Raccontiamo all’estero il lavoro delle persone con sindrome di Down

Sono impegni a livello internazionale, quelli che vedono protagonista in questi giorni l’AIPD (Associazione Italiana Persone Down), la cui coordinatrice nazionale Anna Contardi parteciperà appunto a due convegni, rispettivamente in Slovenia e Croazia, per esporre l’esperienza della propria organizzazione in àmbito di inclusione al lavoro da parte delle persone con sindrome di Down

Giovane lavoratrice con sindrome di Down

Una giovane lavoratrice con sindrome di Down

Sono impegni a livello internazionale, quelli che vedono protagonista in questi giorni l’AIPD (Associazione Italiana Persone Down), la cui coordinatrice nazionale Anna Contardi parteciperà appunto a due convegni, rispettivamente in Slovenia e Croazia, per esporre l’esperienza della propria organizzazione in àmbito di inclusione al lavoro da parte delle persone con sindrome di Down.

Il primo evento, dunque, è in corso di svolgimento oggi, 17 novembre, a Lubiana, capitale della Slovenia, ed è l’ottavo Convegno sul tema del lavoro e della sicurezza sociale per le persone con sindrome di Down e altre disabilità intellettive, promosso dalla locale Associazione Downov sindrom Slovenija (Associazione per la qualità della vita delle persone con sindrome di Down).
Domani, invece, venerdì 18, il focus dei lavori si sposterà a Zagabria, capitale della Croazia, per l’incontro intitolato Il lavoro delle persone con sindrome di Down, esempi di buone pratiche, organizzato dall’Associazione croata Hrvatska zajednica za down sindrom. (S.G.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampaaipd@gmail.com (Marta Rovagna).

Stampa questo articolo