oltre ai saluti del sindaco Ivo Rossi, sono previsti per l’occasione gli interventi di Franco Bomprezzi, direttore responsabile di «Superando.it» e presidente della LEDHA (Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità), Marco Mascia, direttore del Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell’Università di Padova e Matteo Schianchi, storico e collaboratore della FISH.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: tel. 06 78851262, presidenza@fishonlus.it.

Stampa questo articolo