Mi girano le ruote

Dieci persone con disabilità in carrozzina su una spiaggia semideserta, in compagnia di due bagnini fannulloni: parte da qui la storia della rappresentazione teatrale giallo-comica “Mi girano le ruote”, che verrà portata in scena il 25 febbraio a Inzago (Milano) dalla Compagnia degli Scarrozzati, composta da persone con diverse disabilità del Centro Residenziale Disabili Simona Sorge (struttura della Fondazione Istituto Sacra Famiglia), con il supporto, per l’occasione, di un noto attore comico e di un educatore

Compagnia Gli Scarrozzati

La compagnia teatrale degli Scarrozzati, sorta all’interno del Centro Residenziale Disabili Simona Sorge di Inzago (Milano)

«Cosa ci fanno dieci persone con disabilità in carrozzina su una spiaggia semideserta, in compagnia di due bagnini fannulloni? Saranno in vacanza oppure stanno pensando di vivacizzare le loro giornate in maniera “alternativa”? E se dietro a questa vacanza si celasse un maldestro tentativo di “insabbiare” la realtà?».
Viene simpaticamente presentata così la rappresentazione teatrale giallo-comica intitolata Mi girano le ruote, che giovedì 25 febbraio verrà portata in scena a Inzago, in provincia di Milano (Cineteatro Giglio, ore 21), dalla Compagnia degli Scarrozzati, composta da persone con diverse disabilità (Flavio Capra, Salvina Candarella, Simone Colaizzi, Valerio Compiani, Davide La Ficara, Stefan Kovatchki, Antonino Messina, Giada Mulazzani, Ernesto Vismara e Cristina Zangone) del Centro Residenziale Disabili Simona Sorge di Inzago, struttura della Fondazione Istituto Sacra Famiglia.
A supportarle per l’occasione vi saranno l’attore comico Claudio Batta, noto anche al pubblico televisivo per Zelig e Belli dentro, e l’educatore del Centro di Inzago Paolo De Gregorio, autori del testo di Mi girano le ruote, che saranno anche protagonisti di un breve sketch in conclusione di serata, durante la quale, tra l’altro, oltre alla rappresentazione teatrale, è prevista la proiezione del cortometraggio intitolato Multisala, interpretato da ospiti, operatori, parenti e volontari del Centro Simona Sorge. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: maurizia.leonelli@alice.it.

Stampa questo articolo