Un gol alla SLA, per Nino

Attori, ex calciatori e ben duemila spettatori sono arrivati allo Stadio di Pietra Ligure (Savona), per festeggiare con una bella manifestazione sportiva i quarant’anni di Nino, una persona di Malvito (Cosenza), residente da tempo in Liguria e impegnata fino ad alcuni anni fa proprio sui campi di calcio, prima di essere colpita dalla SLA (sclerosi laterale amiotrofica). Dietro a tutto, la “mano” dell’Associazione AxB (Amici per i Bambini), che con tale evento, intitolato “Buon Compleanno a Nino… Un calcio alla SLA”, ha concretizzato il sogno di Nino e realizzato una positiva raccolta fondi

Pietra Ligure (Savona), 11 giugno 2017, "Buon Compleanno Nino... Un calcio alla SLA"

Foto di gruppo per Nino, allo Stadio De Vincenzi di Pietra Ligure (Savona)

Nino è una persona di Malvito, piccolo centro in provincia di Cosenza, che ormai da molti anni vive a Pietra Ligure, in provincia di Savona, dove la compagna Maria e i familiari lo aiutano a sopportare la patologia da cui è affetto. Nino, infatti, che solo pochi anni fa giocava a calcio con gli amici della AxB a Malvito, è vittima della SLA (sclerosi laterale amiotrofica), la grave malattia neurodegenerativa che compromette progressivamente i movimenti della muscolatura volontaria.
«Qualche tempo fa – racconta Ugo Scalise, fondatore e presidente dell’Associazione AxB (Amici per i Bambini) di Malvito – Nino aveva espresso il desiderio di realizzare un grande sogno: rivedere gli amici di una vita, i compagni della nostra Associazione. Lo abbiamo accontentato: tanti amici, e non solo da Malvito, lo hanno raggiunto a Pietra Ligure, circondandolo di affetto e testimoniando che l’amore riesce sempre e comunque a superare qualsiasi barriera».

Il progetto Buon Compleanno Nino… Un gol alla SLA – consistente in un triangolare di calcio giocato dalle squadre della AxB di Malvito e di Pietra Ligure e da quella dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Pietra Ligure 1956 – è stato dunque realizzato grazie all’iniziativa di US Management e di AxB, che con Scalise, Michele Bruno e un altro folto gruppo di sostenitori, si sono prodigati per diversi mesi al fine di portare a conclusione l’iniziativa. E alla fine ben duemila persone sono arrivate allo Stadio De Vincenzi di Pietra Ligure, per festeggiare il quarantesimo compleanno di Nino e per raccogliere fondi (6.000 euro), che verranno utilizzati a sostegno dell’AISNAF (Associazione Italiana Sindromi Neurodegenerative da Accumulo di Ferro) e dell’AISLA (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica), oltreché per acquistare un Muscolar Switch, ausilio che agevolerà la comunicazione di Nino.

Nata soprattutto per lavorare a favore dei bambini che vivono in gravi situazioni di disagio fisico e psichico, l’Associazione AxB organizza spesso convegni e manifestazioni culturali e sportive, utili a raccogliere fondi e a sensibilizzare l’opinione pubblica e le Istituzioni in àmbito di solidarietà verso le persone più vulnerabili. Tra le varie attività, da ricordare in particolare l’ assistenza alla Fondazione Bambini in Emergenza, che fu istituita a suo tempo dal compianto giornalista Mino Damato e che si prende cura dei bambini di Bucarest sieropositivi o con HIV conclamato, il sostegno alla costruzione in Argentina (a La Quintas di La Plata) della Casita de Ughetto, che accoglie e ospita bimbi dai 45 giorni ai 3 anni, senza dimenticare la costante assistenza a decine di Case di Accoglienza di bambini in difficoltà in tutto il territorio nazionale e il supporto alla ristrutturazione del Reparto di Oncologia Pediatrica dell’Ospedale Annunziata di Cosenza.
E ancora, l’Associazione ha attivato una serie di corsi sulla legalità per i minori, in collaborazione con la Polizia Postale, promuovendo a livello nazionale, presso varie scuole primarie, lezioni sui rischi connessi all’utilizzo improprio dei mezzi di informazione e telematici, nonché sul comportamento da assumere nell’ipotesi in cui i giovani minorenni vengano a contatto con persone sconosciute o di dubbie intenzioni.
Infine, il costante aiuto a numerose Associazioni italiane e straniere, impegnate sul fronte umanitario, ciò che ha portato AxB ad essere premiata nel 2006 con una Medaglia d’Argento del Presidente della Repubblica.

Un gol alla SLA è stato dunque uno degli ultimi eventi organizzati da AxB, che ha dato a tutti una grande soddisfazione, viste le numerose presenze arrivate da tutta Italia, per festeggiare Nino e la sua voglia di vivere.
Tra gli altri, hanno partecipato anche gli attori Sebastiano Somma, Gilles Rocca, Morgana Forcella e Loredana Cannata (madrina della manifestazione), i grandi ex calciatori Alessandro Altobelli, Evaristo Beccalossi e Gianpiero Marini, l’allenatore Gigi Maifredi e molti altri ancora.

Stampa questo articolo