La realtà è fatta di tutti i colori

«Non ci può essere nero e non ci può essere bianco: deve esserci l’arcobaleno»: lo dice uno dei ragazzi che appaiono nel video prodotto dalla UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), intitolato “Giovani e diversità: risorse per il cambiamento”, atto conclusivo di un progetto della stessa UILDM, che ai tanti giovani coinvolti ha lasciato un patrimonio unico di conoscenza ed esperienza sui diritti umani delle persone con disabilità

Realizzazione grafica dedicata al progetto UILDM "Territorio: conoscere per cambiarlo"Incontri, scambi, emozioni, divertimento, ma anche riflessioni, spunti da condividere e auspici per un futuro inclusivo, aperto, libero da barriere fisiche e mentali: sono questi gli elementi essenziali rappresentati nel video Giovani e diversità: risorse per il cambiamento [si legga nel nostro giornale dell’omonimo incontro in Campania, nella primavera scorsa, N.d.R.], prodotto dalla UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) e realizzato da Blu Video Genova, con il sostegno di Fondazione CON IL SUD, e disponibile sul canale YouTube della UILDM stessa. Quasi sei minuti intensi, da guardare tutto d’un fiato, che fanno vedere e soprattutto sentire la profondità e il valore di un’esperienza che ha coinvolto tra il 2013 e il 2014 diverse decine di giovani studenti del Sud Italia.

Il video si inserisce nell’àmbito delle attività promosse con il Progetto Territorio: conoscere per cambiarlo [se ne legga ampiamente anche nel nostro giornale, N.d.R.], avviato a fine 2012 e conclusosi nel mese di giugno di quest’anno, con cui la UILDM è risultata tra i vincitori del Bando Sostegno a Programmi e Reti di Volontariato 2011 di Fondazione CON IL SUD e al quale ha partecipato con le proprie Sezioni di Cittanova (Reggio Calabria), Mazara del Vallo (Trapani) e Napoli. Un’iniziativa che ai tanti ragazzi e alle persone coinvolte ha lasciato un patrimonio di conoscenza e di esperienza unico, riguardante temi come la mobilità delle persone con disabilità motoria e la promozione della pratica sportiva da parte di queste ultime, passando per la sensibilizzazione su diversità e disabilità e per la formazione dei giovani.
In sostanza, Giovani e Diversità: risorse per il cambiamento è il passaggio finale della terza azione del progetto, la più complessa delle quattro che lo hanno caratterizzato. Un’azione promossa in tre istituti scolastici superiori (Don Geremia Piscopo di Arzano, in provincia di Napoli; Vincenzo Gerace di Cittanova; Ruggiero D’Altavilla di Mazara del Vallo), utilizzando come strumento di partenza la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità e, dopo una parte teorica uguale per tutti, differenziando il percorso in tre laboratori dedicati rispettivamente all’accessibilità (Mazara del Vallo), all’educazione (Cittanova), allo svago e allo sport (Arzano).

«L’attività – spiegano a una sola voce i formatori che vi hanno partecipato – è stata finalizzata alla migliore conoscenza del territorio in cui si vive e all’aumento della consapevolezza dell’essere cittadini e promotori della difesa di tutti i diritti, a partire dai diritti umani, e alla promozione di atteggiamenti e comportamenti ispirati alla non discriminazione, alle pari opportunità, all’inclusione, all’equità, alla legalità».
«Questa – dichiara Cira Solimene, che dirige l’Area Progettazione della UILDM e che è la responsabile del progetto – è stata certamente un’esperienza di grande valore, confluita nella realizzazione, da parte dei ragazzi dei tre istituti, di alcuni video in cui gli stessi hanno dimostrato come l’intervento formativo abbia stimolato in loro un cambiamento di punto di vista. I tre video sono stati presentati nel maggio scorso presso l’Istituto di Arzano durante una due giorni finale alla quale siamo riusciti a far partecipare anche gli studenti di Mazara e Cittanova».
Una due giorni, quella cui fa riferimento Solimene, nel corso della quale si sono incontrati percorsi, personalità e storie diverse, guidati con professionalità ed esperienza, che il video conclusivo ha cercato di catturare, offrendo a tutti la possibilità di condividerne i momenti, gli scambi, i pensieri, le emozioni e le riflessioni più significativi. Esso, quindi, si propone non solo come testimonianza di questa bella esperienza, ma più in generale dell’impegno concreto della UILDM nella formazione dei giovani per l’inclusione, la partecipazione e l’abbattimento di tutte le barriere.
Ed è bello chiudere con le parole di uno dei partecipanti, Francesco, che nel video dice: «La realtà sono tutti i colori, non ci può essere nero e non ci può essere bianco: deve esserci l’arcobaleno!». (C.N.)

Ricordiamo ancora che nel canale YouTube della UILDM è disponibile il video intitolato Giovani e diversità: risorse per il cambiamento. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa UILDM (Crizia Narduzzo), uildmcomunicazione@uildm.it.

Stampa questo articolo